Cronaca

Andria, rifiuti mercato, vigili urbani in servizio fino al termine vendite

Di:

Aerea mercato settimanale di Andria; (fonte image: videoandria)

Andria – SI è regolarmente tenuto l’incontro programmato presso l’Ufficio Commercio di Andria e sono state numerose le decisioni assunte nel corso delle tre ore di riunione dei rappresentanti delle Associazioni di Categoria e dei Consumatori, della Dirigente del Settore Sviluppo Economico che ha convocato la riunione e dei Settori Polizia Municipale e Ambiente e Mobilità con l’Assessore All’Ambiente Francesco Lotito la cui presenza è stata fondamentale per comprendere una serie di motivazioni che, di fatto, determinano il cattivo funzionamento del conferimento dei rifiuti da parte degli operatori mercatali, tenuto anche conto che nella storia del mercato di Andria non si ricorda una sola multa elevata a carico dei trasgressori.

Evidentemente già questo elemento ha destato “i sospetti” sul malfunzionamento della macchina dei controlli al punto che è stato fatto rilevare l’inopportunità che il servizio dei Vigili Urbani si concluda all’interno del mercato alle 12,00 e non si protragga fino all’orario di chiusura delle operazioni di vendita e di smontaggio delle attrezzature. A tal proposito si è dato mandato ai competenti referenti di programmare la modifica dell’orario di servizio in modo da individuare, al termine ma anche durante le operazioni di vendita, i trasgressori e procedere con le multe previste in caso di non ottemperanza delle disposizioni. Tale atteggiamento sarà adottato anche nei confronti dei cittadini che frequentano il mercato che non dovessero rispettare le norme perché questi rifiuti “personali” non possono essere riconducibili agli ambulanti.

Tutti si sono dimostrati d’accordo con l’Assessore Lotito allorquando egli ha trovato assurdo il fatto che si lavori a compartimenti stagni tra le Forze della Polizia Municipale mentre ci sarebbe bisogno di un’azione dove ognuno, al di la del ruolo al quale è stato predisposto, in presenza di una palese violazione intervenga e punisca i trasgressori. Nulla da eccepire.

Passando alle numerose e diversificate proposte giacenti da decenni nei cassetti del Settore Commercio si è cominciato a tirare fuori alcune di quelle nostre proposte decennali. 1 – Allestimento dei punti di raccolta dei rifiuti all’interno del mercato settimanale per un più facile e corretto conferimento: “sarà allestito da subito a cominciare dalla zona del settore alimentare”; 2 – individuazione di aree idonee per lo svolgimento di mercati straordinari natalizi, fiere promozionali, mercati straordinari domenicali: “sono state proposte ed indicate una serie di aree da destinare a tale scopo, a cominciare da quella di Largo Appiani nella Zona 167 Nord per arrivare nel centro storico cittadino mediante la previsione delle fiere promozionali da tenersi nel mese di dicembre, mercatino dell’usato e del baratto, aperto anche ai singoli privati, da tenersi una volta al mese per tutto l’anno, mercati straordinari domenicali programmati in alcuni mesi dell’anno e a ridosso delle più importanti festività”; 3 – ripristino di alcune attività tradizionali su aree pubbliche soppresse come quelle di vendita di prodotti per l’agricoltura e riorganizzazione di alcune forme speciali di vendita di beni tradizionali: “fatto”.

Tutte le proposte, arricchite dei contributi di tutte le Associazioni presenti all’incontro, saranno oggetto di modifica del vigente Piano del Commercio su Aree Pubbliche, al termine delle operazioni preliminari di verifica dell’idoneità delle aree.

Un riordino, quello programmato, necessario anche per evitare il ripetersi di numerose situazioni di assoluta illegalità che vedono ancora oggi e forse oggi più di ieri la nostra città primeggiare in termini di vendite abusive e oltremodo tollerate, al punto che aree pubbliche, giardini, aree private e altri luoghi disponibili vengono continuamente adibiti illegalmente alle attività di vendita vietate in quelle forme. Prossimi passaggi saranno l’incontro che si terrà a giorni con l’Assessore Lotito per affrontare il delicato problema della raccolta differenziata nei pubblici esercizi, nei negozi di alimentari e su aree pubbliche stanziali. Fra due settimane, poi, il nuovo incontro all’Ufficio Commercio per la programmazione e progettazione delle fiere promozionali e mercatini straordinari, prendendo atto dei pareri tecnici che nel frattempo saranno stati acquisiti.

Nessuna risposta purtroppo sulla nostra proposta di creazione dei Farmer Market nell’area già idonea di Largo Ceruti, nella Zona 167 Nord, che pure aveva incontrato parere favorevole, almeno a parole, anche da parte dell’Autorità. Evidentemente la proposta non è “sponsorizzata” e si è in cerca di autore. Poiché siamo disposti anche a far credere che la proposta sia di altri, rinunciamo ai “diritti” quindi se qualcuno vuole si faccia avanti purché si faccia”, dicono i referenti di Unimpresa Bat.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi