Manfredonia
"In che capitolo del bilancio di previsione 2016 tale risparmio è stato inserito"

Rinegoziazione prestiti, Ritucci “Quale la destinazione del risparmio rate semestrali?”

Di:

Manfredonia. ”Che destinazione avrà il risparmio della due rate semestrali del 2016? In che capitolo del bilancio di previsione 2016 tale risparmio è stato inserito?”. Così il consigliere comunale Massimiliamo Ritucci, del Movimento 5 Stelle di Manfredonia, leggendo, ieri in Consiglio, l’interrogazione consiliare con oggetto “RINEGOZIAZIONE DEl PRESTITI concessi dalla cassa Depositi e Prestiti“. L’interrogazione è stata rivolta al sindaco di Manfredonia Riccardi, al presidente del Consiglio Prencipe, all’assessore al bilancio Rinaldi.

”Con delibera del consiglio comunale n.37 seduta n.11 del 17/11/2015 fu approvata la proposta del Dirigente del Terzo Settore, relazionata dall’assessore con delega al bilancio, Pasquale Rinaldi, la rinegoziazione dei prestiti concessi dalla Cassa Depositi e Prestiti s.p.a., ai sensi dell’art.1, comma 537, della Legge 23.12.2014, n.190 e 7, commi 1 e 2, del D.L. 19.06.2015 n.78 convertito con modificazioni dalla Legge 6 agosto 2015, n. 125. Autorizzazione”, come emerge dall’interrogazione.

”Preso atto che l’operazione aveva l’obiettivo di ‘alleggerire’ immediatamente il fabbisogno di liquidità di cassa, prevista dal piano di ammortamento vigente all’epoca. Che in base ai principi recati dall’art. 119 della Costituzione, il risparmio di rata, derivante dalla minore quota capitale da corrispondere post rinegoziazione, deve essere destinata alla copertura di spese di investimento e/o alla riduzione del debito in essere, fermo restando quanto previsto dall’art. 7, comma 2, del d.l. 19.6.2015, n.78, convertito con modificazioni dalla L. 6 agosto 2015, n.125,
PER TUTTO QUANTO SU ESPOSTO si interroga: ”Che destinazione avrà il risparmio della due rate semestrali del 2016? In che capitolo del bilancio di previsione 2016 tale risparmio è stato inserito”.

A seguito della risposta data dall’assessore Rinaldi, il Consigliere Ritucci mette in evidenza come “per l’ennesima volta gli impegni presi in Consiglio da quest’Amministrazione sono stati disattesi in quanto il risparmio della rata dei mutui (circa 1 milione di euro) derivante dalla rinegoziazione non è stato utilizzato per abbassare il debito pubblico (es. estinguendo totalmente o parzialmente un mutuo risparmiando anche sugli interessi) ma viene utilizzato per spese correnti”.

Contattato da Stato Quotidiano per un approfondimento sull’interrogazione, il Consigliere Ritucci afferma che “qualora si portasse a scadenza naturale, post rinegoziazione vale a dire nel 2040, gli interessi che graverebbero sull’Ente, e quindi sui cittadini, sarebbero maggiori rispetto ai piani di ammortamento pre rinegoziazione”.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Ulrich

    Bravo Ritucci.
    Meno male che questi si vantano di saper amministrare.
    ……….


  • Uds

    la risposta dell’Assessore è incredibile!!!!! Manfredoniani ma quando li andiamo a buttare giù da quelle poltrone ? Pensano ancora che siamo con l’anello al naso? Ritucci ha evidenziato che il Sindaco nel consiglio di approvazione della rinegoziazione dei mutui aveva dichiarato (bravi all’epoca a farglielo dire al microfono!!!) che i risparmi andavano utilizzati per estinguere qualche mutuo anticipatamente (così avevamo un reale risparmio di quegli interessi non più dovuti) e invece questi (compreso re riccardi ovviamente) che fanno? Utilizzano i risparmi per pagare le spese legali di cause in cui il comune è risultato soccombente!!!! Vergognosa l’incoerenza e la faccia con cui si presentano ancora in pubblico!!!! Complimenti!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati