Foggia

Foggia, palestra ex Gil, cambio di uso molto in uso

Di:

Palestra GIL (fonte image: ST)

Foggia – UN altro cambio d’uso a Foggia. Qui i soldi escono e sempre in periodi pre-elettorali. Le case scarseggiano, o meglio ci sono ma il Comune non le apre, gli asili chiudono, le scuole si accorpano e con esse le palestre sempre più affollate e poco fruibili.

La palestra dell’ex-GIL di Via Galliani ufficialmente è destinata ad aule, laboratori e studi del Dipartimento di Economia dell’Università di Foggia. Ben vengano nuovi spazi per l’Università, ma non sottraendoli a una comunità che affannosamente cerca di dare il meglio ai propri figli nell’economicità familiare utilizzando quei pochi e rari mezzi e strumenti che la scuola pubblica offre. Nel frattempo ci sono scuole che le palestre se le sognano, specie le scuole elementari e medie dove l’attività fisica è propedeutica per una buona crescita fisica e mentale. Un tempo li, nella ex GIL di Via Galliani, si faceva educazione fisica sul serio, con tanto di tornei di pallavolo e pallacanestro.

Per non parlare della oramai dimenticata adiacente ex piscina, dapprima abbandonata, poi occupata e poi cambiata d’uso. Come vedete la formazione con lo sport non è mai andata d’accordo a Foggia e questo grazie ai nostri vetusti politici locali che dovrebbero trascorrere la loro vecchiaia (più mentale che fisica) in ospizi freddi e malandati per comprendere cosa vuol dire povertà. E se cambio d’uso doveva essere, aggiungo, lo si poteva fare per dare più dignità alla facoltà d’ingegneria che a distanza di anni è ancora “dimentica” nei sottoscala di un istituto che, pur nella sua grandezza e valenza formativa, non può offri di meglio. Ma questo è un altro argomento giacché la facoltà d’ingegneria non è foggiana, bensì di proprietà del politecnico di Bari, e li sanno bene come proteggere e investire i loro beni e, concludo, farci pesare le loro scelte “baricentriche” a scapito di un territorio, il nostro, mal gestito, mal rappresentato, mal finanziato e mal promosso.

Oggi, se questi spazi sono stati destinati ad altro, dobbiamo riflettere su come altri saranno destinati… e per come e con chi e per chi….E’ Foggia, anzi la Foggia di alcuni foggiani(?).

Cambiamola questa città, almeno per i nostri figli.

Ad Maiora!

(A cura di Nico Barattanicobaratta@alice.it)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi