Manfredonia
A cura del prof. Giovanni Fantetti

Manfredonia, prof Fantetti “Ecco cos’è il solstizio d’estate”

Il solstizio d’estate era chiamato “Porta degli uomini”

Di:

Manfredonia. ”Il solstizio d’estate era chiamato “Porta degli uomini”, mentre quello d’inverno “Porta degli Dei”: queste porte segnano il passaggio del sole nella sua fase ascendente, che riconduce al mondo materiale, e a quella discendente che riconduce al mondo divino. Nell’antichità si festeggiava il sole che trionfa nel cielo, collegando quindi tale periodo dell’anno con la comunicazione diretta fra visibile e invisibile. Sapete cos’è il solstizio d’estate? Sapete che è il giorno in cui il sole raggiunge il punto più alto durante l’anno? Sapete che corrisponde alla notte più corta dell’anno o per dirlo in altro modo al giorno con maggior numero di ore con luce (15h15m)? Ovviamente si tratta di una giornata particolare. Il termine solstizio deriva dal latino e significa ‘il sole si ferma’, perchè durante questo strano fenomeno il sole sembra fermare la sua attività e rimanere bloccato.In questo giorno il sole raggiunge il punto piú alto rispetto all’equatore, i raggi solari cadono perpendicolari sopra il tropico del Cancro.

Ogni anno si verificano due solstizi: uno in estate in data 20 o 21 Giugno ed uno in inverno, il 21 o 22 di Dicembre. Questo anno, 2016, il solstizio è il 20 giugno alle ore 22:24. La spiegazione per i giorni differenti, sta nella discrepanza tra l’anno come noi lo intendiamo, costituito di 365 giorni, e l’anno astronomico, di 365,25 giorni. Ecco perché il solstizio può aver luogo il 20, il 21 o il 22 giugno. Nel solstizio d’estate il Sole nell’emisfero Nord raggiunge lo Zenit a mezzogiorno solo nel tropico del Cancro, mentre nel solstizio d’inverno il Sole raggiunge lo Zenit a mezzogiorno solo nel tropico del Capricorno.

Cosa simboleggia. La festa del solstizio d’estate è antica come l’uomo, si tratta di una giornata carica di significati simbolici e di magia. Tradizionalmente gli agricoltori ringraziavano per la venuta dell’estate, il raccolto, la frutta e per avere piú ore disponibili per svolgere il loro lavoro e dedicarsi al divertimento. È anche una festa legata alla fecondità, tanto della terra come degli uomini.

Il solstizio d’estate presenta un simbolismo naturale di estrema chiarezza: in quel momento il sole raggiunge la culminazione, nel suo punto più alto, tocca il suo apogeo: è il trionfo del Cristo. Il sole è il simbolo del Verbo di Dio incarnato nel quale e per il quale tutto è stato creato e illuminato e che ha detto : “Io sono la Luce del mondo, chi segue me non camminerà più nelle tenebre, ma avrà la luce della Vita” (Gv. 8,12).

Così il FORO GNOMONICO di San Leonardo “ simboleggiare ” alle12:58 l’evento: l’apogeo ed il trionfo del Cristo, con la culminazione del Sole.

Prof. Giovanni Fantetti



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi