Capitanata

Orta Nova, Comune riscrive convenzione per eolico Inergia-Peon

Di:

Orta Nova – Il centrodestra ha deciso di rinunciare a oltre 8 milioni di euro e ad ogni controllo sull’utilizzo dei fondi derivanti dalla convenzione con la società Peon s.r.l. per lo sfruttamento del parco eolico realizzato da Inergia S.p.A..

Un disastro finanziario e una scelleratezza amministrativa trasfusi nella delibera approvata ieri in Consiglio comunale con il voto contrario della minoranza, il voto favorevole della maggioranza e l’astensione del presidente del Consiglio comunale Peppino Moscarella, che ha lasciato in braghe di tela il pallido e silente sindaco Gerardo Tarantino.

A spaventare Moscarella è il rischio della responsabilità personale rispetto ad un eventuale danno erariale provocato alle casse del Comune con una delibera priva del parere tecnico del responsabile del settore Affari generali, Contratti e Contenzioso (l’ineffabile Maria Di Meo) e con profili di dubbia legittimità amministrativa sollevati dal PD durante il dibattito e non chiariti dal segretario generale, perché “io rispondo solo al sindaco, se me lo chiede”. L’astensione di Moscarella fa il paio con l’incoerenza politica degli assessori Nicola Maffione e Rosangela Giannatempo, silenti durante tutto il dibattito nonostante le sollecitazioni della minoranza a spiegare e condividere i motivi che li hanno indotti a rinnegare la contrarietà espressa in passato.

A beneficiare certamente del regalo di Natale confezionato a Palazzo di Città sono Inergia S.p.A., che si è liberata di ogni obbligazione passata-presente-futura nei confronti del Comune di Orta Nova, e Peon s.r.l., a cui è stato riconosciuto un supersconto su quanto pattuito dallo stesso Moscarella nel 2007 e che potrà gestire liberamente la realizzazione di opere pubbliche così come potrà elargire a privati somme destinate all’Amministrazione comunale.

In barba al Codice degli Appalti e alle norme di contabilità pubblica, l’Amministrazione comunale guidata da Gerardo Tarantino ed i consiglieri comunali che hanno votato la delibera (Damiano Colonna, Laura Spinelli, Davide Quiese, Chiaffredo Ballatore, Luigi Guglielmo, Lucia Lops, Antonio Vece, Maria Rita Gramazio e Antonio Aghilar) hanno realizzato la più evidente e clamorosa manovra di gestione extra bilancio di denaro pubblico mai realizzata ad Orta Nova.

Una manovra progettata ed elaborata in base “alle indicazioni emerse nel corso dei molteplici incontri avuti con codesta Amministrazione” (scrive Inergia S.p.A. al Comune) di cui non c’è alcuna traccia formale agli atti del Comune stesso. Tracce che chiediamo alla Procura della Repubblica ed alla Corte dei Conti di cercare e trovare per aiutarci a comprendere il senso vero di una manovra finanziaria che arriva a trasferire sull’Amministrazione comunale, quindi sui cittadini di Orta Nova, il rischio di impresa derivante dalle fluttuazioni del mercato dell’energia. Detto altrimenti: se l’impresa incasserà meno soldi, diminuirà anche la percentuale su cui calcolare il contributo dovuto al Comune.

La delibera del Consiglio comunale è l’atto ufficiale che certifica quali e quanti interessi finanziari gravitino intorno al business eolico. Interessi che, evidentemente, non lasciano indifferenti il sindaco, gli assessori, i consiglieri comunali ed i tecnici che hanno stracciato il lavoro fatto dall’Amministrazione Calvio e continuato dal commissario prefettizio per eliminare i profili di dubbia validità della convenzione del marzo 2007 senza svendere il nostro territorio e gli interessi della comunità ortese per garantire altri profitti privati.

Dopo il Consiglio comunale ci auguriamo sia ancora più chiaro agli ortesi che le luci di Natale ed i panettoni distribuiti in piazza servono solo a sviare l’attenzione da ben altre operazioni realizzate nel chiuso delle stanze municipali.

(comunicato Pd Orta Nova, 20 dicembre 2014)

Redazione Stato

Orta Nova, Comune riscrive convenzione per eolico Inergia-Peon ultima modifica: 2014-12-20T21:03:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi