Capitanata

Fondi Rigenerazione Urbana, Foggia dovrà accontentarsi di “ulteriori risorse”

Di:

Il sindaco di Foggia Gianni Mongelli (Archivio, Fonte immagine: destrarazionalefoggia)

Bari – “(…) LE osservazioni/opposizioni presentate dai Comuni di Foggia, Ostuni e Bitonto, alla luce delle asserite circostanze e motivazioni giustificative fornite per il ritardo nella presentazione delle candidature, non sono oggettivamente tali da poter essere accolte. Tuttavia, in considerazione della circostanza che le risorse di cui alla citata DGR n.743/2011 sono destinate a finanziare i “Piani integrati di sviluppo urbano”, connotati da un elevato interesse pubblico a beneficio delle collettività locali, si è dell’avviso che si possa, fermo restando l’esclusione dall’ Elenco approvato con la determinazione dirigenziale in oggetto, predisporre un secondo separato elenco di riserva”.

“I Comuni di Bitonto, Foggia e Ostuni potranno, quindi, essere ammessi al negoziato, propedeutico all’eventuale finanziamento, qualora, esaurito completamente ed integralmente il primo Elenco già approvato, si rendessero disponibili ulteriori risorse in esubero (…)”.

Si fa riferimento al P.O. FESR 2007-2013 – Asse VII. Avviso pubblico per la presentazione delle candidature per l’attuazione dell’Azione 7.1.1 “Piani integrati di sviluppo urbano di città medio/grandi”. Approvazione definitiva dell’Elenco delle candidature ai fini dell’ammissione alla successiva fase negoziale”. Con determine n. 543 ( Determina 543/11 e 544 ( Determina 544) del 20 settembre 2011 il dirigente del Servizio Assetto del Territorio pugliese ha infatti approvato definitivamente gli elenchi delle candidature ai fini dell’ammissione alla successiva fase negoziale.

L'assessore Angela Barbanente (fonte image: lobiettivonline.it)

Focus. La vicenda. L’ammissione di Foggia alla fase negoziale e Ma Cera aveva contestato: Mongelli chiede l’elemosina, ma si dimettas e Il ricorso del Comune, la vicenda e Gli altri enti beneficiari: per Manfredonia 4,5 milioni di euro


GLI ELENCHI DEFINITIVI CON TUTTI I COMUNI AMMESSI.
Determinazione dirigenziale n. 543 del 20 agosto 2011 e Elenco definitivo 544/11


Dal Comune di Foggia.
“Il Piano del Comune di Foggia è stato oggetto di una prima valutazione in base alla quale è stato attribuito un punteggio di 12,53, per un importo finanziabile di 5 milioni e 450.000 euro”. “Mentre continua il lavoro di elaborazione definitiva delle progettazioni del Piano integrato, i prossimi passi dell’Amministrazione comunale riguarderanno tanto la produzione degli elementi oggettivi a riscontro della presentazione nei termini della candidatura, quanto le osservazioni rispetto alla valutazione in punteggi”. “Tale valutazione del Piano del Comune di Foggia, infatti, è stata formalizzata per la prima volta con la determina dirigenziale del 20 settembre scorso, pubblicata stamane. Già ad agosto, le prime valutazioni fatte dal Servizio regionale sono state oggetto di numerosi rilievi da parte di diciannove altre Amministrazioni pugliesi, che hanno indotto alcune rivalutazioni dei punteggi nella determina di due giorni fa”.

“Proseguiremo fiduciosi a tutelare le nostre buone ragioni amministrative – commenta l’assessore all’Urbanistica, Luigi Fiore – ma, nel frattempo, stiamo incalzando nella definizione delle azioni di rigenerazione urbana che, voglio tornare a ricordarlo, trovano una sinergica ma non esclusiva sponda nei finanziamenti pubblici, dovendo piuttosto riuscire a catalizzare interessi del privato economico e sociale”.

n.marchitelli@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    Ci dev’essere una sorta di oscuro sortilegio a proposito dei bandi e dei fondi per la “rigenerazione urbana”, gli interventi che attraverso contributi pubblici e privati puntano a riqualificare aree degradate.

    Se il Comune di Foggia arriva venti minuti dopo la scadenza per consegnare le proposte, il Comune di Cerignola non ha di questi problemi: la Giunta di proposte non ne presenta affatto. Il motivo è palese: Cerignola non ha alcuna zona men che perfetta, nessun’area anche solo lontanamente tacciabile di degrado, nessun bisogno di interventi di riqualificazione. Stiamo bene così, ed è inutile che il Pd strepiti cercando di svegliare il sindaco Giannatempo, che dorme il sonno del giusto: gli interventi di rigenerazione urbana facciamoli a Zurigo, a Stoccolma, a San Francisco, luoghi flagellati dal disordine e dal malessere. Abbiamo altro a cui pensare, come ad esempio la fronda dei quattro dissidenti del Pdl. E poi, se non avremo quartieri rigenerati, possiamo contare fin d’ora su un’Amministrazione Comunale degenerata.

    FABRIZIO TATARELLA
    Coord. prov. FLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi