Manfredonia
Fissate due manifestazioni: il 25 agosto 2015 in Piazza del Popolo, in occasione dell'insediamento del nuovo Consiglio Comunale e il 27 dello stesso mese

Manfredonia, Coord. tutela territorio nuovo presidente e 2 manifestazioni: 25 e 27 agosto

La manifestazione del 27 agosto si inscrive all'interno di una lotta più ampia, quella del #NoTriv

Di:

Manfredonia – Nella scorsa assemblea del Coordinamento per la Tutela e lo Sviluppo del territorio svoltasi ieri 20 agosto, è stato eletto un nuovo Presidente, Bartolomeo Marcianò, giornalista e attivista nel neonato Collettivo InApnea. Il nuovo presidente andrà a sostituire l’uscente Giancarlo D’Isita, attivista del Movimento 5 Stelle che ha scelto di dimettersi dalla carica. La decisione è arrivata dopo un’accurata analisi dei vari candidati e una lunga discussione sul ruolo del presidenza. Vista la presenza massiccia del movimento da egli rappresentato, l’assemblea ha scelto di dare fiducia al giovane ragazzo ventitreenne del collettivo InApnea; molti membri dell’assemblea inoltre, hanno ritenuto opportuna questa scelta perché è importante dare fiducia ai giovani.

Le altre due decisioni importanti ratificate nella riunione di ieri riguardano le manifestazioni fissate per il 25 e il 27 Agosto. La prima si svolgerà presso Piazza del Popolo, in occasione dell’insediamento del nuovo Consiglio Comunale; l’obiettivo per questa data è realizzare un sit-in sulla questione Energas, per poi dare spazio ad un dibattito pubblico in cui i cittadini si confronteranno sulla necessità di installare un megadeposito di gas di petrolio liquefatto nel nostro territorio, come proposto dalla società napoletana Energas/Q8. L’attenzione sarà ovviamente focalizzata sulla riunione del Palazzo, con la speranza e la fiducia da parte del Coordinamento che nel Consiglio Comunale si decida di approvare una mozione, per far ritornare quella parte di territorio comunale alla originaria destinazione, ovvero quella agricola, anche in virtù dei vincoli imposti dal Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, eliminando difatti la possibilità da parte della Energas/Q8 di realizzare i suoi nefasti obiettivi. Questa soluzione, proposta dall’Amministrazione stessa, deve ora trovare una applicazione pratica. L’auspicio e la richiesta del coordinamento per l’evento del 25 Agosto è che questa decisione venga presa in fretta, perché nel frattempo il terreno sul quale dovrebbe sorgere il deposito risulta ora già interessato da attività di lavorazione che sono andate a compromettere la normale e naturale vita dell’ecosistema, della fauna e della flora presenti.

La manifestazione del 27 agosto, si inscrive invece all’interno di una lotta più ampia, quella del #NoTriv, il cui Coordinamento nazionale sta realizzando una serie di manifestazioni lungo tutto l’Adriatico, colpito dal famigerato “Sblocca Trivelle”, che svende difatti il nostro mare alle multinazionali del petrolio. Il Coordinamento per la Tutela e lo Sviluppo del Territorio che attualmente è impegnato sul fronte del #NO Energas/Q8 a Manfredonia ha deciso di unire le due lotte all’interno di un unico evento, che si svolgerà presso la Spiaggia Libera Castello di Manfredonia a partire dalle ore 09:30

Coordinamento per la Tutela e lo Sviluppo del territorio – Manfredonia 21 agosto 2015



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Dino

    Con la nuova delibera della Giunta la n.169 si recepisce la relazione del dirigente del 7° settore e dell’assessore all’ambiente e del territorio, quindi si chiede di:
    – di predisporre l’iter amministrativo per attuare il PRG al nuovo PTTR, come da volere del l’ultimo consiglio comunale.
    La cosa che mi preoccupa è il punto due: cosa si intente per definire compiutamente i tipi di interventi ammessi in zona DI49 in considerazione dell’intervento proposto da Energas?
    Si può essere più chiari su questo punto?
    Quindi non sbagliamo niente,valutiamo ogni virgola che possa ritorcersi in conferenza di servizio al Mise.


  • Francesco

    Al punto 2 c’è il giuramento del Sindaco. Al punto 4 c’è il programma di governo. Comunque bisogna indire un referendum. Il M5S dovrebbe organizzare una visita ai due depositi di GPL che si trovano nella città di Livorno e lì il GPL è in una altra Italia e non è pericoloso, non scoppia, anche se Livorno è nella stessa classe sismica di Manfredonia, il porto ha pure i traghetti perla Sardegna etc.


  • Il bombolone viene ora

    Francesco Vattene a Livorno


  • No alla superdeposito più grande d'europa a Manfredonia (zona sismica) oltretutto!

    NON DATE RETTA AI DELIRI PRO ENERGAS DI FRANCESCO!

    http://www.comuni.it/2015/02/rischio-sismico-comuni-italiani-scheda-n-43/
    C’è la cartina che indica chiaramente che la zona di Livorno non è sismica ma quella di Manfredonia si! Andate via!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi