ManfredoniaMonte S. Angelo
L'incontro di Lunedì scorso, 18 aprile, in Comune ha portato un nuovo spiraglio di speranza per i dipendenti

“Il punto sulla Manfredonia Vetro e il vetro ingegnerizzato”

Dall’incontro è emerso un interessamento al sito produttivo da parte di un importante imprenditore greco

Di:

Manfredonia. L’incontro di Lunedì scorso, 18 aprile, in Comune ha portato un nuovo spiraglio di speranza per i dipendenti della Sangalli Vetro Manfredonia. E’ quanto sostiene il vice Segretario UGL Chimici Roberto Palladino, che sottolinea la “piena partecipazione e collaborazione” del Presidente della Regione Puglia Emiliano, del Sindaco di Manfredonia Riccardi, con l’appoggio e la sinergia delle istituzioni e di alcuni rappresentanti istituzionali tra i quali C.Mongiello, L.Di Gioia e G.Gatta.

Dall’incontro è emerso un interessamento al sito produttivo da parte di un importante imprenditore greco. Nei prossimi giorni, prevista una visita in area ex Enichem per valutare le condizioni degli impianti e avere in tempi ristretti – si spera – una proposta concreta.

Nello specifico della problematica, secondo Luigi Lauriola (segretario generale della FILCTEM CGIL di Foggia), si è percepita l’assenza del Governo Renzi sulle questioni del Mezzogiorno e nello specifico dell’occupazione a Manfredonia. Ad oggi non c’è stata una sola proposta messa sul tavolo dal Governo per cercare di salvare il Gruppo Sangalli e i suoi dipendenti di questo territorio. Ora, gli appuntamenti per il futuro dovrebbero essere i seguenti: la visita presso lo stabilimento il 26 aprile prossimo da parte di un cordata di imprenditori esteri per verificare lo stato dei luoghi e la conservazione delle apparecchiature. Continua Lauriola: “Mi sembra ovvio che fino alla manifestazione di interesse da parte di questi soggetti non possa essere espressa nessuna fase di facile ottimismo, anche perché a valle della visita dovrebbe svolgersi un incontro degli investitori con i responsabili del MiSE (il 27 p.v.,ndr) a cui dovrebbe seguire la convocazione del tavolo tecnico e quello politico”. Sempre Lauriola ha ringraziato il Presidente Emiliano per il suo personale impegno sulla vertenza e per aver garantito che le somme destinate per il rifacimento del forno alla Sangalli sarà confermato anche ai nuovi investitori, se decideranno di riavviare le produzioni. Inoltre è stata espressa soddisfazione per l’approvazione della CIGS ai lavoratori della Sangalli Vetro Manfredonia, che si vedranno riconoscere il salario arretrato della cassa da ottobre scorso ad oggi.

In ogni modo c’è chi continua a lavorare nello stabilimento non percependo lo stipendio, come precisato da uno dei dipendenti manutentori della ex Manfredonia Vetro: “Siamo ancora in servizio presso lo stabilimento al fine di tutelare un prodotto, il PVB , che viene utilizzato durante la produzione del vetro Laminato. Questo materiale deve essere conservato e lavorato ad una temperatura di 7°. Questo comporta che noi continuiamo a sorvegliare le macchine ancora in funzione per la tutela di questo prodotto, e si parla di circa trecento mila euro di prodotto PVB. Come si può notare noi siamo fuori dalla Cassa integrazione, ma nonostante lavoriamo non percependo nessuna retribuzione perché i soldi in azienda non ci sono. Questa situazione va avanti da maggio del 2015 e ora siamo al collasso economico, non possiamo più far fronte alle molteplici spese che in tutte le normali famiglie affrontano mensilmente, tipo affitti arretrati o mutui, bollette varie, fermare l’auto per mancanza di assicurazione, etc.”. “Il paradosso è che risultano ancora come dipendenti lavorativi circa una ventina di ex dipendenti che non percepiscono alcuna cassa integrazione, e nessuna forma di aiuto economico e sociale in quanto risultiamo ancora in forza lavoro”.

E comunque nuova forza lavoro e nuova linfa vitale potrebbe dare l’interessamento ad una nuova tecnologia legata al vetro trattasi di un disco di vetro ingegnerizzato in grado di conservare 360 TB di dati per un tempo praticamente illimitato. Il prodotto innovativo dell’università di Southampton potrebbe risolvere i problemi legati al deterioramento nel tempo di molti supporti di archiviazione attuali e nel contempo creare nuovi posti occupazionali. Immaginate che i nostri rappresentati locali sappiano ben presentare un piano d’investimenti, utilizzando nuovi modelli di programmazione rispettosi dell’ambiente e della sicurezza sul lavoro creando un distretto industriale duraturo e soprattutto volto alla reindustrializzazione responsabile del nostro territorio.

Più info sull’invenzione del vetro ingegnerizzato cliccare qui .

FOTOGALLERY

(A cura di Benedetto Monaco – benedetto.monaco@gmail.com)



Vota questo articolo:
10

Commenti

  • Ma Lauriola nei tredici anni di presenza all’interno dello stabilimenti si è mai preoccupato del futuro. E già fa senso sentir esprimere in questi termini colui che ci metteva, e forse mette , a tacere tutti …… In 13 anni ha sempre detto di essersi letto i bilanci, e nei bilanci ricchi di guadagni non si è mai preoccupato che i Sangalli mettessero da parte i soldi per il rifacimento forno. Fa senso sentir parlare colui che fino a ieri era contrario a qualsiasi tipo di manifestazione e oggi si chiede dove sia il governo. Bordo Mongiello Scalfarotto Riccardi Campo Emiliano Cusmai Gatta Cera e tanti altri tutti impegnati nella vertenza e lui…… Mah a me fa senso sentirlo solo nominare e poi si permette di tirar in causa il Governo

  • @operaio Mv ma tu in questi 13 anni dov’eri? non credi che le critiche vadano fatte al nostro interno con caparbietà e disinvoltura? non pensi che ci faccia male parlare sui social? Le guerre a determinate persone si fanno durante le assemblee e no qui


  • Libero pensante

    Ben detto “operaio MV”


  • opm zad.

    Ma cosa stai dicendo massimo, male o non male, quante volte sui social ci si è scontrati, scritto insulti, accuse, e chi più ne ha più ne metta…..ora vieni a fare la predica, ma per piacere,
    Questa della MV è una storia infinita, piena di se e di ma, e di orrori..e non solo….
    è difficile per alcune persone prendersi la responsabilità ed ammettere i propri errori anche quando questi sono evidenti,come mai?
    Errare humanum est, perseverare autem diabolicum,


  • Mimmo

    Il punto della situazione è che dopo 15 mesi abbiamo la possibilità di programmare un percorso che ci dia speranza per tornare a lavorare.in 14 anni abbiamo fatto tanto
    Sia in meriti e forse anche in demeriti ognuno nel proprio piccolo
    Fatto sta che ora abbiamo la possibilità di scrollarci quei piccoli demeriti e lasciar stare solo i meriti
    Prima azienda in italia
    Top nella qualita
    Assenteismo pari allo zero.
    Ora attaccare non serve anche perché in questi 15 mesi qualche mia culpa è stato fatto un po da tutti nei loro limiti.
    Quindi incrociamo le dite e andiamo avanti
    Visto che gli amici del magnetronico sono riusciti a parcepire la cigs
    E i manutentori in turno hanno percepito qualcosa (anche se lontani)
    Degli stipendi che avanzano.
    Per sdramattizzare
    Agli europei tifiamo grecia.


  • Cittadino

    Nella foto ci sono tutti gli amici di tutti e tre i sindacati e sono proprio belli andate a leccare il c….. Da un’altra parte


  • operaio

    Lasciamo stare di chi e nn chi e la colpa e facile puntare il dito contro il sindacato contro il padrone contro i — contro il satinato che nn e presente…basta ora il nostro unico obbiettivo e tornare a lavorare …e adesso si vede una luce in fondo al tunnel preghiamo e speriamo che questo avvenga al più presto possibile. …e per sdrammatizzare sempre forza Italia ahahahah


  • fallimento

    Azzzz prima l avete fatta fallire e ora preghiamo che riapra…..tutto assurdo…vedete l alenia come sta facendo lo sciopero…e impariamo..


  • Cicco

    Che uomo . . …quel Lauriola …ancora lo state ad ascoltare -decine di aziende e centinaia di persone


  • cico

    Almeno lauriola voleva che entravamo….e sicuramente era un moderato….
    E martino??? E i suoi seguaci che fine hanno fatto??? Hanno fatto un macello….che disastro….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This