Cronaca

Energia, Epifani: “modificare l’attuale legge sull’impatto ambientale”

Di:

Nichi Vendola, Domenico Tanzarella, Giovanni-Epifani

Nichi Vendola, Domenico Tanzarella, Giovanni Epifani (St)

Bari – “E’ necessario modificare l’attuale legge in vigore in Puglia sull’impatto ambientale (numero 31), affinché questa non diventi un pericoloso ostacolo allo sviluppo delle energie ricavate da fonti alternative, e non finisca così per vanificare i preziosi traguardi raggiunti fino ad oggi, grazie all’impegno e alla lungimiranza del presidente Vendola”, ha detto in una nota del consigliere regionale del PD, Giovanni Epifani.

“La mia proposta è quella di inserire nella normativa attuale alcune modifiche già espresse nella mia proposta di legge sulla ‘Promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili’, dove emerge tra l’altro, l’esigenza di ‘una programmazione coordinata dagli enti pubblici (Comuni, Province e Regione); di snellire le procedure per l’installazione di nuovi impianti; di recuperare, riciclare e smantellare gli impianti dismessi; e di istituire una consulta regionale formata da Enti locali, rappresentanti del sistema universitario pugliese e imprenditori’”.

“Quello che temo è che i falsi allarmismi diffusi sulla produzione di energie rinnovabili (ad esempio, deturpano il paesaggio e danneggiano l’agricoltura) producano un pericoloso ritorno al passato, dove la produzione di energie da fonti tradizionali e inquinanti, metterà di nuovo a repentaglio la Puglia intera, e in particolare i territori della provincia di Brindisi. E’ proprio in quest’area che il Governo ha individuato i siti ideali per la installazione di centrali nucleari. E il ministro Fitto, inaugurando la Fiera del Levante, è tornato sull’argomento ricordando che l’Italia spende molti soldi per importare energia, e indicando nelle centrali nucleari un infallibile occasione di risparmio”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi