CulturaGarganoManfredonia
"La Casa dei Diritti e il Camper sono fermi da oltre due anni"

Quello che non ha fatto la mafia, lo ha compiuto l’incuria (e non solo)

"Sia per la villa confiscata e sia per la Casa dei Diritti, un silenzio verticale e orizzontale"


Di:

Manfredonia. Dopo la confisca della villa Rossana a Siponto ci fu una grande attenzione e varie proposte per l’uso di quel bene, che “ha un alto valore simbolico perché appartenente a un clan potente come i Trisciuoglio” (Grasso). Si manifestò l’intenzione di utilizzare la villa per farne una sezione dell’Antimafia. Seguì la richiesta da Bari per la concessione in uso; poi le forze dell’ordine comunicarono che non vi erano le condizioni di sicurezza per una sede della direzione distrettuale antimafia. Il bene tornava al Comune che poteva utilizzarlo per finalità sociali. Se ne parlò pubblicamente in varie occasioni, ci furono diversi incontri informativi e formativi (anche in collaborazione con l’associazione Libera). All’autunno del 2014 risale la proposta di una manifestazione di interesse rivolta al terzo settore, conservata in qualche ufficio o computer comunali. Poi il silenzio. Un paio di interventi su questo blog, qualcosa sulla stampa… e ancora silenzio. E ora? Dopo i fatti di agosto arriva il CSM a Bari e Foggia, i comuni approvano ordini del giorno, a Foggia sarà celebrata la giornata della memoria delle vittime della mafia, Il procuratore antimafia è in giro, cambiano i prefetti… e nessuno si ricorda più.

Eppure villa Rossana meritava una visita

Eppure villa Rossana meritava una visita. Vedere come è finita. Quello che la criminalità organizzata fa e cioè danneggiare i beni socialmente utilizzati (quanti alberi di ulivo tagliati!), qui è stato compiuto dall’incuria e dal tempo. Tutto è in totale sfacelo. Inservibile ormai. Perché è accaduto?

Ho visitato nei giorni scorsi alcuni centri del barese, ho notato varie iniziative culturali e sociali. Ho assistito a dibattiti su cooperazione e sviluppo, scambi culturali, le frontiere, anche quelle del cibo (Conversano)… Non voglio esaltare altri territori, ma sottolineare una vivacità interessante. E mi sono ricordato di quello che aveva cominciato a fare La Casa dei Diritti: sportello e informazione, corsi di lingua italiana e araba, feste interetniche, la musica, corsi di formazione, assemblee di immigrati con la Questura e altri Enti… Giocò un ruolo anche a difesa dello Sprar. Una visita ispettiva (chiesta dagli ospiti stranieri) riscontrò alcune anomalie. Rifugiati che stavamo da 6-8 mesi e non conoscevano una parola di italiano! Si elaborò, nella Casa dei Diritti, un itinerario formativo per gli operatori: una proposta accettata da Roma. E lo Sprar proseguì.

La Casa dei Diritti e il Camper sono fermi da oltre due anni


La Casa dei Diritti e il Camper sono fermi da oltre due anni. Il camper è parte integrante del progetto “Casa dei Diritti”, la cui finalità è l’accessibilità e la partecipazione del migrante al sistema dei servizi e a un percorso di cittadinanza. Un’accessibilità difficile: gli stranieri non vengono spontaneamente ed ecco l’esigenza di “postazioni mobili come prolungamento degli sportelli per raggiungere luoghi di aggregazione dove è possibile incontrare persone”. Un’esigenza che si può soddisfare “tramite il camper per i migranti che è già in dotazione all’amministrazione comunale”. Questo è scritto nel progetto, approvato e finanziato. Con l’impegno a perseguire gli obiettivi fissati per almeno 5 anni.

Sia per la villa confiscata e sia per la Casa dei Diritti, un silenzio verticale e orizzontale

Sia per la villa confiscata e sia per la Casa dei Diritti, un silenzio verticale e orizzontale. Eppure non sono mancate le sollecitazioni. Dopo aver visto quello che fanno altrove… perché non invitare associazioni o altri a fare qualcosa, a tirare fuori qualche idea? Non vi era un problema di risorse.

Quante storie si potevano costruire, quanti incontri… Ci sarebbero stati degli errori, ma anche sorprese, e come poteva essere più ricco questo territorio!

A cura di Paolo Cascavilla, fonte www.futuriparalleli.it

Quello che non ha fatto la mafia, lo ha compiuto l’incuria (e non solo) ultima modifica: 2017-09-21T19:46:19+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • cittadino

    Questo territorio puzza di -viventi…. che si incensano solo alle inaugurazioni e poi….. non funziona niente.


  • Lettore

    Grande Cascavilla, questo articolo dimostra la il coraggio e la tua onestà,, un articolo che sfida l’omertà delle istituzioni e della città. Grazie


  • Manfredolandia

    chi vuol capire….capisca….


  • Franco

    ogni volta che leggo un apprezzabile articolo del prof. Cascavilla mi chiedo perchè quando ha fatto l’assessore per tanti anni non le ha mai dette.


  • Alchimista

    È troppo facile fare politica come Ponzio Pilato. La vera sfida futura non sarà scegliere la Governance capace di gestire gli atti amministrativi ma la Governance che ha il coraggio di sfidare i luoghi comuni, che abbia il coraggio di non allinearsi con i poteri forti siano essi istituzionali sia extra istituzionali. Che abbia il coraggio di prendere delle posizioni nette. Insomma il contrario di quello che abbiamo ora!


  • cittadino

    Praticamente attuare la politica di Angelo Vassallo, il sindaco pescatore. Egli ha governato facendo il contrario di quello che hanno governato prima di lui…. e forse per questo è stato ammazzato. Quindi chi fa (P)olitica non dev’essere un’eccezione , altrimenti vincerà sempre la mafia, il malaffare. Costoro devono rappresentare la normalità e l’affermazione/testimonianza della legalità. Chi non fa questo ed aiuta gli ipocriti politici non fa altro che alimentare il malaffare in tutte le sue sfaccettature.


  • 60 MILA OVINI ADDEMESTICATI A DOVERE DA UN GRUPPETTO DI PASTORI IPOCRITI

    DAVVERO BELLO LEGGERE STATO QUOTIDIANO E SE POI LEGGENDO SI CAPISCE CHE TRA 60 MILA PECORE IGNORANTI GRETTE E PERFETTAMENTE ALLINEATE E SUPINE AL POTERE FORTE LOCALE, CHE DIRE E’ UNA IMMENSA SODDISFAZIONE.


  • michele

    Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d’accordo. (Paolo Borsellino)


  • 60 MILA OVINI ADDEMESTICATI A DOVERE DA UN GRUPPETTO DI PASTORI IPOCRITI

    O ZOMBATO UN FATTO IMPORTANDE CIOE CHE VOLEVO DIRE CHE TRA 60 MILA PECORE IGNORANTI E BELLO SAPERE CHE CE QUALCUNO CHE RAGIONA ANCORA CON LA SUA CAPA COME LO SCRITTORE CHE A FATTO L’ARTICOLO CHIEDO SUSCA NON O LA VOSTRA CULTURA MI ARANGGIO!!


  • deluso dal pd

    Grazie Prof. sono sempre convinto che le istituzioni non sono altre che vere mafie LEGALIZZATE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This