Foggia

Foggia, esposto 5 Stelle contro centrali a biomassa

Di:

Il sindaco di Foggia Gianni Mongelli (ph: Michele Sepalone)

Foggia – ESPOSTO e sit-in di protesta degli attivisti del Movimento 5 Stelle contro le centrali a biomassa di Borgo Rignano e Borgo Larocca, “che nonostante le smentite procedono spedite nel loro iter burocratico”.


Gli iscritti del Movimento 5 Stelle di Foggia organizzano per venerdì 25 gennaio 2013 alle ore 9:30 davanti il Comune di Foggia una raccolta firme ed un sitin di protesta in occasione della consegna di un esposto all’amministrazione comunale, regionale, alla Procura e alla Prefettura di Foggia contro la realizzazione di due sedicenti “centrali a biomasse”, o meglio, inceneritori che sono in realizzazione in agro del Comune di Foggia.

Il primo presso l’ex zuccherificio di Borgo Eridania (Rignano Scalo Garganico) ed il secondo in località “Posta da Piedi”, nei pressi di Borgo La Rocca, a circa due km di distanza l’un dall’altro. Secondo gli attivisti foggiani del M5S c’è un silenzio assordante intorno a queste due centrali. “Orazio Ciliberti, sindaco all’epoca dell’approvazione dei due ecomostri”, ha spesso parlato della “Fenice-Borgo Incoronata, denunciando l’ipotesi di un inceneritore alla FIAT laddove in realtà sono state autorizzare due caldaie a metano”. “L’attuale sindaco invece, l’ingegnere ambientale Gianni Mongelli, sui social network ha affermato di non aver mai autorizzato inceneritori – dicono i referenti del Movimento 5 Stelle – quando nelle ultime conferenze dei servizi tenutesi nel 2010 e nel 2011 il Comune di Foggia ha dato il nulla osta alla cantierizzazione dei due cancrovalorizzatori” denunciano gli attivisti.

“Ci chiediamo: come andremo a finire con questa classe politica, di maggioranza e di opposizione, che a parole si tira fuori dalle responsabilità mentre con i fatti attua scelte sciagurate per la salute e l’ambiente?” si chiedono infine gli attivisti del MoVimento 5 Stelle di Foggia. Per tali gravi motivi gli attivisti dei due meetup attivi su Foggia invitano la cittadinanza interessata venerdi mattina alle ore 9:30 davanti il Comune di Foggia “per informarsi e per firmare contro le 2 pericolose centrali”.


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
2

Commenti

  • Un ringraziamento personale al giovane ed infaticabile dott. Giuseppe DIMUNNO che sta dimostrando una incredibile capacità di essere la vera sentinella della Daunia sui tentativi di avvelenamento della popolazione dauna e dei propri territori risaputi di grande tradizione agricola e turistica che la Malarazza partitocratica per ignoranza o per un “piatto di lenticchie” svende alle imprese Nazionale e Multinazionali portatrici di MORTE LENTA! Questa è la prova di quanto sia fuorviante l’etichettatura di “NON ESPERTI” incollata agli attivisti stellati del Movimento 5 Stelle. INESPERTI si, ma del Malaffare!!! Ritornando alla sentinella del M5S di Foggia, Giuseppe Dimunno consiglio a tutti di dare un’occhiata al suo aggiornatissimo Blog molto seguito: “3 SANTI ALL’INFERNO” ( http://noinceneritoretressanti.blogspot.it/ ) per capire come la Daunia sta per essere accerchiata, nel silenzio assoluto e tenendo all’oscuro di tutto le predestinate vittime (tutti noi) da ECO-MOSTRI già programmati ed autorizzati dalle istituzioni di controllo Nazionali, Regionali, Provinciali e Comunali. Come a dire: “Buon viso e cattivo gioco…” Di questo, in primis, i nostri presidenti Regionali e Provinciali (unitamente alle proprie Tecnostrutture) sono maestri a prendersi gioco della Popolazione Dauna a cui verrà scippata inesorabilmente il vanto di essere prima in Puglia sull’Agricoltura e sul Turismo a seguito del criminale avvelenamento programmato. f.to Franco Cuttano


  • Redazione

    Mi associo personalmente, è una persona dalla quale apprendere e da ascoltare; grazie Beppe; Giuseppe de Filippo; Red.Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi