Manfredonia
La motrice sottoposta a sequestro con il suo carico è stata data in custodia giudiziaria al responsabile dell’ impianto

Manfredonia, Inceneritore Marcegaglia: sequestrato camion con campi radiazioni ionizzati

Le indagini sono ancora in corso per verificare le responsabilità in ragione del trasferimento del carico da Bari

Di:

Manfredonia. L’attività di controllo del territorio finalizzato alla verifica del rispetto della normativa per la gestione dei rifiuti, ha condotto il Corpo Forestale dello Stato con il personale del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale di Foggia ed il personale del Comando Stazione di Foggia e Lago Salso, presso l’impianto E.T.A. s.r.l. ( inceneritore Marcegaglia) loc.tà Paglia agro del Comune di Manfredonia dove è stata individuata una motrice carica di rifiuti il cui contenuto aveva fatto scattare i dispositivi di allarme dell’impianto per la possibile presenza di campi di radiazioni ionizzati. I forestale dopo gli accertamenti di rito e rilevato che quel tipo di carico non era compatibile con l’attività di trasformazione svolta dall’impianto E.T.A. s.r.l., hanno posto in sequestro la motrice e deferito all’Autorità Giudiziaria il caso per gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi.
Gli accertamenti hanno permesso di rilevare che il carico proveniva dalla provincia di Bari e giunto in sito era stato parcheggiato poiché il responsabile qualificato aveva riscontrato una fonte radioattiva da iodio isotopo 131. La motrice sottoposta a sequestro con il suo carico è stata data in custodia giudiziaria al responsabile dell’impianto a disposizione del’A.G. Sono in corso ulteriori accertamenti sul sito e su tutta l’attività.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
18

Commenti


  • stato a rotoli

    Siamo messi bene.come sempre


  • VERGOGNA

    IN GALERA SENZA PROCESSO


  • Moralizzatore

    Se volete ringraziare qualcuno rivolgetevi all’attuale amministrazione che non ha fatto nulla per fermare questo schifo d’impianto, tranne metterci la firma. E ricordatevi che prima che un camion con sostanze radiattive possa essere bloccato ne sono probabilmente passati altri, visto che i controlli si fanno a campione. Tutti a protestare (giustamente) per l’Energas ma un inceneritore di rifiuti è molto peggio perchè brucia e diffonde nell’atmosfera fumi altamente tossici e potenzialmente cancerogeni.


  • Zuzzurellone Sipontino

    Bravi tutti per i controlli


  • contrattodariaionizzata

    Se l’energia della radiazione incidente sulla materia è sufficiente a ionizzarne gli atomi o le molecole con i quali viene a contatto, la radiazione si chiama “ionizzante”.
    Tali emissioni, con il loro passaggio, sono caratterizzate dalla capacità di strappare gli elettroni agli atomi, lasciandoli carichi elettricamente, e di distruggere i legami molecolari, generando reazioni imprevedibili. Se la radiazione ionizzante investe un tessuto biologico può creare dei gravissimi danni, agendo sul DNA e impedendo a questo di riprodursi in modo corretto. In particolare, le cellule possono venire danneggiate, con effetti immediati (ustioni, dermatiti) o tardivi (leucemie, tumori, danni nelle generazioni successive).


  • contrattodariaionizzata

    I danni,derivanti dalle radiazioni ionizzanti, sono numerosissimi e possono avere insorgenza immediata o tardiva; se le radiazioni colpiscono la cellula nel momento in cui è più vulnerabili, ovvero in cui il DNA è in fase di duplicazione, le strutture del nucleo sono dissolte e gli enzimi che assicurano l’integrità del materiale genetico non possono operare. L’effetto macroscopico più vistoso della radioattività sulle cellule, quindi, è il rallentamento della velocità di riproduzione: e le popolazioni di cellule che si riproducono molto rapidamente sono più vulnerabili di quelle che lo fanno lentamente. In virtù di questo fatto, gli organi più sensibili alle radiazioni sono il midollo osseo ed il sistema linfatico.

    A livello dell’intero organismo si nota un precoce invecchiamento correlato alla dose totale di radiazione assorbita; ciò avviene sia con forti dosi istantanee, sia con l’esposizione prolungata a bassi livelli di radioattività; gli organi particolarmente esposti perché superficiali e scarsamente vascolarizzati, e che smaltiscono con difficoltà gli effetti della contaminazione radioattiva, sono:

    pelle: ustioni, dermatiti, tumori della pelle, perdita dei capelli.

    gonadi: sterilità, facilità all’aborto, aumento delle malformazioni, soprattutto del sistema nervoso centrale e dei tumori nei figli (leucemie).
    intestino tenue: occlusioni (derivanti da muco e cellule morte); ulcerazioni.
    occhio: cataratta.


  • Lo Strillone

    E pensare che questo impianto è stato voluto e sponsorizzato da un grande associazione ambientalista italiana.


  • svolta

    Proposta popolare…. fare una sede della giunta comunale all’interno dell’impianto con obbligo di frequenza e timbratura tutti i giorni… con la presenza minima di quattro ore e pagare le indennità in rapporto alla presenza……
    Chi era il sindaco all’epoca delle autorizzazioni…. Kà lu volen …… a jss e alla Associazione ambientalista del casso…..


  • svolta

    Ho dimenticato di fare e dare un plauso al corpo Forestale dello Stato…. che stranamente Renzi lo vuole unire ai Carabinieri,,,,, chissà per quale motivo…. forse per limitare il numero dei controllori ?


  • stato a rotoli

    Dopo l’elenco di tutti i danni arrecati al corpo umano ,questo inceneritore e’ ancora attivo? Bisogna solo andar via da questo paese.ci rimanesse chi lo vuole


  • V.M.

    Il sindaco era Paolo Campo.


  • Giorgio

    E ti pareva se non ci doveva essere il commento dell’ID-svolta.


  • svolta

    Giorgio oh Giorgio…. a Manfredonia c’è il detto….” T DOSK U CUL……” quando parliamo di te e dei tuoi “compagni di merenda”


  • Giorgio

    Mi sa tanto che questo svolta oltre ad essere ID— è una donna !


  • anonimo

    una donna ID no vi prego no Manfredonia è già conciata molto male schitt jess c vol


  • Vincenzo

    Ma se ho ben capito il camion contenente materiale con campi di radiazioni ionizzati è stato individuato dai sistemi di allarme della società stessa. Se così, l’impianto è ben concepito e ciò significa che eventuali carichi in arrivo contenente materiale sospetto non verranno mai inceneriti. Sono più dannone le discariche a cielo aperto che gli inceneritori a mio vedere. Avere sanzioni per 600.000 milioni di euro dalla comunità europea perché continuiamo a mandare spazzatura in discarica la dice tutta.


  • svolta

    Giorgio…. sei proprio un co….. non riesci a capire un tubo neanche di ciò che pensi e dici…. ….
    Ascolta un consiglio….continua a mangiare la marmellata coi compagni di merenda, fin quando puoi,.. ,arriverà il giorno che non potrai più mangiarla coi tuoi compagni….. “T DOSK U CUL……”


  • L'anticristo si è fermato a Manfredonia.

    Povera Manfredonia, come ti hanno ridotta e non è ancora finita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This