Manfredonia

Scalfarotto: Sangalli Vetro, non attendersi miracoli dal MISE

Di:

Manfredonia – IL sottosegretario alle Riforme Costituzionali del Governo Renzi e coordinatore dell’ufficio politico del Pd pugliese Ivan Scalfarotto ha incontrato questo pomeriggio i lavoratori della Sangalli Vetro di Manfredonia al loro presidio ai cancelli della fabbrica.

“Sono qui per testimoniare una solidarietà personale e politica” ha detto il sottosegretario “ma anche per portare qui fisicamente la presenza del Governo, che si impegnerà per questa difficile vertenza aziendale come ha già fatto per tante altre situazioni simili alla vostra.”

“Il Governo Renzi, grazie al lavoro del Viceministro De Vincenti e del sottosegretario Bellanova, ha aperto e gestito con successo numerosi casi di crisi occupazionale” ha proseguito Scalfarotto “l’ultimo dei quali ha riguardato la ex-Irisbus in Irpinia, dove – sono stati salvati 300 posti di lavoro. Lo abbiamo fatto sempre in sintonia con il sindacato e con i rappresentanti istituzionali del territorio.”

“Anche a Manfredonia” ha sottolineato l’esponente Pd “i lavoratori hanno l’evidente e pieno sostegno dei sindacati, del sindaco Riccardi, dei consiglieri provinciali La Torre e Rignanese, del consigliere regionale Ognissanti, dei parlamentari Michele Bordo e Colomba Mongiello. E il Governo anche in questa occasione farà la sua parte con il massimo impegno e con la determinazione di portare a casa il risultato.”

“Il tavolo che si apre al Ministero il prossimo 7 gennaio” ha concluso Scalfarotto “non deve alimentare attese miracolistiche: è importante che non vengano meno attenzione e determinazione da parte di tutti. Ma i risultati finora ottenuti lasciano ben sperare. Assumo l’impegno di tenere costantemente aggiornati i lavoratori e il territorio sugli sviluppi della situazione.”

Redazione Stato

Scalfarotto: Sangalli Vetro, non attendersi miracoli dal MISE ultima modifica: 2014-12-20T21:12:08+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Carlox

    ” Attese miracolistiche ” , praticamente chiusura. Altro che i 900.000 euro per il forno. Molto probabilmente, gia’ in programma anche lui di andarsene all’estero, per sfruttare manodopera a basso costo, sfruttando operai costretti a salari da schiav.., e poi importare in Italia, spostando la sede in qualche PARADISO fiscale. Sarebbe ora di iniziare a prendere dei seri provvedimenti, per salvare la produzione italiana, altrimenti fra poco diventeremo un Popolo di consumatori, pero’, disoccupati e senza stipendi. Cari MINISTRI E ONOREVOLI dei vari sostegni, non si sa’ che farsene, qui servono vere e propri interventi a difesa del prodotto italiano, e non finanziare quello cinese o di Paesi dove con 300 euro al mese ci si puo’ arrivare a fine mese.


  • dipendente sangalli

    Attese miracolistiche si intende false promesse e altro. ..
    Ieri abbiamo avuto conferma che il governo c’è e tutto questo grazie ai nostri sindacati e politici locali. .
    Siamo fiduciosi, e basta screditare a chi sta lavorando per salvare posti di lavoro

  • X DIPENDENTE SANGALLI
    UN CONSIGLIO CERCATI LAVORO E CHE SEI GIà DISOCCUPATO


  • dipendente sangalli

    Amicoo ..
    Vai a lavorare tu Noi lo ffacciamo da anni.Sicuramente sarai qualche disoccopato a vita che nn ha voglia di far nulla.
    Solito disfattista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi