SpettacoliTeatro

Presentata la stagione di prosa del Verdi

Di:

San Severo – Da Dicembre parte la nuova stagione teatrale del comune di San Severo organizzata dal Teatro Pubblico Pugliese, con sette spettacoli in programma e molti artisti di rilievo che calcheranno il palco del Teatro Verdi. La stagione 2014-15 del Teatro Verdi è stata presentata questa mattina a palazzo Dogana dal Sindaco Francesco Miglio, dal dirigente comunale dell’Area II, Augusto Ferrara, dal referente del Teatro Comunale, Laura Santoro, dal consigliere Cda Teatro Pubblico Pugliese, Giuseppe D’Urso e dal dirigente responsabile del Teatro Pubblico Pugliese, Giulia Delli Santi.

“Il ritorno al Teatro Pubblico Pugliese – spiega il Sindaco Francesco Miglio – è un momento importante per il nostro teatro, che potrà tornare ad ospitare un cartellone con grandi nomi e con le migliori novità teatrali dell’anno. Una scelta che in passato è stata premiata dal pubblico facendo registrare numeri importanti, che sono invece venuti a mancare negli ultimi anni. Con l’uscita dal circuito regionale, infatti, gli abbonamenti sono passati dai 166 del 2011 agli 80 del 2013, un dato che vogliamo invertire invogliando soprattutto i più giovani a scoprire le emozioni che gli spettacoli teatrali sanno comunicare”.
Proprio per coinvolgere i più giovani l’Amministrazione Comunale con il Teatro Pubblico Pugliese ha organizzato uno spettacolo itinerante per le vie della città che attraverso l’esibizione di vari artisti nei primi giorni di Dicembre promuoveranno la stagione teatrale regalando spunti di riflessione, emozioni e divertimento.

Il sipario sarà aperto il 14 dicembre con lo spettacolo firmato dal regista Patrick Rossi Gastaldi “È ricca, la sposo, l’ammazzo” con Gianfranco Jannuzzo e Debora Caprioglio. Una divertente commedia sulle avventure di un ricco scapolo che ha scialacquato tutti i soldi lasciatigli in eredità dal padre e decide di farsi prestare del denaro da un mafioso, a condizioni decisamente svantaggiose, per riuscire a far innamorare di sé una donna che sia però ricca e sola.

Dopo il successo della fiction in tv “Volare”, film in due puntate che ha raccontato la vita di Domenico Modugno raccogliendo oltre 11 milioni di telespettatori, Giuseppe Fiorello approda in teatro con “Penso che un sogno così…” giovedì 15 gennaio. Una messa in scena che non può esimersi dall’esecuzione dal vivo delle note che hanno reso il cantante pugliese un simbolo dell’eccellenza musicale italiana in tutto il mondo.

Anche la famiglia De Filippo è presente: Luca, il figlio dell’indimenticato Eduardo è il protagonista della commedia che il padre adattò da un testo di Athos Setti, e che nella versione di scena Lunedì 2 febbraio è impreziosita dalle musiche di Nicola Piovani. “Sogno di una notte di mezza sbornia” scaturisce dalla visione etilica di Pasquale in cui Dante gli dà i numeri vincenti del lotto, innescando per la sua famiglia quello status di nuovi ricchi che facilmente si presta alla parodia.

Martedì 10 febbraio è in programma “Nuda proprietà”, con Lella Costa e Paolo Calabresi che interpretano Iris, rimasta senza un soldo vende in nuda proprietà la casa, e Carlo, psicanalista sfrattato. Una storia d’amore contro tutti gli stereotipi in cui i due sessantenni riescono a guardare in faccia la realtà, a chiamare per nome tutte le loro paure e a riderci sopra.

L’indimenticabile Arlecchino di Goldoni diventa nel “Servo per due” un protagonista più vicino al realismo, grazie alla mediazione della versione di Richard Bean a cui s’ispira questo spettacolo in scena venerdì 20 febbraio. Con Pierfrancesco Favino e il Gruppo Danny Rose, dodici attori tra cui il pugliese Paolo Sassanelli (regista a quattro mani con Favino). Il risultato è un varietà ambientato nella Rimini degli anni ’30 che si rivolge e coinvolge gli spettatori, supportato dalle musiche eseguite dal vivo dall’orchestra Musica da Ripostiglio.

La “Cavalleria rusticana” versione musical ideato e promosso dall’Associazione e Scuola di Musica Studio 7 che, sotto la direzione di Vito Berteramo, si esibisce venerdì 13 marzo. In un paese della Sicilia la popolazione festeggia il giorno di Pasqua mentre Santa cova una profonda gelosia sospettando una tresca tra il fidanzato Turi e Lola, moglie di Alfio. Decide di rivelare tutto ad Alfio, il quale, ferito nel proprio onore, lancia la sfida al rivale. Turi la raccoglie e, dopo un vibrante addio alla madre, raggiunge il luogo del duello per compiere il suo destino.

Si chiude con un lavoro tutto al femminile: domenica 29 marzo è di scena “Donne in cerca di guai” con Corinne Clery, Barbara Bouchet, e la partecipazione straordinaria di Iva Zanicchi. Una commedia che si regge su una serie di delicati comici equilibri, dove i cinque protagonisti sono continuamente sotto pressione e affrontano crisi di mezza età e solitudine con gusto, eleganza e grande divertimento.

Biglietto singolo: Platea 25 euro, ridotto 20 euro per minori fino a 12 anni non compiuti, anziani over 65 e disabili gravi; Palchi 1^ e 2^ fila costo singolo 20 euro, ridotto 18 euro; Palchi 3^ fila costo singolo 15 euro; Palchi 4^ ordine 12 euro; Giovani fino a 25 anni in palchi di 4^ ordine 10 euro.

Abbonamento all’intera stagione di prosa: Platea 145 euro, ridotto 110 euro per minori fino a 12 anni non compiuti, anziani over 65 e disabili gravi; Palchi 1^ e 2^ fila 450 euro n. 4 persone, 115 euro singolo abbonamento, ridotto singolo abbonamento 100 euro; Palchi 3^ fila 330 euro n. 4 persone, singolo abbonamento 85 euro.

Per informazioni è possibile rivolgersi al botteghino del Teatro Comunale (orario: mattina ore 10,30-13,00 – pomeriggio ore 18,30-21,00). Gli abbonamenti e i biglietti saranno in vendita presso il botteghino del Teatro Comunale Verdi dal 24 Novembre. Da quest’oggi gli abbonati dello scorso anno potranno beneficiare della prevendita. Il botteghino è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 10.30 alle 12.30 e il lunedì e mercoledì dalle ore 18.00 alle 20.00. Il giorno dello spettacolo sarà aperto dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 18.00 fino ad inizio spettacolo.

Redazione Stato

Presentata la stagione di prosa del Verdi ultima modifica: 2014-11-20T17:18:55+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi