Manfredonia

Manfredonia, Riccardi: ok ‘lavoro minimo di cittadinanza’ (VIDEO)

Di:

Manfredonia è la prima e unica città della nostra provincia ad aver sottoscritto un Protocollo d’intesa per il lavoro minimo di cittadinanza ed i cantieri di cittadinanza: due linee di intervento programmate dalla Regione Puglia con la collaborazione dei sindacati CGIL, CISL, UIL e UGL. “Il Protocollo è stato sottoscritto in tutte le province della Puglia, con larga partecipazione dei Comuni pugliesi, ma in provincia di Foggia siamo stati i primi, vista l’assoluta indifferenza del resto dei Comuni. Il provvedimento – spiega il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, al termine della riunione che ha visto la partecipazione dell’assessore regionale al Lavoro, Leo Caroli – non deve essere visto per il solo stanziamento economico, assolutamente irrisorio rispetto alle reali esigenze, ma va considerato per le misure aggiuntive, che sono volte a consentire, in un quadro partecipativo, la possibilità di avviare nuovi progetti”.

La Regione Puglia ha approvato nel 2013 il “Piano Straordinario di interventi per i percettori di ammortizzatori sociali in deroga e percettori di sostegno al reddito” con specifici obiettivi: coinvolgere Comuni e Province nei processi di ricollocazione dei lavoratori in questione; promuovere l’aggiornamento e il potenziamento delle competenze di quanti percepiscono ammortizzatori sociali in deroga, favorendone la ricollocazione; garantire forme di sostegno al reddito ai lavoratori che resteranno privi di copertura degli ammortizzatori sociali in deroga.

I destinatari degli interventi previsti dalla Regione per i Comuni che si sono da subito impegnati ad attivarsi, in questa prima fase, sono i percettori di ammortizzatori sociali e i disoccupati che versano in condizioni di particolare fragilità sociale.

In ragione di ciò, la Regione Puglia, il Comune di Manfredonia e le organizzazioni sindacali succitate, ciascuno per il suo ruolo e competenza istituzionale, si sono impegnati, giovedì 20 novembre scorso, ad attuare gli obiettivi denominati “lavoro minimo di cittadinanza” e “cantieri di cittadinanza”.

“Il primo – illustra Riccardi – prevede il coinvolgimento diretto del nostro Comune nella ricollocazione dei lavoratori inseriti nella banca dati dei percettori di ammortizzatori sociali, anche in deroga, attivando tavoli d’intesa con il partenariato socio-economico locale”. I progetti possono riguardare attività di manutenzione del verde pubblico, dei beni immobili comunali quali le strutture scolastiche (escluse quelle affidate ai lavoratori ex L.S.U. ATA già in servizio). Il Comune si impegna, altresì, a prevedere nelle graduatorie di merito delle imprese che si aggiudicano bandi di appalti di opere e servizi, a parità di merito, un punteggio aggiuntivo a favore delle imprese che assumono una quota di lavoratori, non inferiore al 20%, dalla banca dati predetta. Il secondo è destinato ai disoccupati di lunga durata con priorità per chi vive in condizioni di particolare fragilità sociale già in carico ai Servizi sociali. Il cantiere di lavoro può essere configurato come attività ausiliaria del servizio pubblico per realizzare determinati servizi di notevole rilevanza sociale nel campo ambientale, dei beni culturali, del turismo o per tutela e manutenzione del verde pubblico, strutture edilizie, aree verdi, assetto stradale, ovverosia progetti di inserimento socio-lavorativo. “Attività che devono essere organizzate per unire alle prestazioni di lavoro retribuite, momenti di formazione e orientamento professionale, con il chiaro scopo di fornire al soggetto destinatario più strumenti spendibili sul mercato del lavoro”, aggiunge il sindaco. “Possiamo considerarlo come una sorta di provvedimento tampone, che la Regione Puglia ha avuto il coraggio di mettere sul tavolo e che la nostra Amministrazione ha voluto subito sottoscrivere, cercando di trasformare questo strumento in un’occasione per dare delle risposte. Risposte – la considerazione finale di Angelo Riccardi – che sicuramente non potranno soddisfare tutte le esigenze, ma quello che ci accingiamo a realizzare rappresenta pur sempre un passo avanti estremamente importante. Resta inteso che il lavoro rimane il tema centrale delle politiche del Governo. L’Italia ha bisogno di un piano straordinario del lavoro e né la Regione, né i Comuni possono sostituirsi allo Stato”.

Lo rende noto l’ufficio stampa e comunicazione del Comune di Manfredonia.

Redazione Stato

VIDEO INTEGRALE FIRMA A PALAZZO SAN DOMENICO – 20 NOVEMBRE 2014

FOTOGALLERY BENEDETTO MONACO

Redazione Stato

Manfredonia, Riccardi: ok ‘lavoro minimo di cittadinanza’ (VIDEO) ultima modifica: 2014-11-21T18:00:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi