Regione-TerritorioStato prima
E' ripresa questa mattina la mobilitazione dei cittadini

Nuove proteste No Tap, presidio cantiere

L'area del cantiere è presidiata da decine di uomini delle forze dell'ordine in tenuta anti sommossa che proteggono gli ingressi e anche le strade poderali di accesso

Di:

(ANSA) – MELENDUGNO (LECCE), 21 MAR – E’ ripresa questa mattina la mobilitazione dei cittadini che si oppongono alla realizzazione dell’approdo del gasdotto Tap a Melendugno dove da ieri sono incominciate le operazioni per l’espianto e il trasferimento degli ulivi che si trovano lungo il tracciato dell’impianto. L’area del cantiere è presidiata da decine di uomini delle forze dell’ordine in tenuta anti sommossa che proteggono gli ingressi e anche le strade poderali di accesso.

Loizzo: la xylella un terremoto infinito da affrontare con grande coesione
Serve il massimo impegno e il massimo della compattezza di tutti per dare finalmente risposte concrete e soluzioni possibili al dramma della xylella che si è abbattuto sul Salento come un terremoto interminabile. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo, incontrando con i capigruppo consiliari una delegazione delle Organizzazioni Sindacali e cooperative agricole, nel corso della manifestazione sotto il palazzo di via Capruzzi, in occasione della seduta del Consiglio regionale con all’ordine del giorno il disegno di legge che prevede misure per contrastare la diffusione del batterio.

Siamo di fronte a una vera tragedia, anche se per ora sono morte solo le piante, ma bisogna evitare che muoiano anche i coltivatori“, ha detto Loizzo. L’approccio giusto secondo il presidente è “cominciare a decidere il da farsi, mettendo da parte polemiche che non portano da nessuna parte e divisioni che non aiutano. Abbiamo bisogno di concentrare le forze per i necessari confronti operativi a livello nazionale ed europeo”.

Sono legittime le richieste del mondo agricolo: meno burocrazia, misure tarate sulla situazione concreta, ma la sfida fondamentale è il reimpianto, “questa la partita vera” per Loizzo, con il concorso della ricerca che sta mettendo a punto una nuova cultivar. Un rinnovamento e un ammodernamento straordinario dell’intero comparto diventano obiettivi da perseguire con determinazione.
Bisogna al più presto riconsiderare l’insieme degli interventi, mettendo insieme le risorse regionali, nazionali ed europee “per assicurare il riavvio di una specializzazione agricola fondamentale. Al più presto occorre scongiurare un futuro drammatico, ha concluso il presidente Loizzo, invertendo la tendenza con interventi urgenti ed efficaci, in un clima “di grande coesione locale e regionale e grande attenzione da parte dei parlamentari europei e nazionali”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi