GarganoManfredonia

Sangalli Vetro, interrogazione L’Abbate: luce su gestione

Di:

“Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro dell’economia e delle finanze. — Per sapere – premesso che:

il gruppo vetrario Sangalli rappresenta il primo produttore di vetro piano in Italia (copre circa il 30 per cento del mercato), con siti produttivi a Monte Sant’Angelo (FG) e San Giorgio di Nogaro (UD), con una produzione di circa 1.300 tonnellate al giorno ed impiegando complessivamente oltre 400 addetti. Res nota est che tale Gruppo versi in grave dissesto finanziario;

quasi tutte le società del Gruppo (in particolare Sangalli Vetro Manfredonia — già Manfredonia Vetro, Sangalli Vetro, Sangalli Vetro Porto Nogaro, Sangalli Vetro Satinato) hanno ricevuto contributi pubblici in conto capitale (e non) sia grazie ai tre Protocolli al contratto d’area di Manfredonia sia grazie a risorse del Fondo di rotazione per iniziative economiche del Friuli Venezia Giulia, come dimostrato dalla presenza di Friulia spa al 35 per cento nel capitale sociale di una delle anzidette società. La finanziaria regionale Friulia spa, come è noto, opera soltanto con l’ausilio di un patto parasociale che, in questo caso, è stato disdettato e poi rinnovato;

in aggiunta ai finanziamenti di cui sopra, a fine 2013, Sangalli Vetro Manfredonia è stata ammessa al beneficio di ulteriori agevolazioni dalla regione Puglia per euro 6.889.323,60 quale contributo al rifacimento del forno float. Va, tuttavia, tenuto presente però che l’Unione europea fissa un tetto massimo ai contributi pubblici per la regione Puglia nella misura del 70 per cento delle somme ammesse a contributo;

ad oggi, le condizioni finanziarie del Gruppo sono di sofferenza se non addirittura di insolvenza, in quanto al 31 dicembre 2013 gli amministratori riportavano un indebitamento verso gli istituti di credito per 128,4 milioni di euro, superiore al fatturato complessivo che risulta in peggioramento rispetto all’esercizio precedente, con perdite complessive per 11,3 milioni di euro relative all’esercizio 2013;

al 13 ottobre 2014, l’impianto più moderno e più remunerativo del Gruppo, appartenente alla società Sangalli Vetro Magnetronico di Monte S. Angelo (FG), uno dei due impianti coater in Italia, scontava un periodo di cassa integrazione guadagni straordinaria di 15 giorni per tutte le 26 risorse, che si aggiunge ai periodi precedenti. Stante il contributo pubblico già deliberato dalla regione Puglia in data 19 novembre 2013 (pubblicazione B.U.R.P. n. 159 del 4 dicembre 2013) a questo scopo, fonti aziendali riportano che la fermata dell’impianto float di Monte S. Angelo (FG) è prevista per fine anno 2014; tuttavia si teme che tale fermata venga in un primo tempo prorogata per poi diventare definitiva;

alla luce della situazione attuale, pare non abbia trovato un esito positivo l’accordo di riscadenziamento dell’indebitamento complessivo, siglato in data 20 novembre 2013 che prevedeva l’ingresso di un nuovo socio russo, attraverso la società lussemburghese Glasswall. Alla luce di quanto detto ad avviso dell’interrogante non è da escludere la presentazione della richiesta di ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi, ai sensi del decreto legislativo 270 del 1999 (cosiddetto Prodi bis) per i seguenti motivi: la società ha superato, anche se di poco, la soglia necessaria dei 200 dipendenti, l’indebitamento complessivo supera (e di molto) i due terzi sia del totale dell’attivo dello stato patrimoniale sia dei ricavi provenienti dalle vendite e dalle prestazioni dell’ultimo esercizio. Appare evidente che l’accordo del 20 novembre 2013 sia divenuto inefficace giacché la holding italiana del Gruppo (Vetro Partecipazioni di Susegana, Treviso), unica società che registra la presenza del nuovo socio Glasswall, risulta ancora oggi inattiva;

secondo quanto riportato nel relativo verbale, si evince che il bilancio 2013 di Sangalli Vetro Manfredonia sia stato approvato dai manager russi addirittura per telefono e che il consiglio d’amministrazione era ed è composto da un numero di componenti superiore a quanto previsto dallo Statuto. Da ultimo, si constata che il Presidente del collegio sindacale, dottor Gianbattista Rossetti (già arrestato per tentata corruzione nel 1984 e poi amnistiato), risulta essere membro della «Commissione Amministrazione Straordinaria per le Grandi Imprese in Crisi», istituita presso il Consiglio Nazionale dei Commercialisti ed Esperti Contabili;
si richiama l’interrogazione a risposta scritta 4-02323 e la relativa risposta –:

se i Ministri interrogati, ciascuno per le proprie competenze, siano a conoscenza della descritta situazione in seno al gruppo industriale tutto, ed in particolare di, quella relativa al polo produttivo di Monte S. Angelo (FG) e se l’eventuale ricorso allo strumento dell’amministrazione straordinaria ex decreto legislativo 270 del 1999, visto alla luce della recente posizione della Commissione europea in tema di amministrazione straordinaria, non rischierebbe di essere considerato alla stregua di un aiuto di Stato (come già accaduto in vari casi), anche in considerazione delle erogazioni già percepite dal gruppo e dei precedenti per frode fiscale del patron del Gruppo, Giorgio Sangalli;

quali iniziative urgenti i Ministri interrogati intendano assumere per promuovere il dialogo con la proprietà (e gli istituti di credito), allo scopo di predispone un piano industriale efficace per la salvaguardia della produzione e dei livelli occupazionali, anche nell’ipotesi in cui si dovesse nominare un commissario straordinario, al fine di evitare (o almeno limitare) le ripercussioni in seno al comparto vetrario italiano;

se i Ministri interrogati intendano comunicare notizie riguardanti la situazione debitoria attuale e quella relativa alle eventuali controversie pendenti nei confronti dell’Agenzia delle entrate e dell’autorità giudiziaria e se gli aiuti stanziati dalla Regione Puglia verranno erogati ad avanzamento o a fine lavori di rifacimento del forno float di Manfredonia, come ragionevolmente ci si aspetterebbe stante l’elevato rischio di fallimento della società singola e dell’intero gruppo vetrario”.

E’ quanto emerge in una interrogazione a risposta scritta presentata nella seduta del 21/10/2014 dal Movimento 5 Stelle (primo firmatario Giuseppe L’Abbate) con destinatari il Ministero dello Sviluppo economico e dell’Economia e delle Finanze.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Sangalli Vetro, interrogazione L’Abbate: luce su gestione ultima modifica: 2014-11-21T17:47:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • dipendente sangalli

    Non ho parole…..
    Ancora una volta si butta benzina sul fuoco…
    Come ben sappiamo il contratto d’aria è stato una rampa di lancio per creare occupazione nel nostro territorio. .
    Tante aziende hanno fallito o addirittura mai aperte..
    Nom è stato cosi nel nostro caso.
    La nostra azienda ha sempre mostrato interesse verso i propri collaboratori e rispetto verso il nostro territorio.
    Il gruppo sangalli per 13 anni ha pagato tasse e sta pagando tasse,
    Stessa cosa lo hanno fatto e lo stanno facendo gli stessi dipendenti. .
    Detto ciò i finanziamenti dati alla sangalli, sono amdati a buon fine e il denaro stanziato per costruire questo polo è stato pienamente estinto..
    Non ho altro da aggiungere

  • dal mio punto di vista non si possono concedere fondi a chi annuncia di smantellare un reparto e annuncia 40 esuberi re giorgio se non vuol rimanere andasse via la regione i soldi li darà a chi dopo di lui voglia prendersi in carico lo stabilimento di manfredonia


  • Operaio

    Questa è tutta la verità,se non c’è un accordo scritto azienda e sindacati siamo finiti.


  • Operai sangalli

    Sono d’accordo per i finanziamenti,ma un’azienda che chiede cassa integrazione straordinaria per crisi aziendali non prevede nessun finanziamento,sarebbe chiusura totale dell’azienda.bisogna concordare per il rifacimento altrimenti dopo un anno tutti in mobilità.


  • sipontum sapiens

    Mi piacerebbe conoscere bene i fatti dagli operai Sangalli: cosa sta succedendo? È perché è stata fatta un interrogazione parlamentare?
    Perché il m5s di Manfredonia è allo scuro della vicenda?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi