Manfredonia

Ex Rotopack: “disperati, ci pignorano tutto se non paghiamo”

Di:

Ex Rotopack Int.Spa, fase del servizio RAI a Manfredonia, dopo i furti milionari nello stabilimento (st@)

Manfredonia – “SIAMO disperati, è da ottobre che non percepiamo un solo euro, non paghiamo più le bollette, mutui, finanziarie, veniamo minacciati per telefono da soggetti che annunciano che provvederanno a pignorarci qualcosa se non paghiamo, ma la cosa fondamentale è che non riusciamo più a mettere il piatto a tavola alle nostre famiglie”. “I nostri piccoli hanno le loro esigenze mangiare, pannolini e medicinali! Siamo disperati e in stato di depressione totale, qualcuno ci aiuti a continuare a sopravvivere!”. E’ quanto dicono alcuni lavoratori della Ex Rotopack di Manfredonia, società beneficiante di circa 10 milioni di euro del Contratto d’Area di Manfredonia-Monte Sant’Angelo e Mattinata, già Europrint, fallita come la subentrante Metaflex, dopo il fallimento del concordato preventivo, al centro delle cronache nazionali, in seguito alla recente asportazione furtiva di macchinari e materiali dallo stabilimento (le dichiarazioni del Curatore avv. P.De Medio:”capannone già mezzo vuoto dopo il fallimento”).

Come riferito, il consigliere comunale, capogruppo dell’UdC, avv. Adamo Brunetti, ha informato in giornata della presentazione – nella seduta consiliare del 24 gennaio – di un’interrogazione per esortare il Comune ad interventi concreti a sostegno dei lavoratori. Come si legge nell’interrogazione, il consigliere capogruppo UdC Brunetti chiede “quali siano le misure di intervento che l’Amministrazione intende porre in essere a tutela dei lavoratori interessati dalla vicenda, pur nella consapevolezza che non compete all’ente comunale l’attivazione o anche soltanto la promozione delle procedure per il riconoscimento degli ammortizzatori sociali”. Inoltre, “se siano già intercorsi, come riportato in questi giorni dalla stampa locale, colloqui tra questa amministrazione e le autorità competenti e quali siano gli esiti, in particolar modo con riferimento ai tempi di attivazione della procedura di mobilità“.

LA VICENDA. L’ESCLUSIVA DI STATO. Come ampiamente documentato, in esclusiva, ribalta nazionale dopo l’asportazione di macchinari, materiali e prodotti dalla ex Rotopack International Spa di Manfredonia, del Gruppo Alimonti con altra sede (madre) a Guardiagrele,in seguito Metaflex . Le citate società sono entrambe fallite: la società di Manfredonia con sentenza emessa dal Tribunale sez. fallimentare di Chieti, giudice dr. Ceccarini, nello scorso 3 novembre 2011, numero – da fonti – 39/2011; la Metaflex srl con sentenza n.29/2012 del Tribunale di Foggia, sez.fallimentare, depositato in cancelleria lo scorso 30 aprile 2012). La Rotopack International Spa ha beneficiato dei fondi del Contratto d’Area di Manfredonia-Monte Sant’Angelo e Mattinata. Dalla relazione del Responsabile Unico del Cda, del 2010: Rotopack International Spa (già Europrint) dedita ad imballaggi flessibili alimenti: 13.968 (in migliaia di euro) investimenti ammessi a contributo, contributi pubblici assegnati (Cipe) 10.022, occupati totali e a tempo indeterminato 36.

LA RAI A MANFREDONIA.Una troupe della Rai ha di recente raccolto le testimonianze degli ex lavoratori ancora “smarriti “dopo la scoperta fatta all’interno dello stabilimento: come evidente -dalle immagini fotografiche e video – all’interno del capannone uno scenario sorprendente: disordine, caos, rifiuti, mancanza di quanto precedentemente aveva consentito le produzioni dell’azienda.

L'Avv. Adamo Brunetti (statoquotidiano2@13)

Denunce al Commissariato. Custode “irreperibile”. Come riferito, ci sarebbe stata una denuncia dopo la presunta asportazione di “scaffali, macchine per la stampa, taglierine, nonchè saccheggio del reparto produzione, degli uffici, di tutto”, come detto da alcuni ex dipendenti della già Rotopack, dopo la visita nella sede dello stabilimento, nell’ex DI/46, accompagnati dal curatore fallimentare delle società avv.Piergiorgio Demedio e dall’avv.Antonaci di Foggia. “Irreperibile l’ultimo custode dell’azienda” (nominato dallo stesso curatore), richiesto l’intervento di una pattuglia del Commissariato di Ps di Manfredonia, con rottura del lucchetto ed ingresso all’interno dello stabilimento (con una parte esterna ancora sotto sequestro causa un precedente intervento dei cc del Noe di Bari). Sarebbero state presentate delle denunce in Commissariato per quanto successo (a cura del Curatore fallimentare nominato dal tribunale di Chieti,ndr). In passato, numerosi i tentativi di asportazione dei macchinari presenti, durante le proteste precedenti e successive alla chiusura dello stabilimento della società rientrante fra le ditte che hanno beneficiato dei fondi del Contratto d’Area di Manfredonia-Monte Sant’Angelo e Mattinata. Per quanto asportato dallo stabilimento i lavoratori hanno parlato di un valore compreso tra i “10 e 15 milioni di euro”. Ma la somma sarebbe molto più bassa secondo il curatore fallimentare.

Lavoratori delle società fallite verso la mobilità dopo mancato rinnovo Cigs. Da raccolta dati, sono 35/37 gli ex dipendenti della Rotopack international Spa in Cigs fino al novembre 2012. Bocciata la domanda di rinnovo dell’ammortizzatore sociale, come quella per la Cig in deroga; dovrebbero partire a breve le richieste per la procedura delle mobilità lavorative.

“Ma anche per la mobilità il percorso non è chiaro – come detto da un gruppo di lavoratori a Stato – la Cigs è scaduta il 03.11.2012; in considerazione del mancato rinnovo, le indennità per la mobilità andrebbero correlate alla scadenza del citato ammortizzatore sociale. Chiediamo un intervento del nostro commercialista, che abbiamo sempre provveduto a pagare per le pratiche considerando la latitanza dell’assenza, per un incontro presso l’Assessorato provinciale al lavoro di Foggia. Già in precedenza abbiamo goduto solo di 19 mesi di Cigs sui 24 previsti, per difficoltà burocratiche e lentezze nel disbrigo delle pratiche. Chiediamo un aiuto alle istituzioni”. Si ricorda che la competenza per il controllo e la sorveglianza dello stabilimento è a cura del curatore fallimentore stabilito dal tribunale di competenza. Previsti in settimana incontri presso l’assessorato al lavoro della Provincia e successivamente in Prefettura.


APPENDICE, PROCESSO IN CORSO DOPO IL SEQUESTRO DEI CARABINIERI DEL NOE CAUSA LA PRESENZA DI MATERIALI TOSSICI “NON SMALTITI” NELLA PARTE ESTERNA ALL’INTERNO DELLO STABILIMENTO



g.defilippo@statoquotidiano.it


ROTOPACK STORY

Photogallery



VIDEO INTERNO AZIENDA PRIMA (OTT 2010) E DOPO (15.01.2013)



INTERVISTE RAI A MANFREDONIA


g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • LUIS

    Per i politici, la magistratura, è stato un gioco, peccato che voi lavoratori ci avete creduto; dispiace per voi e sopratutto per le vostre famiglie, dovete spiegare che si sono divertiti anche sul loro futuro, perchè nel sud è così che si gioca, sulla pelle degli operai.


  • non ho parole

    hai ragione LUIS questi falsi imprenditori sono venuti qui a buttare un pò di fumo negli occhi, facendoci riempire di debiti tra mutui e finanziarie e stiamo perdendo tutto tra un pignoramento e l’altro, abbiamo perso la dignità di lavoratore e anche di genitore, andando avanti così qualcosa succederà xchè la fame e troppa e poi la cosa più brutta è essere l’asciati al proprio destino.Spero che cambi qualcosa anche se è un sogno senò bo che fine faremo, sono venuti a rovinarci e si sono riempiti le tasche con il nostro lavoro.


  • io

    .
    .
    .
    .
    oltre a questi imprenditori venuti da chissà dove….. si sono arricchiti anche i nostri politici…… spero che la redazione di stato non mi cancelli qualche parola… 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi