FoggiaManfredonia
A breve un’assemblea dei lavoratori Coop 3.0

I sindacati su Grandapulia: “Non consultati, notizie dalla stampa”

Palma (Cgil): “Assunzioni? Mi auguro siano quelle annunciate”

Di:

Foggia. “Avendo appreso da notizie di organi di stampa di un presunto accordo con Coop 3.0 in merito all’apertura di un nuovo centro vendita sito all’interno del centro commerciale Grandapulia, intendiamo precisare che al momento nessun accordo è stato sottoscritto e che l’oggetto di un’eventuale intesa sarà discusso in un’assemblea dei lavoratori che si terrà il prossimo 21 ottobre”. Così scrivono le segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil, settore commercio, in una nota a firma dei tre rappresentanti Palma, Piacquaddio e Dota. Si fanno sentire per la prima volta i sindacati ora che l’apertura del centro commerciale per il prossimo primo dicembre è certa. Numeri strabilianti per la città di Foggia, sia per quanto riguarda la 800-1000 assunzioni annunciate, sia per quanto riguarda l’ampiezza del complesso per 60 milioni di investimento. Negozi, sale cinematografiche, oltre 4mila posti auto, ludoteca, pista di pattinaggio, punti di ristoro, un’utenza calcolata di 300mila persone. A Foggia se ne parla eccome, praticamente non c’è famiglia che non conosca qualcuno interessato al lavoro e candidato tramite il sito web “Lavora con noi” messo a disposizione dell’azienda. Un canale che funziona e a cui i gestori rispondono con solerzia. Superata questa selezione, segue il colloquio.

Palma (Cgil): “Assunzioni? Mi auguro siano quelle annunciate”

La nota inviata dai sindacati riguarda il punto Ipercoop che sorgerà all’interno della struttura presso l’ex Sfir, ipermercato che, com’è noto, ha la sua prima sede in Viale degli Aviatori. Gianni Palma, della Cgil, fa chiarezza su alcuni numeri che riguardano queste assunzioni dopo il comunicato stampa: “Saranno impiegate 80 persone, come stabilito da un incontro con l’azienda, di cui 40 trasferite dall’altra sede foggiana e altre 40 assunte con tirocini formativi, cioè con contratto precario. Se saranno, come si dice, 1000 assunzioni, non può che farci piacere, per Foggia e per la sua crisi di lavoro una boccata d’ossigeno. Ci aspettavamo come segreteria provinciale del settore che Sarni ci convocasse per illustrare il progetto ed esprimiamo rammarico, di solito funziona così: quando un’azienda si inserisce in un contesto illustra il progetto che invece conosciamo a frammenti dalle notizie della stampa. Noi abbiamo tanti lavoratori per esempio negli autogrill già iscritti al nostro sindacato, siamo già presenti”. Se ci sia qualche precedente per cui l’iter della consultazione dovrebbe essere seguito anche in questo caso, lo conferma citando il punto Despar di Cerignola, “l’ultimo che mi viene in mente”.

A un prima stima del sindacato, i numeri del personale richiesto potrebbero essere complessivi: “Non solo quanti lavoreranno nei negozi, se ne assumono 2-3 per ognuno dei 150 si arriva a 300-400 o poco più, magari con l’indotto fra pulizie, servizio di vigilanza (che comunque con Metropol già controlla il cantiere, quindi è possibile si tratti di personale non assunto ex novo ma trasferito) i conti potrebbero tornare”.

Cislaghi: “Piccoli commercianti non tutelati”

Ma di questo nuovo centro che tanto fermento sta creando in città sono proprio tutti contenti? Giorgio Cislaghi, dell’associazione “Alternativa Libera”, se la prende con il piano del commercio del Comune di Foggia legando la cosa alla nascita del megapolo in zona Incornata: “Ma se il piano stilato si occupa solo delle aree mercatali per il 2020 e nulla dice sulla salvaguardia del piccolo commercio, dei negozi di quartiere…Nasce Grandapulia , il più grande del sud, più o meno il volume del centro di Arese, nasce un no food ‘Il Globo’ in viale degli Aviatori, Euronics in pieno centro mentre chiudono Benetton e Max Mar, storici negozi di Foggia. Anche a Molfetta hanno aperto grandi strutture ma il centro della città è rinato perché hanno previsto misure di compensazione. E qui a Foggia il piccolo commercio quale misure di tutela prevede?”.

(A cura di Paola Lucino, Foggia 20.10.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati