Lavoro

Ddl contro ritardi pagamenti, Bortolussi: si eviteranno fallimenti

Di:

(fonte image: valdinievoleoggi.com)

Bari – “E’ con grande soddisfazione che apprendo la notizia dell’approvazione, presso la Commissione Attività produttive della Camera, del ddl che recepisce la Direttiva Ue contro i ritardi dei pagamenti. E’ un atto di civiltà giuridica che ci avvicina all’Europa”. Lo dice Giuseppe Bortolussi, segretario della CGIA di Mestre , che da anni si batte affinchè anche in Italia i tempi di pagamento si allineino con i valori medi che presentano i principali paesi europei. Una anomalia, quella dei ritardi dei pagamenti presenti in Italia, che non ha eguali in tutta Europa, visto che i tempi medi con cui la Pubblica Amministrazione italiana paga i suoi fornitori è mediamente pari a 180 giorni, contro i 65 giorni richiesti in Francia, i 43 giorni che devono attendere le imprese del Regno Unito e i 36 giorni necessari in Germania. Le cose non vanno molto meglio nemmeno nei rapporti tra imprese private. In Italia, i committenti pagano mediamente dopo 96 giorni: niente a che vedere con i 57 giorni necessari in Francia, i 44 nel Regno Unito ed i 35 in Germania.

Nel 2011, quasi un fallimento su tre, stima la CGIA di Mestre, è stato causato dai ritardi nei pagamenti. A fronte di 11.615 imprenditori italiani che hanno portato i libri contabili in Tribunale, circa 3.600 (pari al 31% del totale) lo hanno fatto a causa dell’impossibilità di incassare in tempi ragionevoli le proprie spettanze. Una situazione, purtroppo, drammatica: dall’inizio della crisi, segnala la CGIA, in Italia i ritardi dei pagamenti sono responsabili di almeno 11.000 chiusure aziendali.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi