EconomiaManfredonia

Legge Stabilità, sindaci: pronti a dimissioni di massa

Di:

Protesta sindaci comuni (Anci - casertaonline)

Protesta sindaci comuni (Anci)

Roma – “IL 29 novembre l’Ufficio di presidenza dell’Anci, mentre saranno in corso i lavori sulla legge di Stabilità della Commissione Bilancio del Senato, si riunirà per decidere tempi e modalita’ delle dimissioni in massa dei sindaci”. Lo ha annunciato il presidente dell’Anci, Graziano Delrio, al termine dell’incontro con il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Piero Giarda, incontrato da una delegazione di sindaci che hanno esposto le ragioni della protesta di oggi a Milano. “La manifestazione ha visto la presenza di oltre mille sindaci provenienti da tutta Italia che insieme, senza distinzioni di partito, hanno fatto sentire la propria voce”.


Tornando dall’incontro con Giarda, Delrio ha riferito che “il ministro si è impegnato a riportare il nostro profondo malessere al premier Monti. Abbiamo chiarito – ha continuato Delrio – che la legge di stabilità è l’ultima occasione per rivedere quelle norme (Imu, Patto di stabilita’ e spending review) che stanno uccidendo il comparto dei Comuni”. A questo proposito, il presidente dell’Anci ha annunciato che “oggi stesso vedrò il segretario della Lega, Roberto Maroni, mentre domani incontrerò i segretari di PD e PDL Bersani e Alfano“. “Se dai lavori del senato non avremo risposte alle nostre richieste – ha ribadito, infine, il presidente Anci – già in quella fase, il giorno 29, i sindaci decideranno per le dimissioni”.

Legge di stabilità per gli anni 2013-2015. Aumento delle detrazioni per i figli a carico, dal 2014 taglio dell’Irap sul costo del lavoro e sul valore della produzione, poco più di 2 miliardi per estendere al 2013 e al 2014 la detassazione parziale della parte di salario legata agli aumenti di produttività, tutele per altri 10.130 esodati. La Legge di stabilità si avvia ad ottenere il via libera della Camera in una forma molto diversa dal testo originario approvato in Consiglio dei ministri.


Sintesi dei contenuti:
– DA LUGLIO 2013 SALE DI UN PUNTO ALIQUOTA IVA 21%
– AUMENTANO DETRAZIONI PER FIGLI A CARICO
– RIDUZIONE IRAP VALE 709 MLN IN 2014, 810 MLN DAL 2015
– PRODUTTIVITA’ 950 MLN IN 2013, 1 MLD IN 2014
– IL FONDO PER IL CREDITO DI IMPOSTA SU RICERCA E SVILUPPO
– IL FONDO PER IL CALO DELLE TASSE
– TUTELA PER ALTRI 10.130 ESODATI
– LE SPESE INDIFFERIBILI
Arrivano 250 milioni nel 2013 per gli interventi nelle
regioni e nei comuni colpiti dall’alluvione di novembre. Il Fondo per le non autosufficienze si vede attribuire 200 milioni nel 2013 per l’assistenza a disabili gravi e a persone affette dalla sclerosi laterale amiotrofica (Sla). Previsti 1,15 miliardi tra 2013 e 2016 per il Mose di Venezia. Alla Tav vanno 60 milioni nel 2013, 100 nel 2014 e 530 nel 2015. In ciascuno degli anni dal 2013 al 2022 il governo autorizza una spesa di 295 milioni per finanziare il contributo italiano alla ricostituzione delle risorse dei Fondi multilaterali di sviluppo e del Fondo globale per l’ambiente.

– LA TOBIN TAX E L’IVA AL 21% SULLA GESTIONE DI PORTAFOGLIO
– PERMANENTE AUMENTO ACCISE. GETTITO 1,1 MLD DA 2013
– IL CONTRIBUTO DI BANCHE E ASSICURAZIONI
– I TAGLI ALLA SPESA CORRENTE
– DA 2013 2,2 MLD DI NUOVI TAGLI A REGIONI, COMUNI E PROVINCE
– FONDO SANITARIO RIDOTTO DI UN ALTRO MILIARDO DAL 2014


Manifestazione Milano – Alemanno: “Non indosseremo la fascia tricolore agli eventi”. “Da adesso c’è la scelta di sottrarsi alle attività di rappresentanza. Non parteciperemo più, manderemo assessori o vicesindaci ma noi non indosseremo la fascia Tricolore agli eventi”. Lo afferma il sindaco Alemanno che questa mattina, a Milano, ha partecipato alla Manifestazione dei sindaci contro le mancate risposte del governo alle richieste dei Comuni. Alemanno ha sottolineato che questa decisione “è una sorta di preallarme rispetto una funzione che non riusciamo ad esercitare”. “Non era mai avvenuto – ha concluso – che il sistema dei Comuni lanciasse un grido di allarme così forte”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Redazione

    La solidarietà di Congedo ai Sindaci che hanno manifestato contro il Governo

    Il consigliere regionale del Pdl Erio Congedo esprime solidarietà ai Sindaci di tutta Italia che questa mattina a Milano hanno manifestato contro la legge di stabilità del Governo e i provvedimenti in materia di patto di stabilità, Imu e tagli alla spesa, che penalizzeranno ulteriormente proprio i Comuni. “Non sono molti i precedenti di amministratori locali che – dice – scendono in piazza compatti superando divisioni politiche e lontananze geografiche. E’ la prova di un disagio che non si può più soffocare. A questi Sindaci coraggiosi giunga un forte segnale di vicinanza e di solidarietà per una battaglia inevitabile. Le scelte del Governo contenute nella legge di stabilità, ultimo corollario di una lunga strategia di penalizzazione dei Comuni, rischiano di comprometterne definitivamente l’operatività. In questo modo si colpisce quello che rappresenta il livello istituzionale più vicino ai cittadini. Si penalizzano amministratori che troppo spesso sono chiamati ad affrontare – senza risorse – problemi che apparterrebbero ad altri. Invece di non lasciare sguarniti i Sindaci in un momento di crisi come questo, si procede esattamente nella direzione di privarli di risorse e di ingessarli con meccanismi assurdi come il patto di stabilità. Proprio i Sindaci, che quotidianamente sono i più sollecitati da cittadini che giustamente reclamano assistenza e servizi di ogni tipo. I Comuni – sottolinea ancora Congedo – negli ultimi anni hanno già subito tagli gravosi, seppur in un disegno legittimo di generale contenimento della spesa, ma non possono più pagare oltre. Credo che la manifestazione di Milano oggi sia un messaggio molto significativo al Governo, che non può ignorare la voce unanime di primi cittadini di ogni colore politico e di ogni latitudine del Paese e non può permettersi di non recepirne le istanze”.


  • Grazie Stato Quotidiano

    Perchè i Sindaci( parecchi) non spiegano all’opinione pubblica colossali debiti accumulati nei Comuni nei tempi delle vacche grasse? Ad esempio è vero o non è vero che il Comune di Manfredonia ha un debito sovrano di circa 60.000 milioni di euro?


  • Grazie Stato Quotidiano

    Pardon..60 milioni di euro di debiti!!


  • daffa

    Angelo Riccardi dimettiti hai …..!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi