Manfredonia

Approvigionamento idrico Tremiti, 760mila euro alla Vetor

Di:

Isole Tremiti, San Nicola (st - Ph: leisoletremiti.it)

Bari – CON recente delibera la Regione ha disposto la variazione in termini di competenza e cassa della complessiva somma di € 760.000,00 – con prelievo dal Cap. 111010 “Fondo di riserva per spese obbligatorie e d’ordine” e contestuale reiscrizione sul capitolo di spesa – “Spese per l’approvvigionamento idrico delle Isole Tremiti. L. 549/95” del Bilancio 2012, con obbligo al Dirigente del Servizio Affari Generali di adottare, entro il corrente esercizio finanziario, appositi atti dirigenziali di impegno e liquidazione nei confronti dell’appaltatore, soc. Vetor s.r.l. di Anzio (RM), delle spese dovute per l’anno in corso per l’approvvigionamento idrico delle Isole Tremiti.

In precedenza, con determinazione n. 172 del 29/07/2010 il Dirigente del Servizio Affari Generali della Regione aveva aggiudicato in via definitiva alla società VETOR S.r.l, con sede in Anzio (RM), l’appalto per l’approvvigionamenti idrico delle Isole Tremiti. Il rapporto contrattuale tra le parti è stato formalizzato con atto assunto al repertorio n. 011875 del 11/08/2010. Il Bilancio di previsione 2012 ha stanziato sul competente capitolo di spesa 562011 la somma di 1.600.000,00.
euro.

Con provvedimento n.20 del 09/02/2012 il Dirigente del Servizio Affari Generali ha provveduto ad impegnare sul capitolo n. 562011 del Bilancio regionale 2012 la somma di € 1.600.000,00 pari all’intero stanziamento.Il Servizio Affari Generali con propri atti dirigenziali ha provveduto a pagare nel corrente anno le fatture emesse dalla Società Vetor srl per un importo complessivo di € 1.530.366.87. Allo stato attuale il capitolo di spesa 562011 presenta una disponibilità di € 69.636,13, insufficiente a far fronte al pagamento della fattura nr. 156 del 05/09/2012 di importo pari ad € 330.463,85, IVA inclusa, e delle fatture che saranno emesse per il periodo settembre-dicembre 2012, che possono stimarsi, con riferimento alla storicità della spesa relativa all’appalto in corso, in € 500.000,00.

Considerato che il suddetto capitolo di spesa 562011, in capo alla U.P.B. 8.3.1 del Servizio Affari Generali, risulta classificato come “spesa obbligatoria”, come specificato nel Bilancio di previsione 2012, la Giunta regionale ha ritenuto necessario ricorrere al prelievo della somma di € 800.000,00 dal “Fondo di riserva per spese obbligatorie e d’ordine”, di cui all’art. 49 della L.R. 28/01 – Cap. 1110010 del Bilancio 2012, per integrare gli stanziamenti di competenza e cassa, risultati insufficienti, al fine di fronteggiare la spesa riveniente dal contratto di appalto in
corso.


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi