Manfredonia

Manfredonia, settimana di arte, cultura e letteratura ebraica

Di:

(Eliezer ben Yehuda@)

Manfredonia – MARTEDI’ 27 agosto una giornata sulla cultura ebraica. Alle ore 18 Palazzo Celestini. Dibattito sul libro di Benedetto Ligorio, Federico II. Ebrei, castelli e ordini monastici in Puglia nella prima metà del XIII secolo.

Alle ore 19,30 Palazzo Celestini dibattito su una delle più importanti figure dell’Ebraismo: Eliezer ben Yehuda e il sogno sionista della lingua ebraica. Eliezer ben Yehuda (Lituania 1858 – Palestina 1922), conosciuto come il padre della lingua ebraica; è stato per sua iniziativa che l’ebraico è stato rilanciato come un moderno linguaggio parlato e lingua ufficiale dello Stato di Israele. Relatori saranno Guido Regina e Ugo Volli.

Ore 21 piazza Duomo Il canto di Abramo: Raiz e Radicanto in concerto. Raiz (Napoli 1967) ha seguito un percorso da solista e con i gruppi di maggiore innovazione della musica italiana. Voce degli Almamegrette, il gruppo con il quale è tornato a cantare negli ultimi tempi.

Quali sono le finalità delle giornate della cultura ebraica? La parola ebreo non indica una nazionalità o cittadinanza né designa un seguace della religione ebraica. Ebreo è chi nasce da genitori o almeno da madre ebrea o chi si converte alla religione ebraica.

Gli ebrei sono dispersi e hanno attraversato molti fiumi. Non c’è epoca che non abbia visto gli ebrei cacciati dalla loro terra. Nel meridione d’Italia dopo la cacciata del 1541 è venuto a mancare l’ebreo come interlocutore nel dialogo tra fedi e culture. Il ritorno e la diffusione dell’ebraismo, dei suoi valori e del suo messaggio etico è uno degli obiettivi delle giornate della cultura ebraica. E questo messaggio viene trasmesso attraverso i libri, la musica… C’è qualcosa che lega il popolo ebraico ai libri. Gli ebrei possiedono il Libro per eccellenza: la Torà, un autentico thesaurus che ha reso quello ebraico un popolo all’avanguardia delle idee, nella scoperta di metodi di ricerca e di costruzione di nuovi significati.

Relatori: Ugo Volli ordinario di semeiotica Università di Torino. Coordinatore centro interdipartimentale di ricerca sulla comunicazione. Oltre 200 pubblicazioni e 15 libri. Collaboratore di giornali, radio e televisioni. Docente in numerose università italiane e straniere. Ugo Regina primario del reparto di chirurgia vascolare di Bari e membro della comunità ebraica di Trani.

Redazione Stato

Manfredonia, settimana di arte, cultura e letteratura ebraica ultima modifica: 2013-08-21T11:14:18+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • mariannaucalannarje

    E degli ebrei sipontini e manfredoniani?Lo sanno i manfredoniani che il nucleo primitivo di quella che poi sarà chiamata Manfredonia,era il Ghetto della città di Siponto,ossia il Casale di Siponto?E che fino al 1500,era il Ghetto della nuova città di Manfredonia?


  • Miki

    L’Eliezer ben Yehuda raffigurato nella foto non corrisponde al padre della lingua ebraica moderna.
    La storia avvincente e quasi leggendaria di Eliezer ben Yehuda è narrata nel libro “L’eretico – una vita per un popolo (Eliezer Ben Yehuda)”: ASSOLUTAMENTE DA LEGGERE!
    Comunque bella iniziativa a Manfredonia, tenuto conto che gli ebrei italiani hanno contribuito attivamente alla crescita della cultura e dello Stato Italiano: “Cercate il bene della città… e pregate il SIGNORE (YHWH) per essa; perchè dal bene di questa dipende il vostro bene”(Geremia 29:7).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi