CronacaRegione-Territorio

Ilva, depositata istanza per dissequestro impianti

Di:

Il presidente dell'ilva Bruno Ferrante (ST - cantieretaranto@)

Taranto – I legali dell’Ilva hanno depositato in data odierna l’istanza per il dissequestro dell’area a caldo dello stabilimento di Taranto che la Procura ha posto sotto sequestro lo scorso 26 luglio. Il Deposito è successivo al via libera da parte del Ministro Clini al progetto per l’applicazione dell’AIA presentato dalla Società. Senza la piena disponibilità degli impianti sarebbe infatti impossibile all’Azienda applicare le direttive previste dall’AIA. Il provvedimento di sequestro preventivo da parte dell’Autorità Giudiziaria per gli impianti delle “aree a caldo” dello Stabilimento siderurgico Ilva di Taranto e i provvedimenti di custodia cautelare degli ex vertici dell’Azienda “sono infatti basati su perizie acquisite su un incidente probatorio in cui una parte importante hanno la perizia chimica e la perizia epidemiologica disposte dal GIP, che sono da considerarsi totalmente inaffidabili.

I livelli di PM10 registrati a Taranto – peraltro inferiori rispetto a moltissime altre città italiane ed estere – non possono essere considerati responsabili di presunti eccessi di patologie che sono state stimati su base statistica utilizzando parametri che l’OMS considera come “obiettivo” da raggiungersi in futuro ma non nei prossimi anni, ma che non sono né reali né in vigore in nessun Paese, mentre l’aumento di alcune patologie tumorali (come ad esempio il mesotelioma, che ha un periodo di latenza a volte di oltre trent’anni) sono sicuramente ascrivibili a un periodo di sedimentazione più lungo rispetto ai tempi prospettati dalle Autorità e alle emissioni dell’Ilva, quindi ad una gestione precedente a quella dell’attuale proprietà e ad altre entità presenti sul territorio ove l’utilizzo dell’amianto è stato assai più massiccio di quanto non sia stato per l’ILVA. L’Ilva peraltro ormai da molti anni ha provveduto a una massiccia campagna di rimozione dell’amianto utilizzato dalle precedenti gestioni. Per le osservazioni sulle perizie il parere di illustri esperti nazionali e internazionali.

Queste in sintesi le conclusioni contenute nei commenti alle perizie condotti dal professor Paolo Boffetta, dell’Institute for Translation Epidemiology del Mount Sinai School of Medicine di New York, USA, e dal professor Carlo La Vecchia del Dipartimento di Scienze Cliniche e di Comunità dell’Università degli Studi di Milano, e in quelli realizzati dal Professor Marcello Lotti del Dipartimento di Medicina Ambientale e Sanità Pubblica dell’Università di Padova unitamente al Professor Lorenzo Alessio, Ordinario di Medicina del Lavoro all’Università di Brescia, al Professor Vito Foa, del Dipartimento di Medicina del Lavoro – Clinica del Lavoro L. Devoto, al professor Angelo Moretto Ordinario al Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche dell’Università degli Studi di Milano e al Professor Stefano Porru, del Dipartimento di Medicina Applicata – Dipartimento di Medicina del Lavoro dell’Università di Brescia.

Questi dati e queste conclusioni sono altresì confortati dai maggiori esperti mondiali che hanno collaborato con Exponent – società di consulenza scientifica ed ingegneristica internazionale quotata alla Borsa di New York che ha preso parte alle indagini sulle principali crisi industriali come per esempio l’incidente della Exxon Valdez, l’inondazione del centro di Chicago, l’attacco al World Trade Center di New York – nel valutare le perizie di Taranto. Le perizie disposte dal GIP utilizzano parametri che entreranno in vigore solo nel 2016.

Secondo i commenti realizzati dagli esperti per i legali di Ilva, la perizia chimica disposta e presentata dal GIP, infatti, aggiorna i quantitativi di PM10 alle prescrizioni aggiornate al febbraio del 2012, che entreranno in vigore solo nel 2016, mentre secondo i parametri attuali adottati per Legge da tutti i Paesi – e anche dall’Italia – per salvaguardare la tutela della salute pubblica, la soglia delle PM10 nell’aria non deve superare i 50 microgrammi per metro cubo giornaliera (40 la soglia media annuale), con un limite di 35 sforamenti annui consentiti, soglie ampiamente rispettate a Taranto anche secondo i periti del Giudice.

In particolare infatti, nella perizia prodotta si legge che “relativamente alla conformità alle norme nazionali e regionali, i valori misurati alle emissioni dello stabilimento ILVA con gli auto controlli del Gestore nell’anno 2010 risultano conformi sia a quelli stabiliti dalle precedenti autorizzazioni e sia ai valori limite previsti dal recente decreto di AIA del 5 agosto 2010″. E ancora come “con l’ultimo adeguamento dell’impianto di abbattimento del camino E312 a servizio dell’agglomerato, si evidenzia come questa emissione venga campionata e misurata secondo quanto previsto dalla norma regionale, in particolare per quanto riguarda le diossine, e risulta conforme ai limiti regionali prescritti per le diossine e recepite dal decreto AIA”.

Nei verbali dell’audizione in aula “l’Ilva rispetta tutte le normative”. Oltretutto, nel corso dell’audizione in aula per la presentazione delle perizie al Giudice, è stato ribadito più volte dai periti stessi che “L’ILVA rispetta le normative”, e ancora “l’Ilva rispetta tutte le prescrizioni dell’AIA, quindi le norme vigenti”; “secondo la letteratura sono valori entro i limiti accettabili”; in una scala di valori elevati, elevatissimi, medi o bassi i valori di Taranto sarebbero per stessa definizione dei periti “medio-bassi” e “starebbero abbondantemente dentro i limiti”. A Taranto il livello delle PM10 è inferiore a quello della Pianura Padana.

Le stime di particolato medio (PM10) a Taranto riportate nella perizia del dottor Forestiere, del professor Biggeri e della professoressa Triassi per incarico del GIP del Tribunale di Taranto, variano infatti da 22,9 a 34,9 microgrammi/m3 nel periodo 2004-2010 e questi livelli sono peraltro considerevolmente inferiori ai livelli medi annui di 45-55 microgrammi/m3 registrati oggi in altre aree urbane del Nord Italia, come Firenze, Roma, Milano o altre numerose aree urbane e non. Peraltro, per gli effetti a breve termine, basati sui dati disponibili delle centraline, nella perizia prodotta dal GIP non c’è alcuna stima della quota di particolato attribuibile alle emissioni dell’Ilva, pur essendo i valori dell’intero particolato nel suo complesso inferiori a quelli dei limiti di legge.

Per quanto riguarda i dati a breve termine, i giorni di superamento della soglia di 50 microgrammi/m3 sarebbero ristretti al periodo 2005-2008, e non ce ne sarebbe nessuno nel 2009-2010; 6 a Machiavelli e 2 ad Archimede nel 2011, oltre ai 35 ammessi nella normativa. L’eventuale impatto di tali superamenti sulla salute è quindi trascurabile, senza considerare che in molte aree urbane del Nord Italia si registrano oltre 100 superamenti annui. Per esempio, l’ultimo report di Legambiente, indica la città di Taranto al 46° posto relativamente al numero di superamenti annui.

Per quanto concerne gli effetti a lungo termine, che sarebbero comunque da riferire a esposizioni del lontano passato, le stime di esposizioni per l’intero periodo di 13 anni dal 1998 al 2010 sono riferite a due sole campagne condotte nel 2004 su un totale di 33 giorni, quantitativamente e qualitativamente irrilevanti e quindi da considerarsi del tutto inattendibili. Gli effetti a lungo termine riferiti ai lavoratori – se reali – riguardano soggetti con impiego nel settore siderurgico nel periodo che va dal 1974 al 1997.

“Dalle osservazioni alle perizie emerge che sul fronte epidemiologico, gli effetti a lungo termine sulla popolazione generale – se reali – non sono coerenti in maschi e femmine, con un moderato aumento di rischio nei maschi ma una moderata riduzione di rischio nelle femmine, e non sono quindi attribuibili all’inquinamento ambientale”. “Inoltre gli effetti a lungo termine riferiti ai lavoratori – se reali – riguardano soggetti con impiego nel settore siderurgico nel periodo che va dal 1974 al 1997, periodo che non riguarda l’attuale proprietà”, è riportato nelle osservazioni. A tutto ciò va aggiunto che la nuova gestione Ilva ha investito pesantemente nel miglioramanto della tecnologia degli impianti con oltre 4,3 miliardi di euro, di cui 1,2 per problematiche ambientali.

Per molti tumori non sono note correlazioni con l’inquinamento da PM10 (stomaco, prostata, melanomi, ecc.) e per altri (mesoteliomi) l’eccesso deve essere ricercato in esposizioni professionali estranee all’Ilva. L’attribuzione all’inquinamento di alcuni eccessi potrebbe essere riferita alle condizioni ambientali dei decenni passati, considerando anche la lunga storia delle neoplasie la cui pluridecennale latenza è scientificamente accertata. La presenza di diossine comparabile a quella di altre aree e città italiane e straniere

Sul fronte delle diossine nel suolo e nell’aria, i dati delle concentrazioni nel suolo/vegetazione/aria a Taranto – da quanto emerge dalle osservazioni prodotte – sono comparabili a quelli rilevati in altre aree del mondo e italiane (rurali e remote, residenziali e urbane antropizzate). In generale, non esiste una popolazione TEQ (Tossicita Equivalente) free, cioè si possono sempre misurare livelli di diossine nel sangue della popolazione umana. Livelli background oggi sono 2-3 ng/kg di lipidi. Non risultano norme sui valori limite (anche per obiettivi di qualità) per l’aria ambiente di vita o di lavoro in Italia.

Peraltro nelle perizie disposte dal GIP, i periti stessi ammettono che “circa gli effetti cancerogeni derivanti dall’analisi effettuata dall’IARC (International Agency on Research on Cancer), anche se esistono diversi studi circa la relazione tra cancro del polmone, sarcoma dei tessuti molli e linfoma non Hodgkin ed esposizione a diossine, l’associazione di causalità rimane limitata e dubbia”.
Parlando di letteratura scientifica mondiale, “se alle diossine nella perizia “è riconosciuto un ruolo cancerogeno per i tumori nel loro complesso per i tumori del sistema linfoematopoietico e per tumori del tessuto connettivo, come i sarcomi dei tessuti molli”, alla luce della letteratura scientifica l’eccesso descritto viene ricondotto a soli 3 casi riportati in impiegati in siderurgia mentre non vi è un eccesso significativo negli operai. Gli eccessi – dibattuti – dei tumori nei tessuti molli, se reali, sono stati documentati per esposizioni in contesti ambientali/lavorativi molto differenti e per entità di esposizione molto più elevate. Pericolo, rischio e causa di malattia non sono la stessa cosa e non vanno confusi. Nelle osservazioni alle perizie disposte dal GIP si evidenzia inoltre la confusione fra “pericolo”, “rischio” e “causa di malattia”.

Pericolo, rischio e causa di malattia, non hanno lo stesso significato. In base all’equivalenza pericolo=rischio=causa come appare nella perizia disposta dal GIP risulterebbe che una volta accertata la presenza di un pericolo ne derivino direttamente l’esistenza di un rischio e la causa delle malattie. Rischio e pericolo non sono equivalenti, perché il primo rappresenta la probabilità che si verifichi il secondo, così come rischio e causa non sono equivalenti perché il primo si riferisce a popolazioni e la seconda ad un determinato individuo.

Con queste pericolose equivalenze si spiega anche il largo spazio dato nella perizia disposta dal GIP ai risultati sull’inquinamento da IPA (idrocarburi policiclici aromatici) metalli pesanti, diossine e benzene che, per una sorta di effetto di trascinamento degli studi sul particolato, vengono considerati responsabili dell’asserita ma documentalmente inesistente emergenza ambientale. Conclusione questa a cui è pervenuto anche il TAR della Puglia con numerosi provvedimenti in data 19 marzo 2012; 11 aprile 2012 e definitivamente con sentenza n.1550 del 12 luglio 2012.


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • avv. Gegè Gargiulo

    Da: Avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

    Il proprietario e l’ amministratore rispondono dell’infortuni causato da un impianto elettrico non a norma.

    Se l’impianto elettrico non è a norma, sebbene possa riconoscersi un concorso di colpa della vittima, rispondono di omicidio colposo sia il proprietario dell’abitazione che l’amministratore di fatto. E’ quanto ha stabilito la Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione, con la recente sentenza 10 ottobre 2012, n. 40050.

    Il caso vedeva un uomo, essere raggiunto da scarica elettrica mentre si trovava sotto la doccia; dopo aver vanamente disattivato l’interruttore generale della propria abitazione, stante che la dispersione elettrica non era cessata, si recava sulla terrazza, ove erano alloggiate le vasche dell’acqua, rimanendo folgorato. Notata la presenza di un cavo elettrico poggiato su un tubo conducente acqua potabile, collocato, a sua volta, vicino la ringhiera, veniva rilevata dal personale ENEL una rilevante dispersione elettrica.

    Secondo i giudici di legittimità, è certo che ove fosse stato regolarmente posto in essere lo strumento efficiente del c.d. “salvavita” il tragico evento non si sarebbe dato, perchè l’immediata disattivazione elettrica avrebbe impedito la folgorazione. Nessuna condotta, peraltro, estranea a all’ “id quod plerumque accidit” può attribuirsi alla vittima. In definitiva, “anche a riconoscere un modesto concorso colposo della stessa vittima, quantificato dal giudice del merito nel 20%, correttamente è stato escluso che l’evento sia stato autonomamente procurato da questa”.
    Foggia, 20 novembre 2012 Avv. Eugenio Gargiulo


  • Redazione

    Il Sindaco di Taranto non perda tempo a chiedere il risarcimento all’Ilva”
    Taranto ha bisogno di un Primo Cittadino che si esprima attraverso tutti i poteri che la legge gli consente e non di una controfigura dello “Scrivano fiorentino” del libro Cuore
    20 novembre 2012 – Vittoria Orlando (Tarantorespira)

    La vicenda dei ritardi nella richiesta del risarcimento danni nei confronti dell’ILVA sta assumendo veri e propri caratteri di una farsa mal riuscita, evidenziando l’assoluta inadeguatezza e incompetenza del Sindaco e della sua Amministrazione.

    A quasi sette anni di distanza, quando nel 2005 una sentenza della Corte Costituzionale condannò Emilio Riva e l’allora direttore dello stabilimento Luigi Capogrosso, l’azione risarcitoria si trascina in un balletto inconcludente fatto di accuse, rivalse, giustificazioni: conferimento e revoca di mandato all’avv. Miraglia, errati atti di citazione nei confronti dell’ ILVA anziché di Riva e Capogrosso a causa di errori grossolani contenuti nel mandato conferito, mancato ritorno di una ricevuta postale senza indagarne le cause, conferimenti di nuovi mandati legali , il tutto mentre l’Ilva continua a scaricare i costi dell’inquinamento sulla città. E che si tratti di costi ingenti lo si evince da un recente studio dell’E.E.A (European Environment Agency),l ‘Agenzia ufficiale dell’Unione Europea , incaricata del monitoraggio ambientale . In esso si afferma che l’inquinamento provocato dall’ILVA, in termini di danno alla salute e all’ambiente, ha un costo stimabile tra i 283 e 463 milioni di euro l’anno e basa tale valore sulle emissioni dichiarate dagli stessi stabilimenti. Volendo fare un calcolo approssimativo per difetto, a tutt’oggi l’ILVA dovrebbe risarcire alla città di Taranto una somma che non sarebbe inferiore ai 6 miliardi. Il Sindaco Stefàno e Emilio Riva

    Alla luce di questo studio, il movimento Taranto Respira chiede con forza al Sindaco di formulare e uniformare le sue richieste di risarcimento del danno ai criteri stabiliti dall’EEA , trattandosi di dati forniti dall’Ente che ,per autorevolezza e in qualità di organismo tecnico sovranazionale super partes, riveste un ruolo ufficiale di riferimento alle decisioni politiche.

    Taranto ha bisogno di un Primo Cittadino che si esprima attraverso tutti i poteri che la legge gli consente e non di una controfigura dello “Scrivano fiorentino” del libro Cuore.


  • Redazione

    Peacelink:”Il PM10 di Taranto ha una pericolosità più che doppia”
    Se l’Ilva avesse avuto buone ragioni per contestare la perizia della magistratura avrebbe dovuto presentare la sua controperizia nell’incidente probatorio e non lo ha fatto
    20 novembre 2012 – Alessandro Marescotti (Presidente di Altamarea)

    Nella sua controperizia l’Ilva afferma che i livelli di Pm10 (le polveri sottili) registrati a Taranto sono inferiori rispetto a moltissime altre città italiane ed estere e quindi “non possono essere considerati responsabili di presunti eccessi di patologie”.

    Tale affermazione non dice tutta la verità in quanto sulle polveri sottili di Taranto si poggiano inquinanti cancerogeni che ne modificano la qualità e le rendono più pericolose.

    Questo aspetto è ben spiegato dall’Istituto Superiore della Sanita’ (ISS). Una veduta aerea dell’acciaieria
    Nello studio Sentieri dell’ISS si legge: “I risultati della mortalità evidenziano, nel complesso, un aumento di 0.69% del rischio di mortalità totale per incrementi di 10 μg/m3 di PM10, effetto superiore a quello riscontrato nelle principali analisi pubblicate in Europa (0.33%), nel Nord America (0.29%) e nei precedenti studi italiani (MISA, 0.31%)”.
    (Pubblicato su Epidemiologia&Prevenzione Settembre-Dicembre 2011, p.136)

    In buona sostanza ogni incremento di 10 microgrammi a metro cubo di polveri sottili (PM10) a Taranto provoca più del doppio dei morti che provoca in Europa, nel Nord America e nelle altre città italiane, e ciò a causa degli inquinanti specifici che vengono veicolati dal PM10.

    Se l’Ilva avesse avuto buone ragioni per contestare la perizia della magistratura avrebbe dovuto presentare la sua controperizia nell’incidente probatorio (dove erano presenti in contraddittorio gli esperti di parte dell’azienda) e non lo ha fatto. Ora la perizia della magistratura è prova a tutti gli effetti mentre la controperizia dell’Ilva serve solo a fare comunicati stampa.


  • Redazione

    Riunione preparatoria
    Manifestazione ambiente/salute/lavoro
    Mercoledì 21 Novembre 2012 assemblea ore 18.30 Circolo Sportivo Magna Grecia
    20 novembre 2012 – Gruppo promotore ( Aldo Battista Massimo Battista Giovanni Carbotti Giuseppe D’Aloia Giuseppe Interno’ Alessandro Marescotti Ezia Mitolo Cataldo Ranieri Virginia Rondinelli Antonio Ruggiero)

    Mercoledì 21 novembre 2012 si terra’ una assemblea pubblica per organizzare insieme – cittadini e lavoratori – la prossima manifestazione unitaria per un futuro pulito a Taranto.

    L’incontro si terra’ al Circolo sportivo Magna Grecia in via Zara a Taranto. Fiaccolata 05-10-2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi