Capitanata

Cerignola, rapina istituto di credito, 2 arresti (VD)

Di:

Carabinieri, controlli e posti di blocco (archivio)

Lucera – I Carabinieri delle Compagnie di San Severo e Cerignola hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Lucera su richiesta di quella Procura della Repubblica a carico di Fares Matteo e Bellifemina Giuseppe, entrambi 41enni di Cerignola, ritenuti responsabili di rapina aggravata in concorso ai danni di un istituto di credito, con bottino di 11.855 euro.

La mattina del 23 giugno 2011 i due cerignolani, entrambi all’epoca incensurati, in concorso con altri due soggetti in corso di identificazione, perpetrarono una rapina alla filiale della Banca Popolare di Puglia e Basilicata di Apricena. In quella circostanza due malviventi, a volto coperto ed armati di taglierino, fecero irruzione nell’istituto di credito, intimando ai presenti di stendersi a terra. In quei concitati frangenti uno di loro puntò l’arma da taglio alla gola di un impiegato, costringendolo ad aprire la cassa, riporre i contanti in una busta e accompagnare i malviventi all’uscita, ove ad attenderli in una strada laterale, vi erano a bordo di due distinti automezzi proprio Fares e Bellifemmina.

I due, titolari di un tarallificio di Cerignola, si erano creati l’alibi di alcune commesse su Apricena per accompagnare con una Bmw serie 5 ed un furgone del tarallificio, la “batteria” di rapinatori per poi fuggire con il bottino. Le immediate indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Lucera e condotte dai Carabinieri di San Severo hanno permesso di risalire a Fares Matteo e a Bellifemina Giuseppe, proprio attraverso i dati dei veicoli su cui erano stati visti salire i rapinatori.

Un momento della conferenza stampa di Lucera (st@)

I due peraltro, qualche giorno dopo la rapina, sono stati arrestati dai Carabinieri di Cerignola perché nel corso di una perquisizione presso il tarallificio fu trovata nella loro disponibilità una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa, completa di caricatore e cartucce, nonché abbigliamento atto al travisamento nascosto in una delle tante scatole di prodotti da forno. Le responsabilità dei due cerignolani – benché risultate difficili da ricostruire – sono state messe in luce dalle accurate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Lucera che ha diretto i Carabinieri di San Severo nell’espletamento di riscontri incrociati e attività d’intercettazione attraverso le quali è stato possibile delineare l’esatto ruolo ricoperto da entrambi nella consumazione dell’evento delittuoso.

All’esito delle risultanze, connotate da rilevante gravità, la competente Autorità Giudiziaria ha emesso le ordinanze di cattura in forza delle quali i due cerignolani sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Foggia.

Redazione Stato, Ines Macchiarola@riproduzioneriservata

VIDEO



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi