Eventi

Kimìko e Spaziobaol sulla nave di Zakor

Di:

Kimiko Zabor (st@)

Foggia – NUOVO appuntamento della rassegna live di Kimìko, in collaborazione con SpazioBaol: arriva Zakor, la nave della BandAdriatica. Prendete le sonorità, quelle balcaniche fatte di ritmi veloci, incalzanti e secchi, frenetici che bussano alla porta che dall’Italia si apre all’Oriente, (siamo in pieno Salento), quelle che corrono da sponda a sponda, da una parte all’altra dell’Adriatico e restituitele alla musica: quello che viene fuori è la Bandadriatica, uno dei gruppi più seguiti del 2012, già inserito nel circuito Puglia Sounds.

Prima del concerto a Roma per la presentazione del Libro sulle Orchestre e le Bande Multietniche con la Med Free Orkestra, dopo aver suonato con Boban e Marco Markovic nella Notte della Taranta targata 2012, tra i protagonisti del Medimex (Bari-dicembre ’12), la fiera musicale in Italia del mercato discografico, Claudio Prima leader della Banda (organetto, voce) e il resto della ciurma di marinai Emanuele Coluccia (sax), Giuseppe Spedicato (basso), Ovidio Venturoso (batteria, cajon) presenta a Foggia giovedì 24 alle 22.30, presso l’agriturismo Al Celone (via S.Severo, km 4), Zakor, progetto nato da quella Banda: stessa energia anzi raddoppiata che attraversa ritmiche sfrenate e irresistibili, dando sfogo ad una carica prorompente che intriga il pubblico e lo trascina nella danza.

Zakor diventa un luogo di incontro musicale in cui musica balcanica, musica tradizionale salentina e andalusa, si intrecciano nelle mani esperte di questi alchimisti, ritrovando antiche assonanze e rivivendo in un contesto comune che mescola libertà espressiva e ricerca di nuove sonorità. Dall’Adriatico al Mediterraneo il biglietto è di sola andata. La nave della Banda ferma a Foggia e si chiama Zakor. Kimìko apre la premiazione di Baol vol.4.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi