Manfredonia

Disciplinare Comune per utilizzo Rete, anche licenziamento

Di:

Un utilizzo errato della propria postazione internet sul lavoro (st@)

Manfredonia – COME anticipato, approvata l’adozione del “Disciplinare per il corretto utilizzo degli strumenti informatici e della rete telematica del Comune di Manfredonia”.


Le motivazioni.
“L’uso indiscriminato della rete sovraccaricata genera blocchi di funzionamento che impediscono o ritardano l’effettivo utilizzo della stessa per i primari compiti e adempimenti istituzionali”. “L’elevato uso della tecnologia informatica (e in particolare l’accesso alla rete informatica e telematica, Internet e posta elettronica) come strumento di lavoro in questo Comune, impone la necessità di regolamentarne l’utilizzo, allo scopo di fornire agli utenti, (dipendenti, amministratori e collaboratori) adeguata informazione circa le modalità da seguire per un corretto utilizzo degli strumenti e delle risorse informatiche e telematiche messe loro a disposizione per lo svolgimento delle proprie mansioni istituzionali, in modo che possano collaborare alle politiche di sicurezza messe in atto”.

Inoltre sono risultati necessari “adeguati e commisurati sistemi di controllo sul corretto utilizzo degli strumenti e delle risorse informatiche e telematiche, senza che ciò possa in alcun modo invadere e violare la sfera personale del lavoratore e quindi il suo diritto alla riservatezza ed alla dignità come sancito dallo Statuto dei Lavoratori e dal D.Lgs. 196/03 ed in ottemperanza alla novella norma riguardante il funzionamento della Pubblica amministrazione specie in ordine alla prevenzione di abusi ed illeciti usi del patrimonio e degli strumenti della PA”.


IL DISCIPLINARE. Come precisato all’articolo 7 (vedasi allegato in basso) – Mancata osservanza del Disciplinare : “1. Il mancato rispetto delle regole e dei divieti di cui al presente Disciplinare costituisce violazione del Codice di comportamento e determina, nel rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità, l’applicazione delle sanzioni disciplinari previste dalle disposizioni di legge e dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro vigente, fatto salvo comunque il diritto del Comune al risarcimento dei danni eventualmente patiti a causa della condotta del lavoratore”.


2. L’utente degli strumenti informatici e telematici del Comune di Manfredonia che abbia violato il presente Disciplinare o la normativa richiamata, potrà essere sottoposto ad azione disciplinare in conformità a quanto stabilito dai contratti collettivi. 3. Nel caso in cui l’utilizzo non corretto degli strumenti di lavoro sopra descritti e assegnati all’utente dovesse arrecare danno al funzionamento del sistema informativo del Comune, o pregiudizio all’immagine dell’Ente o fosse configurato come reato, il Comune di Manfredonia, oltre all’avvio delle procedure per l’adozione delle misure disciplinari, si riserva di far valere nelle sedi più opportune ogni altro suo diritto”.


“4. Nei confronti dei collaboratori e del personale non dipendente dell’Amministrazione comunale autorizzato a prestare la propria attività lavorativa nel Comune di Manfredonia, in caso di violazioni del presente disciplinare, saranno applicabili misure quali la revoca delle assegnazione e/o autorizzazioni all’uso di dispostivi e della rete informatica comunale, la sospensione, o risoluzione del rapporto contrattuale in corso, nonché, in presenza dei necessari presupposti, il ricorso alle azioni amministrative e/o giudiziarie, anche di tipo risarcitorio, necessarie ai fini della tutela dei diritti e degli interessi dell’Amministrazione”.


Il Disciplinare sostituisce ed abroga eventuali procedure o disposizioni con esso incompatibili. Copia del Disciplinare è stata affissa in ogni luogo di lavoro e messo a disposizione attraverso
la pubblicazione in rete.


3 posizioni organizzative permanenti per l’Ente.
“Delibera G.C. 297: individuate 3 posizioni organizzative dell’Ente con natura permanente nell’organizzazione burocratica della PA”. Proprio di recente,con deibera di g.c.297/2012 (con revoca e riadozione della D.C.G.288/2012) si è individuato 3 posizioni organizzative dell’Ente con natura permanente nell’organizzazione burocratica della PA. Fra queste una per il Gabinetto del Sindaco, un’altra proprio per i Sistemi informativi – Servizi demografici, la terza per “Lavori pubblici e manutenzione”.


In attesa delle determine.
Si ricorda che è in discussione anche il ruolo del garante dell’informazione per l’attesa pubblicazione integrale delle determine dirigenziali on-line.


Redazione Stato, defilippo@riproduzioneriservata


Slide



Vota questo articolo:
17

Commenti


  • giiuanumunicip

    Come volevasi dimostrare…..


  • Franco

    Da che pulpito viene la predica…


  • michele

    Credo che si stia esagerando! Giusto il disciplinare, ma in tutte le cose deve prevalere sempre il buon senso! A proposito non sarebbe l’occasione di mettere qualche ripetitore Vodafone, Wind e Tim al Comune considerato che questi segnali non arrivano o arrivano debolmente? La domanda la pongo a qualche amministratore.


  • Nico

    La domanda viene spontanea. Tutto questo polverone per cosa? Il beneficio del cittadino? Chi sono che fanno parte di questo pool che verifica? Quanti soldi prendono? Questa famosa rete che si blocca che danno fa al cittadino? Ma davvero questo era il problema serio del nostro comune? Adesso si che il comune non avrà più problemi. Ma scusate se rallenta la rete che dramma succede? Aumentano i costi? È se fosse tutto per aumentare lo stipendio di qualcuno?


  • barabba

    Mi sembra un atto di buon senso. Non sono d’accordo con chi pensa che si stia esagerando. L’abuso dei mezzi d’ufficio, evidentemente durante l’orario di lavoro, equivale ad un furto, soprattutto se avviene nei locali di una pubblica amministrazione. Adesso bisogna vedere chi sarà in grado di applicarlo questo disciplinare, visto che gran parte dei dipendenti che abusano ed hanno abusato sono già conusciuti e comunque con i mezzi informatici (passwords) non ci si può sbagliare!! Non possiam o certo dimenticare che molti dipendenti comunali a Manfredonia sono direttamente o indirettamente imparentati o legati a funzionari e ad amministratori. Sarebbe davvero auspicabile che questa amministrazione prendesse provvedimenti per interrompere l’annoso problema dell’imboscamento e della scarsa produttività di molti di questi- Sono sicuro che questo nuovo strumento potrà aiutare ad invividuare le unità improduttive.


  • Francesko

    Internet non sanno usarlo perche durante le ore di lavoro vanno a fare ……..


  • antonio

    Scusate ma perche’ gli operatori del comune sanno usare internet???Ma verament???


  • ale

    STATE ESAGERANDO CON STE CAZZ..ATE
    PENSATE AI FATTI PIU SERI E A TUTTI I PROBLEMI DELLA CITTA DAI COMPARTI ALL’IMMONDIZIA.
    E POI A TUTTI VOI PSEUDO POLITICI O ASSESSORI VARI
    NEMMENO VOI DOVRESTE UTILIZZARE LA RETE INTERNET PERCHE’
    …….
    QUINDI COME VEDETE SPRECATE ENERGIE E TEMPO X STUPIDAGINI


  • ale

    X REDAZIONE
    CENSURATE LA FRASE RELATIVA AL FATTO CHE FARE IL POLITICO O L’ASSESSORE NON SIA UN LAVORO??
    NON E’ CHE TU CHIEDI AD UN NOSTRO ASSESSORE: MA TU CHE LAVORO FAI?
    E QUELLO TI RISPONDE FACCIO L’ASSESSORE

    ……PERCHE’ IL VOSTRO NON E’ UN VERO LAVORO… (RIFERITO AI POLITICI, ASSESSORI, CONSIGLIERI, SINDACI E PRESIDENTI)
    PER QUESTO NON DOVREBBERO AVERE NEMMENO INTERNET RISPETTO AI VERI DIPENDENTI


  • Redazione

    Gentile lettore,
    svolto con professionalità, senso di responsabilità e dedizione è un lavoro, è un importante lavoro, esattamente come i banchieri, i ragionieri, gli esattori, gli sportellisti delle poste italiane; etc, secondo una nostra visione; in ogni modo lasciamo integralmente il Suo commento, grazie, buona giornata; Red.Stato


  • ale

    gentile redazione
    fare il politico, l’assessore il consigliere non è affatto un lavoro
    anzi
    dire questo offende tantissime persone
    come me, che giorno dopo giorno spaccandosi la schiena, sottopagati, costretti spesso a subire nella propria dignità e nel proprio carattere per non perdere il LAVORO, il VERO lavoro per portare avanti la famiglia
    quindi redazione su, dai,
    non dire queste cose.
    grazie a voi
    e,
    a VOI SI BUON LAVORO
    🙂


  • Redazione

    Gentile Ale,
    La ringraziamo per l’intervento e per il buon lavoro, che ricambiamo; comprendiamo il disagio, le umiliazioni alle quali si riferisce; Amministrare una comunità, se fatto con dedizione, impegno, professionalità, coscienza, sacrificio, dovrebbe rappresentare a tutti gli effetti un lavoro; ma naturalmente rispettiamo il Suo pensiero, con un grande in bocca al lupo per il suo lavoro; a presto; Red.Stato

    NOTA
    Invitiamo tutti i lettori ad una riflessione in merito; grazie


  • Grazie Stato Quotidiano

    Il datore di lavoro senza tante storie ed intimidazioni, può, tramite il server inibire l’accesso ai siti:
    sessuali;
    giochi on line;
    chat;
    scarico programmi e musica
    e quant’altro. Mi pare esagerata la perdita del lavoro
    Ma non capisco un perchè un dipendente avendo un mezzo cosi potete, utile, non possa spendere un pò di tempo per informarsi e leggere qualcosa.
    Informarsi perferziona anche la preparazione professionale del dipendente.
    Detto ciò, può anche a campione verificare i tipi di link aperti da una postazione ma non può certo diffondere o rendere pubblico, come non può controllare la posta elettronica degli impiegati.
    Alla luce di questi provvedimenti, c’è da dire che anche il datore di lavoro è tenuto a rispettare la legge per non incorrere in denunce in materia di protezione del lavoro, innanzitutto si deve preoccupare di far fare uno straccio di corso utile per mettere le mani sul computer, l’uso del computer che può arrecare danni alla vista e quant’altro deve essere ufficializzato con una trascrizione sulla pandetta lavorativa del dipendente, in modo che in futuro possa chiedere i danni al datore di lavoro. Le postazioni di lavoro debbono essere in regola con la normativa sulla sicurezza, dall’illuminazione, alle pedane, agli schermi e a tutto ciò che orbita attorno. Inoltre dopo un determinato numero di oreal pc, spetta un periodo
    di riposo visivo, non so la durata un ora o di meno, lontano dagli schermi.
    Insomma quando si cerca la perfezione, bisogna anche fornirla, no?
    E’ ovvio che se un utente si becca una denuncia perchè ha inviato una mail offensiva o altro, se ne assume tutte le responsabilità, è ovvio anche che non bisogna fare un uso ludico dei mezzi informatici e non bisognare fare alcun che che possa rallentare o inficiare il sistema, ma anche il datore di lavoro ha i suoi obblighi da rispettare, come ad esempio quello di inviare a visita medica periodica gli operatori dei pc. Lo fanno tutti?


  • Grazie Stato Quotidiano

    Dimenticavo, tutte le postazioni dell’amminstrazione comunale, dal sindaco all’ultimo impiegato, dovrebbero essere controllate dalla Prefettura che è l’organo immediatamente superiore al Comune, solo cosi sarebbe sicuro che ci sarebbe parità di trattamento e di controllo..


  • barabba

    Mi sembra che l’interpretazione appena letta sia da Stao di Polizia. Quindi, se ho ben capito, la Prefettura deve assumere del personale, formarlo, garantirgli un’ adeguata retribuzione e poi metterlo a controllare cosa guarda o legge l’usciere del Comune, mettiamo solo ad esempio, di Manfredonia…Mi sembra missione da OO7 Goldfinger. Ma tutto questo, tutti sti soldi della comunità per garantire che qualche briccone che per errore ha digitato un sito per adulti, invece che a casa sua nelle stanze del comune, quindi in un luogo di tutti, (attenzione, non pubblico, ma di tutti), anche il suo. Ma credo che se c’è ancora qualcuno che pensa che tra i diritti acquisiti ci sia anche il diritto di abusare della cosa altrui, allora forse il disciplinare andrà presto esteso anche ai comportamenti immorali dei cittadini oltre che a quelli dei dipendenti del nostro amato Municipio.


  • Grazie Stato Quotidiano

    C’è personale in esubero tanto esubero e anche preparato perchè non impiegarlo anche in quel modo?


  • barabba

    Perchè poi ci vorrebe qualcuno che controlla questo “personale ” addetto al controllo. No? senno’ poi pure questi si iniziano a guarda Cicciolina e stiamo punto e accapo!! Allora meglio ELIMINARE il problema alla radice e gli “esuberi” li mettiamo a lavorare, che non gli farebbe male…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi