ManfredoniaScuola e Giovani

Olivieri: giornata infanzia, Stato non investe nella scuola

Di:

Foggia – “LA Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è utile per una riflessione su come la crisi, la mancanza di lavoro, le difficoltà delle famiglie, il drammatico arretramento del welfare nazionale e locale, ricadono sulla vita di bambini e bambine in un territorio come la Capitanata, che già soffriva di indici di sviluppo e di qualità dei servizi inferiori rispetto alle medie regionali e del Mezzogiorno”. E’ quanto afferma la segretaria generale della FLC CGIL di Capitanata, Loredana Olivieri, che in occasione della giornata indetta dalle Nazioni Unite nel 1989 richiama le responsabilità delle istituzioni a ogni livello affinché “sin dalla scuola lo Stato si faccia carico di garantire ai bambini una scuola primaria di qualità per offerta didattica e servizi”. E invece, denuncia la FLC foggiana, “negli anni la scuola pubblica è stata vittima di continui tagli a vantaggio delle scuole private, contro ogni logica che ha visto un progressivo impoverimento delle famiglie, soprattutto al Sud, dove vivono 417mila minori in povertà assoluta e la spesa sociale procapite per bambini oscilla tra i 25 e i 70 euro, mentre Foggia è al 99° posto nella speciale classifica di presa in carico dei bambini negli asili”. Così la condizione delle nostre scuole è quella fotografata dalla recente indagine di Legambiente, “dove nella classifica di Ecosistema Scuola 2014 la città capoluogo si piazza terzultima in Italia, mentre nella speciale graduatoria relativa al ‘rischio’, siamo tredicesimi in Italia. Quindi scuole insicure, qualità dei servizi colpiti dalla drastica e progressiva riduzione delle risorse, tagli al personale docente e amministrativo. Una scuola che invece dovrebbe rappresentare elemento di inclusione per superare le crescenti diseguaglianze, di integrazione per i bambini figli di migranti, di formazione ad una cittadinanza consapevole e attiva. Di fatto in grado di rispondere al compito che la nostra Carta Costituzionale declina nell’articolo 3: investire sui bambini, sui giovani, è investire sul futuro delle persone e della società tutta di questo Paese”.

“Anche per queste ragioni – conclude la segretaria generale della FLC CGIL di Capitanata, Loredana Olivieri – il comparto della conoscenza aderisce allo sciopero generale indetto dalla Cgil e Uil il prossimo 12 dicembre. Così non va, un Paese che non è in grado di prendersi cura dei proprio minori è un paese che rinuncia al suo futuro, destinato a morire. Noi a tutto questo ci opponiamo”.

Redazione Stato

Olivieri: giornata infanzia, Stato non investe nella scuola ultima modifica: 2014-11-20T18:58:58+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi