BATLavoro
Qualche giorno fa, con parere della Sezione Seconda del 4 agosto 2015 n. 2287, il Consiglio di Stato è tornato sul tema

Montaruli: “Liberalizzazione del Commercio, saltano tutte le regole”

Con la Delibera del Consiglio dei Ministri nr. 68 del 19 giugno 2015 si impugna la legge regionale 16 aprile 2015, n. 24, il cosiddetto “Codice del commercio”

Di:

Bari – Sulle liberalizzazioni delle attività commerciali, orari e modalità di esercizio più volte si è cercato di introdurre elementi che potessero, almeno in parte, far sussistere determinati limiti e condizioni ma anche questi ultimi tentativi sono ora definitivamente caduti quindi la deregulation è totale salvo l’imposizione di taluni limiti ma solo in funzione di elementi a tutela della salute, dell’ambiente e dei beni culturali che potrebbero limitare la libera apertura di strutture commerciali ma anche in questo caso questi limiti sono ampiamente disattesi dalla realtà e basti fare riferimento all’esercizio abusivo dell’attività del commercio su aree pubbliche del settore alimentare, frutta e verdura ed ortaggi per averne la riprova.

Qualche giorno fa, con parere della Sezione Seconda del 4 agosto 2015 n. 2287, il Consiglio di Stato è tornato sul tema ed ha riaffermato che “la liberalizzazione degli esercizi commerciali, voluta dal legislatore a partire dal 2009, non può trovare ostacoli che non siano quelli della tutela della salute dei lavoratori e dell’ambiente, ivi incluso l’ambiente urbano e dei beni culturali”. In Puglia devono essere stati in molti a non accorgersi del pasticciaccio che si stava combinando ed ecco che in piena campagna elettorale i politici “uscenti” ed i loro supporters sindacalisti propagandisti hanno pensato di emanare “frettolosamente” un “Codice del Commercio”, immediatamente impugnato dal Consiglio dei Ministri perché, come da noi riportato alcuni mesi fa sui maggiori Organi di Informazione nazionali, numerose norme violano l’articolo 117, primo comma, della Costituzione, che impone il rispetto dei vincoli comunitari nell’esercizio del potere legislativo delle Regioni e lo stesso articolo 117, al secondo comma, lettera e), della Costituzione che riserva allo Stato la competenza in materia di tutela della concorrenza.

In pratica con la Delibera del Consiglio dei Ministri nr. 68 del 19 giugno 2015 si impugna la legge regionale 16 aprile 2015, n. 24, il cosiddetto “Codice del commercio” in quanto presenta profili di illegittimità costituzionale proprio sul tema delle liberalizzazioni. Tornando al Parere del Consiglio di Stato, sez. II sentenza 4 agosto 2015 n. 2287 è proprio il secondo comma dell’art.31 del D.L. n. 201/2011 a stabilire che “costituisce principio generale dell’ordinamento nazionale la libertà di apertura di nuovi esercizi commerciali sul territorio senza contingenti, limiti territoriali o altri vincoli di qualsiasi altra natura”, esclusi ovviamente la tutela della salute dei lavoratori, dell’ambiente e dei beni culturali ed afferma a chiare lettere che: “qualsiasi provvedimento amministrativo limitativo dell’iniziativa commerciale privata, non motivato con riferimento alla tutela dei predetti beni, è illegittimo e va annullato.” Una bella gatta da pelare anche per quei comuni (praticamente tutti) che non hanno adeguato i propri Piani del Commercio, tenendo conto che molti di essi non ne sono neanche in possesso come nel caso di Andria, o sono vecchi, inadeguati, da rifare e pasticciati, come nel caso di altri comuni anche della Bat, come quello di Barletta o di Trani. E’ inoltre perlomeno curioso che politici e dirigenti abbiano completamente dimenticato che la legge prevede che “Le Regioni e gli enti locali adeguino i propri ordinamenti alle prescrizioni entro il 30 settembre 2012”, cosa mai avvenuta o addirittura avvenuta in trasgressione della citata norma.

Distratti o incapaci? Forse peggio ancora.

(A cura del presidente di Unimpresa Bat Savino Montaruli)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi