Manfredonia

Lettore: Festa Patronale, a Manfredonia più eventi di Lecce e Trani

Di:

Festa patronale, folla in Piazza Duomo (foto Losciale@)

Manfredonia – FESTA patronale: il confronto. Ancora note, lettere, segnalazioni a Stato relativamente agli ospiti, all’organizzazione, agli eventi, alle spese della Festa patronale in onore della Madonna di Siponto.

“Gent.mo Direttore,
sono un lettore di Statoquotidiano che ieri mattina si è soffermato a leggere attentamente il programma della festa patronale, che avrà inizio il 28 agosto prossimo, e i relativi commenti che si sono susseguiti.

Leggevo di tutto! Le polemiche circa la scelta del cantante, sulla “troppa sobrietà” del programma e sugli organizzatori. Allora per essere più consapevole di quanto fatto dagli organizzatori, scevro da qualsiasi influenza, ho cercato di paragonare il nostro programma con quello che hanno realizzato in altre località famose della nostra Regione Puglia.

Quindi, mi sono soffermatoa “studiare” cosa faranno durante la festa patronale di Lecce (24,25,26 Agosto) e Trani (2,3,4,5 Agosto) che sono notoriamente le città più all’avanguardia sotto il punto di vista dell’organizzazione degli eventi. Comparando così i vari programmi! Chiaramente il momento storico nel quale ci troviamo accomuna le tre città, purtroppo chi si accinge ad organizzare eventi del genere avrà fatto i conti anche con la condizione socio-economica del nostro territorio, in un periodo in cui le aziende sono in uno stato di sofferenza e quindi poco propense a contribuire economicamente.

Il primo dato che mi meraviglia è che la nostra festa patronale dura ben 5 giornate rispetto ai 3 giorni della città di Lecce e ai 4 giorni di Trani (va da se che i costi di gestione saranno più alti a Manfredonia: SIAE, spettacoli ecc. ecc.); fin qui nulla di strano.

Noto, fin da subito, che nella nostra città si esibiscono nr. 4 orchestre di prestigio (Banda della Citta di Conversano G Piantoni – Citta di Conversano G. Ligonzo – Citta di Racale – Citta di Manfredonia) con 3 matinèè nella ridente Piazza del popolo; mentre nella citta di Lecce si esibiscono “solo” 3 bande e a Trani si contano 4 esibizioni serali di orchestre e mancano peròle esibizioni mattutine i cosiddetti matinèè.

Per i bambini? Nulla di fatto ne a Lecce e nemmeno a Trani! Nel loro programma non riesco a scorgere nulla per i più piccoli. A Manfredonia addirittura hanno dedicato una notte intera ai nostri bambini, a giudicare dalle foto che girano su facebook relative alle edizioni degli anni scorsi, la notte bianca dei bambini ha sempre riscosso nella mia città un grande successo di pubblico. Non riesco a comprendere, quindi, le polemiche anche su questo evento!

I cantanti? Bene a Trani hanno scelto di puntare tutto su band locali mentre a Lecce nella giornata clou si esibirà Antonio MAGGIO (giovane emergente); nella mia città invece chi organizza ha investito sulla figura di Gianluca GRIGNANI, un artista con 14 album, premio miglior cantante dell’anno Sanremo; preferisco non continuare a commentare credo che i nomi parlino da soli, lascio ad ognuno di voi le personali considerazioni!

Fuochi pirotecnici? A Lecce 1 spettacolo nella giornata clou del 26 agosto così come a Trani uno spettacolo avvenuto il 4 agosto; nella mia città leggo checi saranno 2 spettacoli dei fuochi d’artificio il 31 agosto ci sarà la novità dei fuochi piro-musicali il 31 agosto e il 1° settembre fuochi in onore di sant’Andrea . Vorrei ricordare a tutti che nella città di Barletta e di Foggia (tanto per citare qualche città a noi vicina) quest’anno i cittadini non hanno visto i fuochi d’artificio durante la festa patronale.

Cabaret? La gente vorrà pur ridere in momenti come questi. Bene a Manfredonia il 1°Settembre arriverà UCCIO de SANTIS il comico più conosciuto della regione, probabilmente non possiamo più permetterci i marchi di zelig oppure di coloradocafe, ma non mi pare che venga una scartina. Nelle altre due città io non ho letto nomi di comici o spettacoli simili.

Percorsi eno gastronomici e rievocazioni storico medievali sono presenti nel programma della mia città non ho visto nulla di simile nei programmi delle feste patronali nelle altre città.

Lo sport? Tennis, tennis tavolo, nuoto… anche lo sport è entrato nel programma 2013. Cosa c è che non va allora nel nostro programma? Vi giuro non riesco a comprendere! Finalmente conclusa l’analisi dei programmi in questione mi sono fatto una domanda!

Si sono lamentati che la nostra amministrazione comunale per la festa patronale, che dura 5 giorni, ha investito dei soldi.
Bene! Ma quanti soldi ci mette l’amministrazione comunale di Lecce per una kermesse che dura 3 giorni? La risposta la trovo nella delibera comunale nr. 687 del 29/07/2013 la cifra investita è di € 46.460,00.

A Trani cosa hanno deciso? Rispetto ad un bilancio di previsione delle uscite pari a € 85.500,00 hanno ritenuto opportuno erogare subito un acconto pari a € 20.000,00 (evidentemente i conti li faranno alla fine).

Allora comprendo che non è scandaloso che un amministrazione comunale intervenga economicamente a sostegno delle spese della festa patronale e che, tuttavia, quanto deliberato dalla nostra amministrazione è in linea con il resto del mondo!!! Mi fermo con l’analisi dei programmi ribadendo tutto il mio apprezzamento per la città di Trani e di Lecce tra le più belle e frizzanti della Puglia, ma non posso sottacere che anche la mia città è viva e che quando vuole, riesce a tenere il passo con tutte le altre.

I miei concittadini vogliono continuare a emettere sentenze e commenti auto lesionisti? Lo facciano pure!Vogliono continuare ad alimentare semplicemente il culto del dubbio. Lo facciano pure!
Però non è così che aiutiamo la nostra città. Per quale motivo non scendono in campo per organizzare qualcosa a favore della cittadinanza? Perché non si confrontano con la realtà quotidiana, piuttosto che rimanere fermi e pronti solo a giudicare ben nascosti dietro la tastiera di un pc?

Ho cercato di argomentare con dei dati,con la speranza di essere riuscito a trasmettere ai lettori, quelli più sereni, che nella nostra città si può fare qualcosa di bello se solo riuscissimo a recuperare un po’ di calma nel giudizio e ad essere meno disfattisti; vogliamo continuare così? Bene, ma i numeri e le analisi dicono un’altra cosa! La nostra città non è quella che raccontate voi, la nostra città è viva più che mai!

Grazie Direttore per lo spazio che mi vorrà concedere!

Buon lavoro a tutti”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
37

Commenti


  • mariannaucalannarje

    Evidentemente il Gent.mo Lettore ha dimenticato di scrivere che a Lecce e Trani,città da lui menzionate,le Tradizioni Religiose sono tenute in grande considerazione e rispettate tuttora,mentre a Manfredonia,il Clero ed i vari Comitati,per farsi i fatti loro,come pecorelle,hanno accettato quanto decretato da un Clero su cui e meglio soprassedere!Inoltre,nelle città su menzionate,da molti anni,ci sono Cartelloni estivi che,a Manfredonia sempre,ce li sogniamo;perciò non hanno la necessità di “ospitare quel o quell’altro cantante”.Meglio le Bande e le Processioni,per un avvenimento religioso!Questo,carissimo lettore e sipontini,avviene quasi ovunque nella nostra Puglia e nel Meridione in genere!La Festa o le Feste Patronali sono queste e ci si sveglia pure alle 4(dico quattro!)della mattina(sarebbe meglio dire notte o alba!)pur si partecipare a processioni secolari!Da noi,hanno voluto buttare tutto alle ortiche,ma prima o poi,se ne pagano le conseguenze(Vedasi Chiesa Rettoria di San Matteo-dove ,dopo 5 secoli,un manipolo di affaristi è riuscito a fare quello che non hanno fatto i turchi!Neanche una Celebrazione liturgica:La Chiesa riapre il 4 di Ottobre!)Questo,caro lettore è il vero schifo di Manfredonia e nessuno dei nostri soloni ne parla.Sai perchè?hanno paura di mettersi contro i Potenti del Clero e devono sistemare i figli!Meglio tacere!Meglio tacere sulle zozzerie che si compiono in nome d…….e mi fermo qui!Meditate gente,meditate!


  • Marziale

    Io sono d’accordo con tutto ciò che dice il lettore. Finalmente ci rendiamo sempre più conto che il manfredoniano, qualunque cosa gli dai, avrà sempre da ridire… è nel suo dna, lasciamolo parlare. Dal canto mio, programmi esorbitanti non mi interessano, io amo la festa patronale per le piccole cose, non per la quantità di eventi organizzati. Mi basta uscire e mescolarmi alla gente, vedere le luminarie e perdermi nel profumo di zucchero filato e torrone. Solo questo. Sarebbe bello se tutti quelli che professano amore incondizionato per la propria città la pensassero come me, invece di star lì a criticare sempre e comunque.


  • Spartacus

    Volevo solo ringraziare il lettore attento che mi ha fatto riflettere sulla festa patronale.
    Aggiungo solo che la parte migliore della festa rimane sempre la numerosa partecipazione della gente dietro la processione. Mi commuovo ogni anno nel vedere aumentare il numero dei partecipanti. Non credo sia la bravura di Arena, di Schiavone o di Scarano ma semplicemente la devozione dei sipontini per la Madonna si Siponto.


  • anonimo

    ragazzi è initule! la macchina della propaganda si è messa in moto! e l’agenzia fa parte di questa strategia


  • peppe74

    Pienamente d’accordo con il lettore….


  • Na dò

    Non so come abbia fatto il “lettore” a visionare la Delibera 687 visto che sull’Albo pretorio della città di Lecce, e ne altrove, è possibile rintracciarla. così come non sappiamo come ha fatto ad avere notizie su Trani. Un “lettore” forse che ha amici nelle pubbliche amministrazioni e che si dimentica di riferire, ad esempio, che a Lecce nelle stesso periodo della festa e collateralmente al programma della stessa organizzano il motor show e spettacoli di ogni genere e per qualsiasi fascia d’età. Stessa cosa dicasi per Trani. Quindi le cose vanno riferite per intero e non solo per la parte che si vuol mettere in evidenza. Inoltre, “loro” non “finanziano” l’Agenzia che nel nostro caso avrà un capitale maggiore per l’apporto della quota dovuta dagli altri soci. Insomma, caro “lettore”, il confronto che ha fatto è del tutto scarno e scevro di elementi oggettivi che ove mai messi sul “tavolo” porterebbero a risultati e conclusioni nettamente diversi da quelli da lei prospettati.


  • Matteo D'Apolito

    Gent. Lettore

    Il problema non e’ la Festa o il suo programma,
    Il vero problema e’ che la gente vive male e non sa come migliorare la propria condizione e quella del proprio paese!
    Si sente esclusa e vede sempre le stesse facce nei pisti di manovra!
    La vittoria l’Agenzia del Turismo la troverebbe nel giro di un anno se solo provasse a COINVOLGERE TUTTI!
    Bisogna proporre eventi a TUTTI I COMMERCIANTI e a TUTTI I CITTADINI e bisogna anche indirizzare la gente ad investire sul proprio lavoro, magari individuando le attivita’ mancanti e promuoverle con finanziamenti agevolati!

    La SCUOLA sforna solo cultura del passato e chiacchiere linguistiche e NON FORNISCE NOZIONI SU COME AVVIARE UN’ATTIVITA’ E A CHI RIVOLGERSI PER I FINANZIAMENTI E TUTTE LE PRATICHE BUROCRATICHE!

    Se solo il SINDACO
    Al posto di inviare i semi di ZUCCA ci inviasse un’analisi di mercato e una guida completa su come avviare un’attivita’e a quali finanziamenti si puo’ accedere, avremmo piu’ lavoro e meno critiche.

    EVIDENTEMENTE ci vogliono IGNORANTI!

    Io comunque nel forum di un altro articolo indirizzavo i lettori volenterosi ad inviare le proprie IDEE al sito http://www.manfredoniaturismo.it
    Perche’ non mi rassegno all’ignoranza e perche’ non voglio il mio paese uguali agli altri ma molto meglio!

    Comunque Finalmente un Articolo Positivo!


  • porto turistico senza barche

    Per favore non paragoniamo due perle del turismo pugliese alla città dei porti vuoti


  • u meggie cumpagn

    Ma parlare della processione o della sfilata? Gente che parla al telefono, saluta a destra e sinistra, vede chi c’è e chi non c’è….
    Mi chiedo se il quadro della madonna fosse messo all’inizio, quanti parteciperebbero?proponetelo al clero…
    La devozione poi credo che debba essere manifestata tutto l’anno…e siamo sinceri non è così


  • sitreoki

    mia cugina di manfredonia abita a lecce


  • Drittopedritto

    L’unico rimedio è smettere di lamentarsi ,non pensare e non parlare di quelli che si lamentano, perchè non meritano attenzioni,degradano solo il paese e ciò che di buono l’amministrazione può permettersi di fare..se non vi sta bene, pensateci voi a risollevare le sorti del paese, e poi vediamo se sarete in grado di fare meglio !


  • Lucia

    mio fratello di manfredonia abita a Trani


  • Corto Maltese

    1)sono d’accordo con anonimo: è iniziata la propaganda!
    2)sono d’accordo con Na dò: trani e lecce hanno un programma estivo che farebbe invidia a qualsiasi città d’italia, siamo noi, poveri manfredoniani, ma non per colpa nostra, per colpa di chi ci amministra, che aspettiamo la festa patronale per vedere qualche evento degno di nota.
    3) grignani è stato miglior cantante di sanremo in che mille? non ricordo, cmq subito dopo, una curva discendente!
    4)uccio de santis miglior comico della regione?!?! infatti il suo repertorio va da Totò a il grande eduardo, da Dario Fò a Troisi riadattando i grandi classici in chiave moderna; ma mi faccia il piacere, recitava qualcuno già citato!
    %) qundo ero piccolo, mi lamentavo per i cantanti chiamati per la festa, ma ora vedo che si è toccato il fondo. rimpiango, bennato, finardi, patty Pravo, e perfino Albano( questo non l’avrei mai detto!)
    5) non è vero, come dice Marziale che il manfredoniano avrà sempre da dire, è solo che adesso siamo stanti di fare i pecoroni e assecondare qualsiasi cosa che ci sbattono in tv o su un giornale: io mi informo e non mi prenderete più per il c…ulo!


  • Francesco Schiavone

    condivido pienamente quanto asserito da Spartacus non è la bravura di un singolo ma la partecipazione di tutti che ci porta al risultato finale; tuttavia sono convinto che anche la nostra città sia da considerare una perla del turismo pugliese (cit. assessore GODELLI Silvia)


  • michele

    Ricordo un episodio della mia vita dove criticavo l’operato di una cooperativa e tutte le sue decisioni, nulla andava bene, avevo sempre da ridire, ogni cosa era sbagliata.
    Un giorno uno dei membri dei consiglieri mi disse:ma perche invece di giudicare le cose fatte e quelle da farsi non proponi al momento opportuno tu cosa fare, potrebbe darsi che cio che hai in mente potrebbe piacere anche a noi.
    Io dissi e come faccio ad esporre le mie idee se le riunioni ve le fate da voi fra di voi!
    Mi rispose:guarda che siamo in democrazia e tutti possono far parte dei consiglieri come tutti possono essere presidenti, basta solo volerlo e mettersi a disposizione nei tempi e nei termini giusti.
    L’anno successivo venni eletto nei consiglieri, e nel primo consiglio ho espresso un mio parere circa una questione che si doveva decidere.
    O non ci crederete, la mia idea era piaciuta e si mise in pratica.
    Da allora ho imparato che in tutto cio che si fà c’è sempre qualcosa che npon va bene a uno eva bene ad un altro, ma se le nostre idee che crediamo buone non le esponiamo nelle sedi opportune e nei tempi opportuni rimarranno solo chiacchiere di una tastiera.
    I comitati delle feste non mi sembrano che siano circoli chiusi a qualche eletto, ma possono nei tempi giusti essere aperti a chiunque ciddadino, nel senso che chiunque puo farvi porte, dal semplice contadino (con tutto il dovuto rispetto allonorabile lavoro) al plurilaureato, e quindi potreste esporre i vostri dubbi e perplessita nelle sedi dovute, e chissa la vostra idea potrebbe essere molto illuminante per migliorare la festa patronale.
    Io l’ho imparato a mie spese,chiacchieravo soltanto, ma quando mi sono messo in condizione di poter dire la mia non mi pareva vero, la mia idea era piaciuta, e si segui il mio consiglio.
    NON E CRITICANDO CHE SI CAMBIANO LE COSE MA STANDOVI DENTRO CHESI CAMBIANO LE COSE.


  • L'Olifante di Roncisvalle

    Bravo Michele, hai centrato in pieno! Si deve proporreeeeee… sennò non facciamo niente! Corto Maltese, tu dici che non è vero che si sta sempre a criticare? Allora il lettore si è svegliato una mattina e ha buttato giu la prima cosa che gli passava di mente… invece è tutto vero! E basta leggere gli altri articoli su qualunque evento si faccia a Manfredonia… Spartacus ha ragione, la festa la fanno i sipontini e basta… Da quando la festa patronale è diventata questa gran grezzata da infarcire con spettacoli pur di tenerci occupati 24 ore su 24? Che sciocchezza. Avrei preferito molte meno cose sul programma, anche io apprezzo la festa per le piccole cose, come ha molto poeticamente scritto Marziale. Non si accontenterà mai nessuno, anche proponendo un sacco di idee. Non tutti abbiamo 20 anni, non tutti ne abbiamo 70. Rendiamoci conto che viviamo in un paese, non in un eremo in cui esistiamo solo noi e i nostri desideri…


  • mariannaucalannarje

    E come si fa ad entrare in un gruppo in cui si entra solo per “amicizia e fai quello che ti dicono,altrimenti…..”.Le mie osservazioni,a quanto vedo,concordano con altri ,a proposito dei programmi delle Feste Patronali di Lecce e Trani,ma……vogliamo mettere San severo?Barletta e via discorrendo?E chiaro che chi interviene a favore,lo fa solo per ingraziarsi qualche membro del Comitato,il resto ….è buio totale!E sapete perchè?Vedo che in altre notizie,di vitale interesse cittadino,non vi è alcun intervento…eppure ce ne dovrebbero essere!Ma si sà.a Manfredonia,interessa la festa,per poter dire”C’ero anch’io”.Quante di quelle persone,passata la festa,gabbano il Santo(la Madonna,nel caso specifico)e fanno ,volontariamente,tanto di quel male?Riflettiamoci sù e vedremo che,anche con le critiche e controcritiche,forse miglioreremo le cose!Le mie,lo faccio per migliorare!Amo troppo la mia città e chi mi conosce lo sa molto bene!


  • antonio

    non è il non abbiamo tutti 20 o 70 , ma che come già è stato detto sopra i confronti se si fanno , si fanno per bene . Non viene criticata la festa in sè, ma cosa viene offerto alla città.Guardate , come già hanno detto sopra, il programma estivo di Trani e Lecce , poi chiedetevi perchè tendono a tenere la festa Patronale come una cosa piu religiosa.Li si festeggia il Santo Patrono , non c’è bisogno di tutti sti merletti.Gli eventi vengono proposti al di fuori delle festività , di tutti i tipi, per tutte le età.
    Facciamo la processione tra le vie del secondo piano di zona a scendere in via scaloria , si faranno ancora la loro passeggiata?.


  • Nino di Giovanni

    Commentare o criticare è comunque costruttivo. Bravi a metà sia L’Olifante di Roncisvalle che Michele perchè siete bravi solo in teoria e sapete bene che nella “roccaforte dei sapientoni” non esiste spazio per tutti. Alcuni moderati sono stati azzittiti o addirittura allontanati. Apprezzo l’interesse del lettore, ma in primo piano rimangono le riflessioni di Spartacus, Francesco Schiavone, L’Oliante di Roncisvalle e tutti i partecipanti alla processione della Madonna. Li avete mai contati?


  • CIME DI RAPE

    se gianluca grignani non va bene allora cosa volete di +.la piazza offre questo accettatelo in maniera pacifica,oppure date voi un consiglio.forse moreno andrebbe bene x voi?maaaaaaaaaaaaa


  • indignatoVERO

    secondo me in mezzo a tutto questi commenti a favore c’è qualcuno che lavora al palazzo e sotto mentite spoglie di persona comune cerca di indottrinare il bene nascondendo la verità!GENTE APRITE GLI OCCHI…SI È APPENA MESSA IN MOTO KA CAMPAGNA ELETTORALE!!NON FATEVI FREGARE!!!!


  • Michele

    Scusate…cari interlocutori….ma anziché solo paventare cambiamenti potreste scrivere alcune cose che avreste fatto! Sono una delle persone che perde tempo nell’ass. che quest’anno concorre alla realizzazione della festa e sarei lieto di rispondere. Personalmente questo per me è il primo anno e non sono amico di nessuno….!! Se mi dite quali sono i vs. pensieri e quello che avreste realizzato forse potrò darvi delucidazioni in merito.
    Sono qui pronto a rispondere. Attendo con ansia!!!


  • Uno di Voi

    x Michele

    Se mi permetti un appunto: va sempre più di moda, da parte dei protagonisti locali che assumono degli incarichi organizzativi pubblici o privati reagire alle critiche, chiedendo in modo disperato suggerimenti da chi sta “comodamente seduto in poltrona davanti al PC”.

    La domanda è sempre la stessa: perchè non vi mettete VOI CRITICONI in gioco??

    E’ come se, guardando una partita in Tv, o al bordo di un campo di calcio di periferia, un calciatore, che venga criticato da uno spettatore, rispondesse incazzato allo spettatore: “vieni tu qui, e gioca tu!”.

    E’ palese che questa risposta, seppur istintiva, è assurda, perchè ci sono dei ruoli che uno sceglie: chi fa il calciatore deve fare al meglio il calciatore (difendendo, attaccando, facendo gol) e chi fa lo spettatore fa al meglio lo spettatore (criticando, fischiando, applaudendo).

    Ci saranno altri “campi” in cui i ruoli si invertiranno: il calciatore farà lo spettatore e lo spettatore il calciatore.

    Solo in questo modo si cresce insieme sani e forti.

    Altri metodi sono “dopanti” e non fanno crescere. (Forse fanno crescere il solo portafoglio).

    Comunque, a me piacerebbe far vivere la festa patronale sul mare: perchè l’antica Siponto era una città di mare.

    Quindi le mie proposte potrebbero essere:

    1) Fare pressioni sulla Curia per riprendere il percorso della processione del 22 agosto; (difficoltà 6)

    2) Spostamento delle bancarelle sul viale Miramare con giostre all’Ungaretti (come era prima), confidando nella pazienza dei residenti dell’Ungaretti;(difficoltà 8)

    3) durante i 3 giorni di Festa, Messa all’aperto dalla loggia della cattedrale, come fece papa Wojtyla, in modo da risaltare il mosaico dell’incoronazione della Madonna da parte di Papa Giovanni XXIII;(difficoltà 4)

    4) aggiungere un pellegrinaggio di preghiera su un sentiero che colleghi i luoghi di culto storici della città, cioè che parta dalla cattedrale e attraverso gli ipogei conduca alla Chiesa di Siponto e a San Leonardo; (difficoltà 10)

    5) Spettacoli civili anche sul piazzale del porto turistico e Piazzale Ferri.(difficoltà 2)

    Una cosa, infine, che si potrebbe fare da subito(difficoltà 0)e che mi aspettavo: dedicare almeno uno dei concerti bandistici di quest’anno alla memoria del Maestro Giovanni Totaro.

    Un Uomo che si è “messo in gioco” e ha fatto crescere forti e sani i tanti manfredoniani che l’hanno conosciuto.


  • Redazione

    Grazie per l’intervento; molto interessante la metafora del giocatore contestato che si rivolge allo spettatore; ciao, Red.Stato


  • Teo

    per poter proporre un qualcosa c’è bisogno prima di sapere il budget a disposizione,(almeno sul lato artistico)difficile proporre anche concerti senza sapere quanto a disposizione per poter dire un nome.Detto questo , assumendo che la cifra non sia bassissima , si sarebbe potuto dividerla tra più gruppi, anche 3 , dove uno poteva essere della scena locale, per dar spazio ai nostri artisti,(musica non è soltanto copie vendute grazie alle case discografiche o budget importanti) e poi un gruppo a seguire , più giovanile , che possa attirar gente da fuori anche, ma comunque sia un gruppo/cantante sempre di qualità.Ce ne sono tantissimi “Almamegretta,Casino Royale,24 Grana,Calibro 35,Africa Unite” si potrebbero fare tanti nomi, ma il discorso e che forse si è portati a fare scelte più legate all’immagine dell’artista che può dar sicurezza, perchè la musica non è legata al main stream, a Manfredonia si punta sempre su Sanremo , su Amici , sui questi pseudo-canali sicuri che (parlando per Sanremo) andavano bene ai tempi d’oro di Celentano & Co avendo una forte attrattiva e essendo Sanremo ancora il festival della musica(chissà perchè i 20enni di adesso che capiscono qualcosa di musica conoscono Buscaglione,Celentano(non so quante volte ho sentito cantare da gruppi di giovani “Storia d’amore” di Celentano),De Andrè,Mina e non i vari ,Moro ,Mengoni,Anna etc etc. Gruppi come quelli citati sopra , gruppi funk , reggae, folk, quando hanno calcato il palco di piazza Duomo?.Se si vuole puntare all’affluenza esterna bisogna pensare al possibile arrivo di giovani , che vivono tutta la notte , dando possibilità di far girare la macchina economica ( visto che dopo il concerto la città vive ancora la festa)e quindi andargli incontro con scelte ponderate secondo i loro gusti . Tardi adesso per dire proponete delle idee , anche un mese fa,due, si metteva un annuncio sul sito del comune , sul sito del giornale , e si proponeva alla cittadinanza di mostrar le loro idee in merito alla festa,magari ascoltando le varie realtà giovanili della città, se si volevano pareri,ma forse non se ne volevano.


  • Corto Maltese

    si michele hai ragione, ma se tu fai parte dell’ass., e hai la possibilità di lavorare in tal senso, non tutti lo possono fare perchè impegnati in altre faccende o lavori. quindi per poter proporre ci vuole anche tempo, studio e organizzazione di idee. non è che le cose escono in un minuto. ecco perchè se c’è un istituzione che dedica il tempo per queste cose è giusto che lo faccia per bene. da quando è nata l’agenzia, bisognava creare subito una squadra che lavorasse alla festa ( non so se l’hanno fatto). e con mesi di anticipo, chiedere anche ai cittadini come vorrebbero la festa ( partecipazione, è una parola in voga ultimamente ma non viene mai realizzata).
    quindi direi di finirla con la scusa del “siete bravi solo a criticare e non siete buoni a proporre niente”.
    ricordati una cosa il diritto di critica è sacrosanto.
    chi non accetta la critica, probabilmente, non è capace di ascoltare, e questo, credo, sia un grosso difetto.


  • indignatoVERO

    ma su cosa vuole che le consigliamo…non vengono presi in considerazione argomenti seri,le suppliche di chi non lavora e cerca aiuto,di chi non arriva a fine mese…figuriamoci se ascoltereste qualche consiglio su come rendere la festa più bella…a me sinceramente basta vedere la madonna in chiesa…il resto è puro agonismo tra falsa fede e incosederevole creatività…alla base di tutto c’è l’interesse su una cosa sola,nascondersi dietro uno sperpero per gonfiare le casse di associazioni gestite da prestanomi con a capo la solita gente…CERCHIAMO DI FARE LE PERSONE MATURE E REALI,SONO ANNI CHE MANFREDONIA FUNZIONA COSI’…ME NE VERGOGNO…E VOI??


  • Redazione

    Grazie per l’intervento; ci proponiamo già per la raccolta d’idee per l’edizione 2014; Red.Stato


  • Teo

    Le critiche non vengono sull’aspetto religioso , come dice il lettore ,ce ne sono di punti nel programma (come giusto che sia debbono essere prettamente religiosi e formali ) molto pieno anche, Trani e Lecce sono piu scarni perchè non c’è bisogno di ammassare tante situazioni diverse in quanto la stagione turistica estiva è organizzata per bene .Logico che si faccia la processione e si veneri il proprio Patrono.Che si vuol ballare per strada al posto della processione?E’ una festività religiosa che noi abbiam trasformato in un altro momento di baldoria, che a quel punto potrebbe essere gestito meglio come dicevo poi sopra.


  • Teo

    Redazione si può sapere,per caso, il budget del Sig. Grignagni,essendo cosa pubblica? Sapete come si può fare ?


  • Redazione

    Giriamo la domanda agli organizzatori dell’evento che – leggendoci ogni giorno – potranno intervenire, via forum o via mail: segreteria@statoquotidiano.it

    grazie, Red.Stato


  • pescatore

    Sarà il GAC a organizzare la festa patronale del 2014 anticipazione per la popolazione.


  • Corto Maltese

    e chi è il GAC?


  • anonimo

    SIETE PATETICI CON QUESTO INVITO A FARE LE PROPOSTE! a voi interessa altro — e noi cretini che paghiam


  • breve parentesi

    – Una breve parentesi –

    Ero intenta a leggere i commenti dell’articolo, quando all’improvviso scorgo il nome di mio padre: Giovanni Totaro.
    Immediatamente un colpo al cuore… l’emozione mi blocca il respiro!
    Tanta è la commozione che ho difficoltà ad esprimermi… il dolore è ancora molto forte!!
    Mi mancano le parole… non l’ho fatto prima (in un precedente articolo), ma vorrei ringraziare quanti hanno mostrato affetto e stima verso il mio caro papà… ed in particolare in questo intervento “Uno di Voi” x le sue parole… Grazie!!


  • Redazione

    La ringraziamo per l’intervento; ringraziamo Uno di Voi per la proposta che riproponiamo:

    “dedicare almeno uno dei concerti bandistici di quest’anno alla memoria del Maestro Giovanni Totaro”.

    Questo il testo pubblicato su Stato
    http://www.statoquotidiano.it/17/07/2013/manfredonia-lettera-in-ricordo-del-maestro-giovanni-totaro/152875/

    A presto, ciao, Red.Stato


  • Uno di Voi

    x breve parentesi

    E’ il minimo che si possa chiedere all’amministrazione, considerando che per quasi 10 anni è stato il maestro della banda città di Manfredonia.

    A me che ho avuto il piacere di conoscerlo e di essere suo allievo prima ed alunno poi, la proposta mi è venuta spontanea.

    Un affettuoso saluto a te e Saverio!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi