Lavoro

Coca Cola: FLAI CGIL, il 22 novembre sciopero nazionale

Di:

Coca Cola: FLAI CGIL, il 22 novembre sciopero nazionale (st)

Roma – “LANCIAMO un appello affinché tutti i lavoratori aderiscano allo Sciopero del 22 novembre dando forza alle organizzazioni sindacali. Abbiamo la convinzione che la risposta di tutti i lavoratori del Gruppo HBC Coca Cola alla dichiarazione di sciopero generale unitario di 8 ore, proclamato dalle tre Federazioni FAI, FLAI e UILA, sarà ampia, convinta e molto partecipata”. Lo dichiara Pietro Ruffolo, Segretario Nazionale FLAI CGIL, a due giorni dallo sciopero proclamato per scongiurare gli esuberi annunciati dal Gruppo Coca Cola.

“I processi di terziarizzazione nella sede di Milano, della logistica, la chiusura della Fabbrica di Elmas e gli esuberi di 209 unità nel settore commerciale rappresentano il fallimento delle strategie del Management Coca Cola in Italia. I lavoratori non possono pagare il conto, ad esempio, delle scellerate politiche commerciali che, a cominciare dalla costosa inutilità del Good Morning, manager strapagati inventano di volta in volta per giustificare i loro compensi. I lavoratori – prosegue Ruffolo – sono stufi che si facciano sperimentazioni sulla loro pelle. Giudichiamo grave che il gruppo dirigente di Coca Cola HBC non sia riuscito a valorizzare e preservare la professionalità dei lavoratori italiani, che in questi anni hanno permesso lo sviluppo del gruppo a livello europeo, gestendo l’integrazione dei paesi dell’Est Europa nel sistema Coca Cola e sostenendo lo sviluppo di questi mercati con i profitti realizzati nel contesto italiano. La qualità delle relazioni sindacali è determinata dai rapporti di forza e in questo caso i lavoratori hanno la possibilità di dimostrare che sono capaci di scendere in campo per essere padroni del loro destino”.

“La riuscita dello sciopero – conclude il Segretario Nazionale della FLAI – è la condizione essenziale per consentire al sindacato unitario di modificare radicalmente e ridimensionare pesantemente le scelte dell’attuale management del gruppo”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi