Manfredonia

Pannelli zona Eurospin, lettore: quali i profili d’interesse pubblico?

Di:

Lavori, zona Eurospin per installazione pannelli (statoquotidiano2@13)

Manfredonia – ANCORA note stampa di un lettore in seguito all’installazione dei pannelli fotovoltaici in zona Eurospin. “Leggiamo con piacere” su altra testata giornalistica, che – anche grazie alle vostre sollecitazioni ed impegno – si è riusciti” a spingere “l’opposizione e l’amministrazione a prendere, comunque, una posizione” sulla vicenda.

“Leggiamo inoltre , che non ci troviamo di fronte a sterili affermazioni di principio, ma coma ha fatto il consigliere M.Gatta ci si è documentati e si incomincia a capirci qualcosa. I dubbi irrisolti sono ancora tanti!”. “Attendiamo che se ne discuta nelle sedi competenti , come affermato dal capogruppo Pdl (i colpevoli questa volta dovranno pagare ) e dallo stesso consigliere Gatta, e che alla discussione che ne scaturirà venga data la dovuta pubblicizzazione per le valutazioni proprie di tutti i cittadini (…)”.

“Ma già leggendo alcuni dei dubbi ( irrisolti) sollevati dal Consigliere Gatta” e anticipati su altra testata giornalistica “la situazione incomincia ad essere più chiara”. “Ci permettiamo , a questo punto , di fare qualche riflessione sulla base di quanto pubblicato, lasciando al consigliere Gatta e ,ci auguriamo, anche ad altri di svolgere la propria funzione e non solo sulla questione dei pannelli”.


“1) Con la delibera n. 113 del 12/3/2010 ( Venerdi) si concedeva un’area comunale a favore della società Volta srl di Manfredonia, per l’istallazione di impianti fotovoltaici ombreggianti, in due zone distinte: una in zona Eurospin, alle spalle del cimitero ed una nella zona industriale”.
“2) La stipula del contratto avveniva, il 26/3/2010 ( Venerdì), appena 10 giorni lavorativi dopo. Le elezioni comunali si sono tenute il 28 e il 29 marzo”. Il lettore pone dubbi sulla celerità per il disbrigo burocratico degli atti.
“3) La giunta comunale con delibera n. 181 del maggio 2010 (pubblicata al contrario di quanto asserito nella nota:181/19.05.2010,ndr) sollevava dubbi su: a) Procedura adottata; b) Quantificazione del canone , in difformità al regolamento comunale di settore (…); c) La mancanza di atti di qualsiasi specificazione circa le dimensioni. d) Le caratteristiche e la potenza delle infrastrutture da installare”.

Come riportato dal lettore, “4) Con delibera di G.C. n. 436 del 17/11/2010 ,come osservato dal Consigliere Gatta, i dubbi e gli interrogativi sollevati , vengono superati, dall’amministrazione, con le seguenti considerazioni:
a) la deliberazione 113 ha già prodotto i propri effetti giuridici, essendosi perfezionato il vincolo contrattuale a seguito della stipula del contratto del 26/03/2010;
b) in capo al privato contraente, in buona fede, si sono consolidate posizioni giuridiche soggettive per effetto della sottoscrizione del contratto;
c) la realizzazione degli impianti risponde a profili di interesse e funzionalità pubblica.
d) nel bilanciamento degli interessi pubblici e privati rilevanti ai presenti fini non si ravvisano , allo stato, preponderanti profili di interesse pubblico all’annullamento d’ufficio del provvedimento; pertanto non sussista nono le condizioni per l’esercizio del potere d’ufficio (…)”.

“5) Il sindaco (…): dopo avere dato incarico al nostro consulente legale per capire se ci fossero stati i presupposti per annullamento d’ufficio , la risposta è stata negativa e sostanzialmente ci invitava a trovare una soluzione .
6) Ci stiamo impegnando a capire come quell’impatto può essere mitigato, se ci sono soluzioni alternative.
7) Cercheremo (…) ma lo stato di fatto ora è questo”.


“Dopo quanto letto ci poniamo le seguenti domande”, dice il lettore:
Alla lettera “A”. il soggetto che ha inviato la nota chiede se sia stata rispettata la procedura dell’avviso pubblico “e quali sono le motivazione ed i pareri espressi sulla delibera del 13 marzo 2010. “B. Come è possibile, in (ipotetica,ndr) mancanza di qualsiasi atto di specificazione circa le dimensioni, le caratteristiche e la potenza delle infrastrutture da installare, stipulare un contratto con un soggetto esterno? Chi ha firmato il contratto (..) e perché ?”.

“C. La quantificazione del canone” è “avvenuta in difformità al regolamento comunale di settore”?. “Che cosa prevede il regolamento comunale di settore ? (…)
“D. Perché non si pubblica il parere del consulente legale e le motivazione in esso riportate a supporto delle decisioni assunte dall’amministrazione con la delibera del 17 novembre 2010 ?“.
“E. Quali sono i profili di interesse e funzionalità pubblica alla base della realizzazione dell’impianto ?”
“F. Quali erano, all’epoca, e non certamente oggi a parco fotovoltaico realizzato , come riportato nell’articolo, da parte del Sindaco ,gli interessi del privato , preponderanti su quelli pubblici?”
“G. Per la realizzazione di parchi fotovoltaici non ci sono leggi e norme statali, regionali e comunali da rispettare ? Quali sono e se sono rispettate ?
“H. Come può trovarsi una mitigazione all’impatto realizzato (…), oggi ad impianto realizzato , quando gli interessi del privato, in buona fede , si sono consolidati ? Marzo 2010 Dicembre 2012 ?”.


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Photogallery

Photogallery



Vota questo articolo:
17

Commenti


  • Anonimo

    …SMONTATE QUELLO SCEMPIO SKIFOSO!!! Mamma mia ke tristezza!!!! E manfredonia cosa ci guadagna a REGALARE tutto quello spazio? Boooo!!! Spero ke al più presto,l amministrazione comunale ke ho totalmente sostenuto,CI DIA UNA RISPOSTA KIARA E SINCERA,nella speranza di SMONTARE TUTTO QUELLO —–KE NN FARÀ ALTRO KE ——- TASKE DI QUALCUNO GIÀ RICCO!!!


  • Grazie Stato Quotidiano

    Per fortuna quella robaccia si può smontarla, semprechè i costi dell’opera sia addebitati ai responsabili e non a noi cittadini. Per nostra sfortuna non possone essere ripristinate altre zone martoriate e trucidate. Ricapitoliamo un pò:
    mai visto in alcun luogo del mondo conosciuto quanto segue:

    scogliera ululante di natura con acque chiare e balneabili coperte da pietre e colate di cemento, una zona popolare imprigionata da una massa di cemento..
    mai visto un porto turistico con i muri di berlino che impdiscano la vista mare;

    mai visto nel mondo conosciuto, una barriera frangiflutti costruita a mò di porto con l’ausilio dei camions e non poste orrizontalmente alla costa è costruite con l’ausilio di mezzi navali e tutto ciò ha creato un degrado senza precedenti;

    una sterminata serie di pannelli solari ubicati nel centro urbano..non li ho mai visti forse hanno copiato le abitudini di qualche pianeta visitato dai nostri amministratori a nostra insaputa nella galassia.


  • Grazie Stato Quotidiano

    Perche non li mettervano ai mercato settimanale e quello di Monticchio almeno li averebbero avuto un senso, a titolo di copertura!!


  • Grazie Stato Quotidiano

    E’ un orrore!!


  • Osservatore Sipontino

    A Grottaglie (Puglia) hanno agito cosi:
    http://www.google.it/imgres?


  • Osservatore Sipontino


  • EDWARD CULLEN

    e meglio che togliete quello schifo da li.ma al comune come gli e venuto in testa di far mettere quei pannelli fotovoltaici in paese.io so che i pannelli fotovoltaici si mettono in autostrada ma non in citta o in paese.e uno schifo come progettano le cose.


  • Mister X

    A similitudine degli antichi egizi qualcuno a Manfredonia adora il sole e a voluto testimoniare tutta la sua devozione con la batteria dei pannelli solari.


  • Il fantasma dell'Eurospin

    Trattasi di opera offensiva.


  • indignato

    non è che per caso qualche amministratore comunale è socio oppure fondatore di codesta azienda ma sotto terzo intestatario??se quanto letto non vige con la regola qui credo che si rischia grosso!!cmq generalmente chi prende questi appalti trattando per l’appunto fotovoltaico ed eolico è gente che ha il “potere”.cari concittadini a tutto si puo sempre rimediare,se si ha un buon senso civico.


  • mah!

    …Ma per quanto riguarda i consiglieri comunali, nessuno escluso,se il loro mandato era ed è nel nome della tutela degli interessi di pubblici cittadini, la situazione non doveva essere già obbligatoriamente chiarissima, senza alcuna ombra di dubbio già dalla prima delibera? perchè questi dubbi non li hanno sollevati allora? perchè queste ricerche non le hanno fatte prima? era nei loro obblighi!


  • SENTO

    Cari cittadini,possibile che non avete capito lo spirito dell’iniziativa del nostro comune?E’ un’opera che i nostri amministratori hanno regalato a tutti i cittadini per far si’ che invece di spendere centinaia di euro per andare in centri ad abbronzarsi,basta fermarsi un’oretta sotto i pannelli e il piu’ e’ fatto.Non meritate niente.


  • Anonimo

    Ma perchè non facciamo un referendum? Vorrei vedere quanti cittadini sono favorevoli a quell orrore…forse solo——————————- NON PUBBLICABILE PER POSSIBILE DIFFAMAZIONE, MODERAZIONE


  • Marco

    Unitevi alla nostra battaglia


  • giovanni

    mi rivolgo a chi ha messo su la campagna anti pannelli fotovoltaici, cioè Manfredonianews, e chiedo: “scusate ma potete spiegare ai lettori come mai mentre vi scagliate come portale di informazione contro i pannelli fotovoltaici realizzati dalla società Volta s.r.l. di Manfredonia, in alto a destra della vostra pagina pubblicizzate la società vostra finanziatrice “Clean Energy – Sistemi per energie rinnovabili” (http://www.catturailsole.it/) di San Giovanni Rotondo? Alla medesima società dedicate anche un ampio spazio sul vostro giornale cartaceo…
    la Società guarda caso fa le stesse cose che poi sono state affidate alla Volta s.r.l.: (direttamente dal sito) “I rami sinora sviluppati sono quello del solare termico, energia fotovoltaica, cogenerazione e illuminazione stradale ad energia solare. Svariabili sono le applicazioni: tra quelle di maggior rilievo citiamo le strutture ricettive (produzione di acqua calda con solare termico, garanzia 15 anni Solahart) e aziende di vario genere (produzione di energia elettrica fotovoltaica con l’incentivazione del conto energia).”… insomma fanno pannelli fotovoltaici anche loro!!!!
    Qualcuno molto superficialmente direbbe : meglio che lavorano i manfredoniani … quanti dell’opposizione si sono accorti di questo?”


  • matteo

    ad osservatore sipontino: credo di aver letto da qualche parte che le potenze installate sull’area eurospin siano alcune decine di kw. sul sito che hai segnalato, a grottaglie la società spagnola ha installato 17.000 kw per poi aver regalato quattro impiantini fv sui tetti del comune, ovviamente il tutto è stato fatto anni fa perchè da due anni a sta parte è vietato realizzare impianti fotovoltaici in zona agricola ma solo sulle strutture integrate come quelle a manfredonia o sui tetti dei palazzi e capannoni.


  • matteo

    hai ragione giovanni — se avessero ——anche loro per la pubblicità —- ——-. Hoops!!!ma forse (NON PUBBLICABILE, POSSIBILE DIFFAMAZIONE, GRAZIE;NDR)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi