Dichiarazioni a Stato Quotidiano dell'avvocato Innocenza Starace

“Tommaso Pacilli arrestato per un errore giudiziario, no collegamenti con clan”

Arrestato il 12 agosto 2017 in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello del Tribunale di Bari


Di:

Manfredonia, 21 agosto 2017. E’ stato rimesso in libertà il 46enne di Monte Sant’Angelo Tommaso Pacilli, “tratto in arresto per un mero errore giudiziario”. Lo rende noto a Stato Quotidiano l’avvocato Innocenza Starace .

Come già pubblicato, la Polizia di Stato, in particolare personale della Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile di Bari e Foggia, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo, aveva tratto in arresto – il 12 agosto 2017 a Monte Sant’Angelo – il citato Tommaso Pacilli, classe 1971, pregiudicato (fratello del pregiudicato Giuseppe Pacilli, nato a Monte Sant’Angelo classe 1972, detto “Peppe u’ montanar”), in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello del Tribunale di Bari.

“Corte di Cassazione aveva escluso ‘Circostanza aggravante della c.d. agevolazione mafiosa’”


L’avvocato Innocenza Starace ha richiesto e ottenuto l’immediata scarcerazione di Pacilli, “in quanto lo stesso, a differenza di quanto riportato nell’ordinanza di esecuzione, aveva totalmente espiato la pena inflitta, pari ad anni 3 e mesi 4 di reclusione, così ridotta dopo il rinvio della Corte di Cassazione che, in accoglimento del ricorso inoltrato dal legale, aveva escluso l’aggravante dell’articolo 7 (Circostanza aggravante della c.d. agevolazione mafiosa – art. 7 d.lgs. 152/91,ndr)“.

(Ph: www.ilnostrocondominio.com)

CORTE DI CASSAZIONE (Ph: www.ilnostrocondominio.com)

Come infatti pubblicato da Stato Quotidiano il 10 marzo 2016, la Corte di Cassazione aveva accolto il ricorso presentato dall’avvocato Innocenza Starace, per l’annullamento della sentenza del 03.11.2014 della II sezione della Corte d’Appello di Bari riguardante Tommaso Pacilli con contestuale condivisione di quanto eccepito dall’avvocato Starace in ordine all’inesistenzza dell’aggravante mafiosa (Circostanza aggravante della c.d. agevolazione mafiosa – art. 7 d.lgs. 152/91), addebitata in secondo grado al Pacilli. Sul punto, in seguito all’annullamento della citata sentenza, previsto un nuovo giudizio da parte della Corte d’Appello.

“Non ci sono legami con mafia e/o clan Libergolis”

La sentenza della II^ Sezione della Corte di Appello di Bari avera riformato la sentenza emessa dal GUP del Tribunale di Bari, in data 19 marzo 2013, relativa all’operazione Rinascimento della Mobile di Foggia, coordinata dalla DDA di Bari, che aveva portato all’esecuzione di 18 ordinanze di custodia cautelare nell’aprile 2012 per altrettanti soggetti accusati tra l’altro di aver favorito la latitanza del 43enne Giuseppe Pacilli, detto “Peppe u’ montanar”, arrestato il 13 maggio 2011 dagli agenti della Squadra Mobile di Foggia e di Bari, del Commissariato di Manfredonia e dello Sco, Servizio centrale operativo. Il 13 maggio 2011 dunque circa 10 mesi prima dell’arresto dei 18 presunti fiancheggiatori.

L'avvocato Innocenza Starace, del Foro di Foggia (image from facebook)

L’avvocato Innocenza Starace (image from facebook)

“Mi riservo azioni di risarcimento contro lo Stato”

“A differenza di quanto pubblicato nella nota stampa della Squadra Mobile della Questura di Bari – dice a Stato Quotidiano l’avv. Innocenza Starace – Tommaso Pacilli non ha alcun legame con la mafia e/o alcun collegamento con il clan Libergolis. Questo per l’espiazione della pena e per quanto stabilito dalla Corte di Cassazione. Non comprendendo la rilevanza alla notizia resa nei giorni scorsi, mi riservo azioni di risarcimento contro lo Stato per i 7 giorni di reclusione nel carcere di Foggia di Tommaso Pacilli, senza alcun titolo, e per relativo danno all’immagine”.

redazione stato quotidiano.it – ddf – riproduzione riservata

“Tommaso Pacilli arrestato per un errore giudiziario, no collegamenti con clan” ultima modifica: 2017-08-21T13:11:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • lettore attento

    Ma l’avvocato starace è la stessa persona che fa assessore al comune dii manfredinia?


  • Giuseppe

    Mah! La meditazione è utile.


  • Alan Ford

    Un avvocato, oramai – credo – in pensione, sulla parete alle spalle della sua poltrona aveva in bella vista (dei clienti) un quadretto con la seguente scritta :
    “All’avvocato devi dire la verità, ad –ci pensa lui”


  • Tony

    Certo lo Stato sbaglia..e a noi cittadini onesti tocca pagare i risarcimenti..


  • Piero

    Li difende tutti lei …l’assessore.
    Tutta brava gentr…


  • cittadino

    Si l’avv. Starace ha molte potenzialità, può fare “molto” bene sia l’avv.to che l’ assessora, sicuramente quello che gli riesce meglio è difendere i diritti di gente che si deve difendere penalmente.
    Speriamo che gli riesca di fare bene anche per la sua città…. Speriamo.


  • pluto

    Si hai perfettamente ragione occorre meditare ed anche a lungo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi