Cronaca

Cera: “Via Berlusconi. Riforma con sistema spagnolo? Non va bene”

Di:

Amministrative, visita Casini 8 maggio. A San Marco in Lamis Cera nuovo sindaco (ST)

Roma – “IL Paese aspetta da subito risposte concrete che devono prescindere da Berlusconi e le sue vicende giudiziarie” lo dice l’On. Angelo Cera, esponente dell’Unione di Centro di Casini. “Quello che sta avvenendo è un omicidio ai danni di tutti gli italiani. Se vogliamo salvargli bisogna dare respiro con un governo di responsabilità che affronti le questioni internazionali di petto, rilanci l’economia danco più spazio al Mezzogiorno e alle imprese – sottolinea l’on. Cera – in questo momento non serve parlare di secessione ma di unità, che può esser data, solo se la politica decide di far diventare i cittadini attori del proprio destino”.

E a seguito di voci di una possibile riforma elettorale simile a quella spagnola, il deputato centrista risponde: “Non credo che ci siano margini per questo tipo di riforma. Il sistema spagnolo, non è l’antidoto giusto. Può portare ad una ulteriore frammentazione e a far decidere sempre ai partiti chi deve essere presente il parlamento – continua Cera – deve esser fatta una legge elettorale che dia la possibilità di scelta. Dove il cittadino, di proprio pugno scriva il nome di chi lo deve rappresentare e se proprio si vuole svecchiare, si inserisca il limite temporaneo di al massimo due legislature”conclude.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi