Cronaca

Candela, il Comune lavora per il Pug

Di:

Savino Santarella (savinosantarella.it)

S.Santarella (sv)

Candela – IL PUG di Candela si avvia verso l’adozione. Si è svolta ieri, infatti, la 2ª conferenza di copianificazione presso la Regione Puglia – Ass.to all’Assetto del Territorio alla presenza dell’Assessore Barbanente e di numerosi Enti direttamente interessati dal Piano Urbanistico candelese. Ad illustrare il PUG sono stati il sindaco Savino Santarella e gli ingegneri Antonio Capobianco e Giuseppe Magaldi in qualità di progettisti incaricati della redazione del Piano dal Comune di Candela. Al termine della relazione non sono mancate delle osservazioni da parte di alcuni Enti. Osservazioni che il Comune si è impegnato ad accogliere e fare sue. I lavori, quindi, riprenderanno in una terza conferenza la cui data sarà stabilita nelle prossime settimane, mentre Sindaco e Amministratori esprimono grande soddisfazione per quanto fatto.

“Con il PUG l’Amministrazione realizza un altro dei punti programmatici – ha sottolineato Santarella – a dimostrazione che una delle sue priorità è il rispetto del patto elettorale con i cittadini. E sempre con la chiarezza e trasparenza che ormai da quasi un decennio contraddistingue questa maggioranza. Infatti anche per la redazione di questo importantissimo strumento di pianificazione per lo sviluppo del territorio abbiamo inteso coinvolgere direttamente i nostri concittadini, facendoli diventare parte attiva dei processi decisionali. Grazie al nostro sito istituzionale tutti i cittadini hanno avuto la possibilità di dare suggerimenti per migliorare il Piano e renderlo così realmente a misura d’uomo, confacente alle effettive esigenze del nostro territorio”.

“Dotare Candela di un Piano Urbanistico – gli ha fatto eco l’Assessore all’Urbanistica Nicola Gatta – significa rendere moderno, funzionale e sostenibile il nostro territorio. Nella delineazione delle sue caratteristiche, infatti, ha svolto un ruolo fondamentale la VAS (Valutazione Ambientale Strategica, ndr) da noi acquisita già dal 2007. Essa è la garanzia che l’espansione urbanistica avverrà rispettando dei veri e propri paletti rappresentati da quelle peculiarità ambientali di pregio del territorio degne di salvaguardia”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi