Manfredonia
Organizzato dall'associazione “Unione degli Avvocati” di Manfredonia

Manfredonia, “La violenza alle donne, riconoscere per contrastare e prevenire”

Scopo del Corso/Evento, articolato in tre giorni, è quello di far emergere la violenza di genere, favorire la pratica del lavoro in rete tra i Servizi, contribuire ad un cambiamento culturale, favorire le best practice nei casi di maltrattamento intra e extra familiare

Di:

Manfredonia, 21 apOggi il secondo evento del percorso formativo sulla violenza di genere organizzato dall’associazione “Unione degli Avvocati” di Manfredonia con il Comitato per le Pari Opportunità del Tribunale di Foggia avente come tema: “La violenza alle donne, riconoscere per contrastare e prevenire”. L’evento
organizzato con il CAV dell’Ambito di Manfredonia, il Patrocinio gratuito del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati del Tribunale di Foggia, vedrà la partecipazione dei Professionisti di vari Ordini: Avvocati, Magistrati, Questura, Medici, Pediatri, Personale di P.S.,docenti, operatori del Servizio Sociale e Referenti delle Associazioni Territoriale.

Oggi si discuterà de: “Il Reato di Maltrattamenti in Famiglia aggravato da violenza Assistita”, interverrano in qualità di relatori: Dott.ssa L. Simeone, Sostituto Procuratore Tribunale di Foggia, Ispettore Capo Dott. Cassano Pasquale, dell’Ufficio minori della Questura di Foggia, Dott.ssa Claudia Ciccarelli- Psicologa e Psicoterapeuta dell’Osservatorio Giulia e Rossella, Avv.ta T. Manente del Foro di Roma; Porteranno i saluti Istituzionali l’Avv.ta Ida Anna Di Masso, Pres. Comitato Pari Opportunità del Tribunale di Foggia, Dott.ssa Tina Arbues, Presidente dell’Osservatorio Giulia e Rossella Centro Antiviolenza Onlus I.S..

Modererà i lavori l’Avv.ta Maria Elena Di Leo, legale dell’Osservatorio
Giulia e Rossella Centro Antiviolenza Onlus I.S.

Scopo del Corso/Evento, articolato in tre giorni, è quello di far emergere la violenza di genere, favorire la pratica del lavoro in rete tra i Servizi, contribuire ad un cambiamento culturale, favorire le best practice nei casi di maltrattamento intra e extra familiare.



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Carmela

    Fatti e non chiacchiere morte più fate dibattiti è più sembra materializzarsi la violenza sulle donne!


  • Esnedy

    Oggi sotto il mio terrazzo un vicino di casa stava minacciando una ragazza .le diceva tenendola stretta hai paura eee!!ho sentito le urlava forte -Ho chiesto solo che succedeva e perché si metteva sotto il mio balcone a minacciare qe ragazza. Allora si è rivolto contro me ….Io non ho fatto nulla ecct…Io si che hai fatto.Mi sono rivolta ha lei che tremava in silenzio. perché non ti difendi da lui?.perché subisce violenza e minacce ?…Lei non rispondeva.Nel frattempo mi ha minacciato che di adesso in poi mi devo curare dove cammino.Che io non so chi è lui e minacciò anche me di farmela pagare …mi ha detto visto che non hai paura scendi….Sono cessa nel frattempo è arrivato il padre e ha picchiato il padre….è continuava a mi nacía mi…Lui abita a 30 metro da me e io temo per mio bimbo di 5 anni…Ho tf la polizia mi ha detto che se non ci sono lividi inutile fare denuncia …io ho risposto si loro quando lui ci ha ucciso allora Beníte a liberarci….Esnedy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This