Capitanata

Foggia, primo ‘colpo’ per piano parcheggi. Divelto un parcometro


Di:

Da sinistra, Domenico Mazzamurro e Gianni Mongelli (St)

Foggia – Ammonta a 110 euro il bottino realizzato dagli ignoti ladri che, nella notte tra martedì e mercoledì, hanno divelto il parcometro installato dall’Ataf SpA in via Mele, la strada che separa il Comune dalla Prefettura. L’esatta quantificazione del furto è resa possibile dall’impianto di telesorveglianza di cui è dotato ciascun apparecchio, così che la centrale operativa dell’azienda è in grado di monitorare costantemente il numero dei tagliandi emessi, l’incasso conseguente e le eventuali manomissioni.

A seguito della denuncia dell’azienda di trasporto, gli inquirenti hanno acquisito le registrazioni delle videocamere della zona per cercare di individuare la targa del camion utilizzato per il trasporto del parcometro, poi forzato con l’uso della fiamma ossidrica.

“E’ bene si sappia che gli apparecchi sono svuotati giornalmente – afferma l’amministratore unico di Ataf Spa – per cui i ladri non vi troveranno mai denaro in quantità tale da rendere remunerativa la loro attività illegale. L’azienda, invece, dovrà spendere circa 1.000 euro per riparare e reinstallare il parcometro: soldi destinati a migliorare il servizio a vantaggio di tutti i i cittadini”

Redazione Stato

Foggia, primo ‘colpo’ per piano parcheggi. Divelto un parcometro ultima modifica: 2011-10-21T13:21:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    IL NOSTRO SENTITO “GRAZIE” PER IL NUOVO PIANO PARCHEGGI

    Grazie Signor Sindaco. Da parte di un comune cittadino e a nome di migliaia di altri comuni cittadini, vogliamo dirvi GRAZIE! Per aver finalmente dotato Foggia di un piano parcheggi degno di questo nome e da fare invidia a tante altre città.

    Se sino a qualche giorno fa avete letto e ascoltato qualche “timida…” lamentela, pervenire da associazioni, movimenti, circoscrizioni, studenti, commercianti, della Sua città, Le chiediamo scusa. Abbiamo sbagliato e non avevamo capito niente. Ora che invece il piano è partito, e ci rendiamo davvero conto della sua utilità ,specie per ripianare i conti comunali, diciamo grazie. per questa serie di motivi:

    -Grazie, prima di ogni cosa, per aver, al momento, ancora solo “pensato”ad un ’imminente divieto di sosta permanente in tutta Piazza Vittorio Veneto. Era ora che questa magnifica piazza, gorgheggiante di acqua da mane a sera, perfettamente pulita, con giardini, siepi e panchine splendidamente tenuti, dove sostano famigliole con bambini per giocare liberamente e dove, grazie alla costante presenza di VV.UU. e Guardie Giurate, non si è mai visto un elemosinante, un barbone, un extracomunitario, un cane randagio, ecc, rimanesse senza auto….

    Ma, soprattutto, GRAZIE da parte di tutti i pendolari che alle 4 ( o anche prima) di notte, devono andare a prendere il treno o il bus. Ora potranno finalmente posteggiare l’auto a centinaia di metri dalla stazione e farsela a piedi. Come dite? Ma l’inverno fa freddo? Non fa niente. Fa bene alla salute…. Inoltre si potrà sempre prendere la “circolare” perché è noto che a Foggia la notte circolano bus a non finire e a tutte le ore e tutti frequentati da persone perbene!

    Se poi, cari pendolari, proprio volete andare in auto, non dimenticate il vicino parcheggio adiacente la BNL (a pagamento,ovvio!).

    -Grazie, da parte di tutti i commercianti che giustamente non hanno avuto alcuna agevolazione. Perché del resto? Guadagnano già così tanto grazie alle floride condizioni di ricchezza economica in cui versa la nostra città. E’ giusto che paghino quei 100/150 euro, forse meno, forse più, al mese. Come dite? Così tutti andranno a fare compere al centro commerciale e i grandi magazzini in periferia ?… E vabbe’ ragazzi, mica si possono accontentare tutti…!

    -Grazie, da tutti gli studenti pendolari che vengono a Foggia in auto, magari perché il mattino presto dai loro Paesi non ci sono autobus che partono per il Capoluogo di Provincia e quindi sono costretti a farlo. Vuol dire che peserà anche questo sul bilancio delle famiglie e, forse, sara’ meglio, tutto sommato e considerato il rischio di qualche incontro non molto felice, che l’università i loro figli la vadano a fare da qualche altra parte. E i sacrifici, gli scioperi, dei nostri genitori per l’Università a Foggia? Roba vecchia; ora è più importante risolvere il problema dei parcheggi.

    -Grazie da parte di tutti i lavoratori dipendenti, di tutti gli uffici di Foggia che finalmente potranno donare, liberamente alla città una bella sommetta mensile e diminuire ancora i consumi.( ne saranno felici i nostri commercianti..) Ma siamo contenti perché così potremo fare un “corso di sopravvivenza” gratuito, offerto dal Comune di Foggia….

    -Grazie per aver “magicamente” approvato una delibera di classificazione in zona A di gran parte di Foggia e nello stesso tempo( ma è senz’altro una casualità!) il piano parcheggi, cosa perfettamente legittima e che ha dato la possibilità, finalmente, anche, per fare un esempio, a chi abita alla fine di Via Gramsci di avere un appartamento in zona centro e di aver escluso dalla stessa zona strade centrali della città (forse non ci avete fatto caso, Vi preghiamo di provvedere…)
    -Grazie da parte anche dei nostri figli ai quali avete insegnato il rispetto della Legge e della legalità nella loro città. Infatti ora sanno che si può posteggiare sui marciapiedi, in curva, negli incroci, senza lasciare spazi transitabili, che dove ieri c’era un divieto di sosta ora è spuntata una paletta con una grande P. Insomma, hanno capito, i nostri ragazzi, che bisogna rispettare il Codice della Strada!

    -Vi lasciamo con una richiesta e una preoccupazione. La richiesta è: Abbiamo accettato tutto. Ogni tipo di stallo, grande, medio, tra due alberi, sui marciapiedi, con l’albero al centro, ecc,ecc. Ma per favore, aiutateci a capire come posteggiare l’auto in stalli di un metro e cinquanta di larghezza (Via di Vittorio,). La preoccupazione che invece esprimiamo è quella di capire: Ma dove sono comparse le strisce nere, vuol dire che è allo studio un piano parcheggi notturno..?

    (A cura dr Salvatore Aiezza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This