Manfredonia
Nota stampa

Italo Magno “E’ solo una sceneggiata”

Di:

Manfredonia. L’esaltante risultato referendario del 13 novembre scorso ha consentito un’ulteriore sensibilizzazione dei cittadini di Manfredonia, ormai consapevoli della pericolosità dell’impianto Energas.Q8, che vorrebbero insediare nel nostro territorio. A questo risultato hanno contribuito in maniera determinante Manfredonia Nuova, i Cinque Stelle e il Caons, che fin da subito, quasi tre anni fa, hanno sollevato il problema, nonostante le risposte irritate ed irridenti dei partiti facenti capo alla pubblica amministrazione, che aveva più volte concesso a Energas parere positivo, in controtendenza con quelli negativi del Ministero dell’ambiente e della Sovrintendenza ai beni ambientali e culturali.

Ai pionieri della difesa ambientale si sono poi aggiunti, e ne siamo fieri, alcuni partiti, il Collettivo in apnea, il Circolo Unione e tante altre libere associazioni, le organizzazioni cattoliche ed il nostro Vescovo, Mons. Michele Castoro, il quale ha anticipato e stimolato l’ingresso in campo, seppur tardivo, prudente e distaccato, di rappresentanti del PD e di altri partiti ad esso collegati.

Adesso il Sindaco di Manfredonia è volato a Bruxelles, a fare che? Dicono, per consegnare, all’attenzione del segretario generale dell’organo esecutivo dell’Unione Europea, denuncia di presunta violazione, da parte dello Stato Italiano, delle norme comunitarie. Perché allora non chiamare in causa anche la regione Puglia, che il 5 giugno dello scorso anno ha concesso a Energas parere positivo all’insediamento; e il Comune di Manfredonia (…) pareri favorevoli, dal 29 maggio 98 (…)?

A fronte di questa realtà della cose pregresse, dopo la vittoria del “NO” al referendum del 13 novembre, si sono levate, con accento sguaiato ed enfatico, le voci proprio di quelli che meno si sono battuti per questa lotta, forse per far dimenticare il loro tardivo ravvedimento. Dispiace che, a questa esultanza da curva sud, si sia associato anche il Presidente del Consiglio Comunale che, dimenticando il proprio ruolo istituzionale di garanzia, si è lanciato in una sgradevole critica contro coloro che nel Consiglio avevano espresso parere contrario al referendum, ritenendo si potessero percorrere altre strade forse più efficaci, sicuramente meno costose. E ciò, nonostante che essi, poi, hanno operato con spirito costruttivo, dando un contributo alla vittoria del NO ben più efficace di quello concesso dall’ambiguità del PD e dei vari esponenti politici della maggioranza, che hanno profuso davvero poco impegno.

Ma lasciamo perdere queste amenità e vediamo come stia realmente la questione che più c’interessa. Responsabilmente dobbiamo allertare la popolazione che la lotta contro il deposito Energas non è finita. Essa è ancora lunga e faticosa e non dobbiamo abbassare la guardia. Tuttavia, prima di dirvi cosa penso occorra fare, vi debbo svelare un giochetto. Vi sono le elezioni ed i cittadini di Manfredonia sono abbastanza intelligenti per capire che solo la vittoria del “NO” al prossimo referendum del 4 dicembre può confermare il “NO” a ENERGAS. Per questo, il Sindaco e il PD, preoccupatissimi che Manfredonia possa votare “NO” anche al referendum del 4 dicembre, hanno orchestrato una messinscena. La on. Gentile (che non ha certo brillato per ambientalismo quando era in giunta con Vendola) si è attivata per far ricevere Riccardi da qualcuno a Bruxelles.

E, come dicono le agenzie di stampa, “Riccardi ha depositato poche pagine” nelle mani di chi lo ha ricevuto, cioè ha preso quello che ha potuto prendere, nulla è stato preparato, come si fa in casi simili, perché non si poteva perdere tempo! Poi hanno tutti levato le mani al cielo, come se avessero segnato un gol. Un “coup de theatre” in piena regola, da fare presto perché il voto è vicino e tutti sanno che Renzi e tutto il PD se la stanno facendo sotto, per la paura. Dopo le votazioni ci accorgeremo di quale valore abbia quella visita pagata da tutti noi. Passerà, anche questo passerà e credo proprio che i cittadini di Manfredonia, dopo aver vissuto questi vent’anni coi saltimbanchi, non si faranno incantare da simili giochi.

Cittadini, continuiamo dunque nella nostra azione pacata e decisa, fortificati anche dall’aiuto che ci sta dando Gianni Lannes, con la sua riconosciuta esperienza di giornalista investigativo. Egli ha già rilevato che nell’iter amministrativo dell’Energas mancano i requisiti fondamentali per avviare il procedimento, in virtù della direttiva ratificata dal decreto legislativo 26 giugno 2015, numero 105 (Seveso III). Vale a dire: il rapporto preliminare di sicurezza, il rapporto definitivo di sicurezza, il progetto particolareggiato ed infine il rapporto integrale di sicurezza del porto nonché del bacino alti fondali. Senza questi documenti non poteva essere avviata alcuna procedura autorizzativa. Per questo egli sta lavorando per l’apertura in sede europea di un procedimento d’infrazione contro l’Italia, per la evidente violazione delle normative ambientali, ed intende aprire un processo presso la Corte europea dei diritti dell’Uomo a Strasburgo, dov’egli giungerà il 21 novembre prossimo. Di tutto questo ci parlerà il 10 dicembre successivo, quando il dottor Lannes tornerà a Manfredonia, per consegnarci ed illustrare il dossier che servirà ad arrestare il folle progetto Energas.

Tutto questo ci dà coraggio, è vero. Ma senza la forza di questo popolo meraviglioso, che si chiama Manfredonia, nulla sarebbe possibile. Intanto, contro la mistificazione, che punta a carpire il nostro voto, diciamo “NO” a Renzi e ai suoi disperati tentativi di prendersi tutto il potere.

CONFERMIAMO CON UN NUOVO “NO” IL NOSTRO “NO” A ENERGAS.

DIRETTIVO DI MANFREDONIA NUOVA



Vota questo articolo:
31

Commenti


  • Manfredonia agnellino sacrificale della politica

    Non riesco a non condivide quello che dice Magno. Lannes sei immenso.


  • Nico

    Sei solo un commediante . I manfredoniani purtroppo per te l’hanno capito. Non ti resta che denigrare e sciacallare. D’altronde era questo il tuo obbiettivo, poiché dei problemi della città non te ne frega niente. Continui a intorbidire le acque, a fare confusione e a scrivere comunicati fetecchia.Da quando hai deciso di fare politica, stai accumulando figure di m..a su figure di m..da. Omino senza maroni perché non dici di chi era il terreno venduto a energas. Tu che capisci e sai tutto, perché non spieghi ai tuoi soci della cooperativa MANFREDONIA VECCHIA come stanno le cose ? Lo so ci vuole tanta onestà e coraggio, elementi che a te purtroppo mancano. Non hai idee, non hai programmi,non hai progetti, ma tanta gelosia, invidia e odio. Hai tanto da imparare da RICCARDI.


  • Albertino

    Invece no, proprio perché sta il PD al governo è giusto che si voti SI altrimenti non avremo nessuno che vigilerà nel palazzo! Questa è l’occasione giusta per far valere il peso politico di bordo a Roma e campo a Bari. Svegliatevi eletti ed elettori Svegliatevi.
    La riforma del titolo V è di fondamentale interesse, io votai a favore all’epoca e ora mi rendo conto che fu un errore. Le regioni spendono male e inutilmente soldi pubblici, inoltre legiferano senza lungimiranza ma per il proprio tornaconto…..quindi??? Bisogna avere il coraggio di cambiare, poi per carità cambieremo anche il premier ma con una nuova legge elettorale che dia stabilità e non ingovernabilità.
    IO VOTO SÌ


  • Vincenzo

    Prof. Magno grazie come sempre , si vede che Lei sa scrivere a differenza di colui il quale ha bisogno di farseli scrivere gli articoli.


  • Diego


  • svolta

    Qui chi vuole indurire l’acqua sono proprio i mistificatori e fiancheggiatori del Rais col tubo del gas in mano….
    Mai un accenno ad un contradditorio, si dice di voler sapere di chi era il proprietario dei suoli venduti a Energas…. dillo se lo sai sig. Nico, altrimenti e mi sembra limpido che se c’è qualcuno che vuole intorbidire le acque questo certamente non è il sig. Magno, il quale a mio modo di vedere dice affermando e scrivendo tutte le cose che sanno di verità e documenta le stesse.
    Non ho mai letto di un fiancheggiatore del Rais e di Energas in merito alle cose dette da Magno.
    Una volta si diceva che prima di parlare di determinate persone ci si doveva fare i gargarismi….. penso proprio che sia il caso che qualcuno provveda, e non solo alla bocca…..


  • cane senza padrone

    Naturalmente NO.
    Odiano il prof..perchè è stato uno dei primi ad informare l’ignara popolazione
    sulla grandissima porcata in “corso d’opera”.


  • Alberto

    Coraggio Professor Magno la parte più sana della città e con te. Tutta Manfredonia ha capito la grande farsa..


  • Lettore curioso

    Chi era il proprietario di quel terreno sig. Nico?


  • Giorgio

    SVOLTA, immensamente id—


  • Distruzione Manfredonia ultimo atto: l'odissea di San Spiriticchio

    Il suddito ideale del regime totalitario non è il nazista convinto o il comunista convinto, ma l’individuo per il quale la distinzione fra realtà e finzione, fra vero e falso non esiste più.

    Hannah Arendt


  • Giggino

    Si Alberto ,la parte sana chi ? La decina della cooperativa MANFREDONIA VECCHIA ? E gli altri 59.000 abitanti ? TUTTI DELINQUENTI ? Caro Albertino hai bisogno urgentemente di una flebo.


  • Maurizio

    Perché Italo Magno, quello che fai tu non è una sceneggiata?

    Dire di votare NO” a Renzi e ai suoi disperati tentativi di prendersi tutto il potere, non vuol dire fare una sceneggiata?

    Si vota sulla costituzione, non su Renzi,
    se sciacallaggi su questo punto, allora probabilmente lo fai anche sul caso energas.


  • svolta

    E ti pareva che parlando del Rais non interveniva il bontempone di Giorgio….lo st….. più st…. di Manfredonia o chi per esso.
    La tua imb.tà non ha confini e tanto meno limiti temporali…. sei nato così e così arriverai alla fine dei tuoi giorni…. , non solo, politici e/o di mantenuto politico.
    Hai tanti di quei nomi che in comune hanno solo una cosa a te unicamente familiare e noto a chi ti legge.


  • Manfredonia agnellino sacrificale della PD da donare ai predatori

    Taluni ipocriti farebbero bene a tacere.


  • Il golfo di Manfredonia da stuprare

    Pagherete a caro prezzo la vostra arroganza e i vostri errori.


  • I lupi affamati si possono combattere!

    Chi ama Manfredonia vota NO!


  • libero cittadino

    Vai italo Magno sei sempre il prode cavaliere senza macchia e senza pudore.Quello che ci mette a conoscenza è tutto vero con testimonianze e documenti alla mano.Purtroppo la verità fa male. Con Gianni Lannes al tuo fianco sarai più forte. Sarà colui che farà cadere molte teste, tutto ciò che tocca Lannes si trasforma da pozzanghera in sorgente limpida ,è tutto dimostrato nei suoi dossier di giornalista investigativo. Spero che il nel mio paese si possa respirare un po di aria pulita e al più presto. NO ENERGAS E NO ALLA COSTITUZIONE.


  • Carnevaledoniagas

    Stupenda analisi.


  • Il guardiano del faro

    NO ALLA RIFORMA IMPARTITA DALLE MULTINAZIONALI!


  • Werari

    Ma non avete capito nulla!!!quel mostro si farà!!!la parola del sindaco vale come lo zero prima della virgola!!ci stanno prendendo in giro!!e tutto fatto!!la destra e la sinistra hanno svenduto il nostro paese!!bordo perché non parla??campo,gatta perché non inistono sulla chiarezza??chi c’era alla regione ai tempi che energas firmò il contratto,anno 1998 credo!!!indagatee!!!hanno mangiato e ora c’è il conto da pagare…peccato che sono i cittadini a farlo!!per la costituzione SPERO SOLO VINCA IL NO!!!ma secondo voi,un presidente non eletto dal popolo,può mai tagliare il posto di lavoro a un suo collega che lo ha aiutato a diventare premier??noooo!!lo sposta solamente!!dalla camera lo trasloca in qualche ufficio importante ma continuerà a prendere il suo abbonante stipendio!!!non facciamoci prendere il giro!!!X nico:parli così perché forse sei ”l’autista del potere”,ma nulla è più forte e dominante come la libertà di chi non è stato aiutato da nessun politico!!aprire gli occhi gente”


  • Asia

    I dieci stalliere di MANFREDONIA VECCHIA, con a capo BRANCALEONE da piazza d’uomo, e L’-svolta, come lo chiama giustamente Giorgio, smanettano a più non posso sulla tastiera, l’unica arma rimasta. Poverini erano partiti in cinquanta e sono arrivati a dieci. La strategia di BRANCALEONE da piazza d’uomo è attaccare, sciacallare il SINDACO.


  • Sasa'

    Nella società’ Sipontina serpeggia un notevole malcontento i mestieranti della politica si illudono ancora non comprendono che cosa cova nell’ animo della gente. La vicenda energas segnerà’ la fine dei politici impantanati sarete il target del popolo sipontino dal 4 dicembre in poi lo vedrete.


  • Pasquino

    Egregio consigliere comunale Magno sapesse quanto grasso di bugia occorre ai nostri politicanti per mettere in moto la macchina della verità. Comunque chi vivrà vedrà perché il tempo è galantuomo. Lei continui per la sua strada senza dare retta a certi lecchini. Saluti


  • Decreto di morte di Manfredonia? Intanto viotiamo NO

    Attenzione sipontini! Apriamo gli Renzi non firmera’ mai alcun atto o decreto contro le multinazionali del petrolio e’ stato messo li a posta per fare il boia del territorio e mare dell’ Italia. Stante li pochezza dei politici sipontini sognavetelo il Decreto antigpl prima del referendum! Fermiamolo/i i folli con un NO! Se perde al referendum gli servirà’ come tremenda lezione politica, se casca ancora meglio! L’unico che potra’ firmare il decreto di clemenza potrebbe essere Di Maio, O forse altri ma non un politico de PD! Il decreto della pena di morte di Manfredonia potrebbe essere firmato dopo il 4 di dicembre. Manfredoniane/i residenti fuori Manfredonia mi raccomando..


  • Nicola

    Che ciarlatano, cerca di confondere la gente, e come tutti i ciarlatani si ritrova sempre con nulla tra le mani. Non capisco perché non da spazio a chi è più giovane e sopratutto più preparato. Mah. Contento lui…


  • Ipocrita 1

    Nico non ci hai ancora risposto


  • indignatissimo e schifato

    Il Pd sipontino è alla frutta uscirà distrutto e poi Mr. Bean manovrato dalle banche e dai petrolieri e re Giorgio si vendicherà sul trittico stupefacente sipontino mandandoli a stappare le gazzose nei covi dei giovani democratici.
    Chi vota SI dona un sorriso plateale anche ad Energas e non rompete la minchia con i pistolotti? Non mi fregate più venditori di fumo avete buttato una città in bocca alla Q8!!


  • Il polpo si cuoce nella sua acqua e con il suo gas.

    Il tempo sarà il miglior giustiere.


  • Loredana

    Sei VANNA MARCHI al maschile.


  • Loredana

    loredana vai a farti una pernaccha da solo, tu , re giorgio dei cocomeri. Nicola il lecchino, giggino il lustra scarpe e tutta la banda del “del si”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati