EditorialiManfredoniaMattinata
"Si vuole far sparire il corpo, ritenerlo non degno di un funerale"

Missing. La sola morte non basta

Ci sono processi di assuefazione, si fanno discorsi cinici… “Si ammazzano tra loro”

Di:

Manfredonia. Si pensava che fosse sufficiente ammazzare. Si pensava che fosse sufficiente a placare l’odio o un torto subito crivellare di colpi, rendere irriconoscibile un corpo. Invece no. Si vuole far sparire il corpo, ritenerlo non degno di un funerale, di essere compianto, punire anche la famiglia, lasciandola nella incertezza per mesi e anni. Il seppellimento dei corpi è una delle radici dell’umanità. Fin dall’antichità la furia della vendetta si doveva fermare di fronte a un corpo senza vita. “Antigone”, la tragedia di Sofocle, ci consegna uno dei più grandi ritratti femminili. Due fratelli Eteocle e Polinice si erano uccisi a vicenda per il dominio sulla città di Tebe. Creonte, il nuovo padrone della città, per il primo stabilisce sepoltura e onoranze funebri, per il secondo no. Antigone, sorella a entrambi, disubbidisce. E lo fa con chiarezza, determinazione, semplicità, senza alcuna intenzione di compiere un atto eroico. Disprezza ogni invito alla cautela e alla prudenza.

Di fronte a Creonte… “Non credevo che i tuoi divieti fossero tanto forti da permettere a un mortale di sovvertire le leggi non scritte, inalterabili…. Quelle che non da oggi, non da ieri vivono, ma eterne: quelle che nessun uomo sa quando comparvero. Potevo io per paura di un uomo, dell’arroganza di un uomo, venir meno a queste leggi davanti agli dei?… Subire la morte quasi non è un dolore per me. Sofferto avrei senza misura se avessi lasciato insepolto il corpo morto di un figlio di mia madre. Agisco da folle, chi mi accusa di follia è forse lui folle”.

Vico fa derivare l’etimologia di uomo da humus, la terra, la sepoltura. Per Foscolo la nascita della umanità, la civiltà è quando le “belve umane” si mostrano pietose di se stesse e degli altri, seppellendo i morti e sottraendoli alle intemperie e alla voracità degli animali. Il rispetto del corpo, gli onori funebri appartengono a tutte le culture.

Priamo si recò da Achille, in ginocchio baciava le mani all’assassino del figlio e chiedeva il corpo di Ettore. Achille si commosse, pensò al padre suo e piansero insieme. Fece lavare il corpo di Ettore, rivestire e lo consegnò al re Priamo, concedendo 11 giorni di tregua perché fossero resi gli onori a un suo nemico acerrimo.

La stessa immagine (un vecchio che chiede il riscatto del corpo di un guerriero) si trova su una stele daunia. Una immagine che porta l’archeologo Silvio Ferri a dire che ci troviamo di fronte allo stesso racconto. Dall’Egeo sono venuti Diomede e i Dauni, portando idee e sentimenti sulla vita, la morte e sul culto dei defunti. Forse bisogna riprendere questi racconti, per ristabilire il senso delle cose.

Ci sono processi di assuefazione, si fanno discorsi cinici… “Si ammazzano tra loro”. Qui ci troviamo di fronte ad altro. Si parla di quattro persone scomparse nel territorio di Mattinata! A Manfredonia (vicenda Romanzo criminale) si fece sparire un corpo (e si tentò di bruciare altri due), poi fu ritrovato perché qualcuno parlò. Se non c’è cadavere, non c’è reato. Ma c’è solo un calcolo criminale utilitaristico? Hai sgarrato e la sola morte non basta, di te non deve restare niente. Si vuole cancellare una vita, come se non fosse esistita.

Nel 1970 scomparve un famoso giornalista, Mauro De Mauro. Per anni e per decenni si parlò, si facevano ipotesi. A fine degli anni settanta fui commissario per gli esami di stato a Palermo. E lì mi dissero: Non sarà più trovato, è murato, in un pilastro o sotto l’asfalto. Non è mai stato trovato. Ho letto che a Mattinata ci sono letture, racconti durante l’estate… Nessuno ha pensato di leggere Antigone, i poemi epici, Sciascia o altro? Antigone è ancor oggi una forma vera e immortale di teatro civile. O rileggere la storia di Ettore Fieramosca, la leggenda del ritrovamento di ferraglie e dei resti di un cavallo e di un uomo…

(A cura di Paolo Cascavilla, fonte futuriparalleli.it)



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • luisa

    Concordo x quanto lei ha appena illuminato le nostre menti , che storie e mitologia ci insegna.ma qui la questione è diversa, stiamo parlando di animali travestiti da sembianze umane , ma che non hanno niente a che vedere con la razza umana..purtroppo sempre più sto assistendo alla malvagità di cui siamo circondati.ma la cosa peggiore è che fuori controllo.le pene x coloro che fanno del male dovrebbero essere esemplari.ma che ciò possa accadere e impossibile.tutti siamo in balia di criminali nessuno ne è esente.la scomparsa e morte di un figlio e devastante..non maledico chi mi ha fatto questo , xche non mi appartiene questo termine.posso solo chiedere a Dio di guardare il mio cuore e di portarmi pace.mentre x chi a fatto del male a mio figlio, tormento.


  • Alberto

    Gentilissima Signora Luisa l’ammiro per il suo stato d’anima che a tutt’ora provando questo atroce dolore ,ammiro come madre,come donna, ma spero che lei sia simbolo di legalità per Mattinata posto omertoso e non da poco.
    Le posso solo assicurare che a breve vedrò di far io un salto come turista non coinvolgendo organi Istituzionali e altro ,ma se riuscirò ad avere indizi che io sento che ci possano essere sarà mia cura comunicarlo a questo giornale in quanto serissimo e di massima fiducia ,Lunedì faro richiesta per poter essere li nei dintorni spero di poter essere di aiuto esclusivamente per lei che a tutto il diritto di avere un luogo dove poter pregare minimo il nostro pensiero va a Francesco e lei che so cosa prova e sente l’abbracciamo con stima.


  • luisa

    X cambiare la mentalità qui? Be ci vorrebbe semplicemente un miracolo.ma credo che ciò sia impossibile…si vive di maldicenze, invidia gelosia .forse ancora non si è afferrato il senso della vita , che apparteniamo ad un unico Dio dove un giorno ci preparerà il conto delle nostre azioni e del nostro cuore..si dovrebbe aver timore di far del male ad un nostro fratello.lo so forse sono pensieri che appartengono ad un altra dimensione.questi pensieri sono ciò che ho sempre insegnato a i miei figli , forse sarà proprio questo che mi ha fatto xdere il mio frac esco? Be me ne farò una ragione .La coscienza e ciò che ci distingue dagli animali.mi manca mio figlio e vorrei gridare al mondo di smetterla con la cattiveria.la vita e un battito di ciglia e va vissuta con amore .solo così tutto può avere un senso.


  • Paolo Cascavilla

    Anch’io concordo con il suo commento. Non so aggiungere altro in questo momento, se non un pensiero di vicinanza. E un forte abbraccio. Paolo Cascavilla.


  • luisa

    Fra 3 giorni farà un mese che mio figlio non lo vedo più. E sto qui a non sapere meno che niente..un mese di buio totale, vorrei gridare x farmi ascoltare, x chiedere aiuto , x avere giustizia.fosse possibile mi rivolgerei hai più alti organi di stato, invece sono sono qui sola sola ad aspettare che qualcuno abbia pietà x mio figlio Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati