Manfredonia

Lettore; io favorevole ai Pannelli, proteste: a chi giovano?

Di:

IMPIANTO per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile (fotovoltaico) su pensiline ombreggianti da ubicarsi sulle vie Generale Azzarone e Monsignor A.Cesarano (STATO@)

Manfredonia – ANCORA interventi di lettori in seguito all’installazione dei pannelli fotovoltaici in zona Eurospin. Ieri un gruppo di persone si è riunita nell’area per un sit-in di protesta. Ora la nota di un privato favorevole al progetto.

“Buongiorno Direttore,
io ho comprato casa in zona Eurospin e premetto che sono favorevole ai nuovi parcheggi coperti. Personalmente non li ritengo bellissimi, devo ammetterlo, ma di sicuro ne fruirò appena saranno disponibili. Lasciatemelo dire: a me fa comodo poter parcheggiare la mia auto al riparo dal sole con il plus della videosorveglianza”.


“Gli articoli a riguardo che ho letto in questo periodo sono ipercritici ed aggressivi, con due motivi ricorrenti. Il primo è che ‘nessuno vuole i pannelli’ ed il secondo è che ‘non si capisce quale sia l’utilità per il Comune’. ‘I pannelli che nessuno vuole’ è un assunto riportato a più riprese da altra stampa; peccato che il sondaggio indetto dalla stessa stampa dimostri chiaramente che se su 244 votanti al momento in cui scrivo ben il 62% è contro, comunque un buon 38% è a favore. Ora, il 38% di 244 votanti, cioè 93 persone, non possono essere liquidate come ‘nessuno’. Puntualizzato ciò spero che il prossimo articolo che leggerò riporti il titolo: ‘I pannelli che qualcuno vuole e qualcun altro no.’ Di sicuro sarà più rispondente alla realtà.

Relativamente alla presunta mancanza di utilità per il Comune permettetemi una riflessione. Dappertutto l’unica cosa che viene messa in evidenza è che il Comune percepirà la somma di circa mille euro annui. Il primo pensiero che mi passa per la mente è: non è giusto, è poco. Poi però considero che come cittadino di Manfredonia usufruirò di un parcheggio coperto e videosorvegliato e che per tale servizio non pagherò nulla, né direttamente né indirettamente come tasse, anzi risparmierò 80 o 100 euro al mese per un garage o per un box.”


Non so per gli altri ma per me è un risparmio notevole, e come me ne usufruiranno gli altri 92 favorevoli . Poi magari ci saranno altri cittadini che troveranno comodo utilizzare quei parcheggi coperti, sorvegliati e gratuiti, che so, chi va al cimitero, chi fa la spesa, chi va a trovare parenti o conoscenti in zona. Mi chiedo: quanto è costato al Comune il servizio che sta offrendo ai propri cittadini? Nulla. Bè, secondo me in questo caso il Comune ha ottemperato al proprio dovere:ha fornito un servizio ai cittadini senza far spendere nulla né a loro né alle casse comunali. Questa è la pubblica utilità; che poi riceva anche dei soldi va bene, ben venga”. “Ho letto in giro che è una vergogna che il Comune abbia fatto realizzare in un’area a verde delle strutture di quel tipo invece di fare un parco per la cittadinanza. Ebbene, caro Direttore, parafrasando un proverbio le dico che non c’e’ peggior orbo di chi non vuole vedere. Io che ci vedo benissimo mi rendo conto che sono state realizzate sulla strada, anzi sulla parte di strada destinata a parcheggio, mica sul verde, e chi afferma il contrario è qualcuno che mente sapendo di mentire. A tal proposito mi permetta di far notare una cosa simpatica: proprio sull’ultima edizione di un giornale a distribuzione gratuita della nostra Città c’e’ l’ennesimo articolo a sfavore delle pensiline. Pare che non siano ‘pensiline volte a coprire un’area a parcheggio‘ ma c’è qualcos’altro”. “Bene, in ultima pagina della stessa edizione ho avuto il piacere di leggere che sono iniziati i lavori per la realizzazione di un parco pubblico in zona Gozzini, in via Mons Cesarano. La cosa che mi ha fatto sorridere è che dal progetto riportato in coda all’articolo si vede chiaramente che il lato opposto di via Cesarano, proprio dove sono state realizzate parte delle pensiline, è zona prevista e considerata a parcheggio anche dai tecnici progettisti del Comune, tanto che hanno disegnato tante macchinine ordinatamente parcheggiate a spina di pesce. Ora mi chiedo: ma non è che lì sono state realizzate delle pensiline a copertura di una zona destinata a parcheggio? Non per dire, ma se così fosse l’unico modo per definirle è: “pensiline volte a coprire un’area a parcheggio”, mica qualcos’altro. Vedo sempre dal progetto che sul lato destro, a servizio del costruendo parco, è previsto un parcheggio scoperto. Mi viene di suggerire ai tecnici comunali di risparmiare quei soldi dato che dall’altro lato della strada è già presente un parcheggio coperto e video sorvegliato che non è costato nulla al Comune. Come futuro utente del parco io non avrei dubbi, lascerei la mia auto al coperto ed al sicuro invece di farla cuocere al sole”.


“Direttore, ho letto in un commento di un lettore ad un precedente articolo del suo giornale che una volta ultimati i lavori le strutture saranno soggette ad IMU con versamento annuale della relativa tassa. Quindi il Comune oltre a non aver speso una lira per realizzare le pensiline ed oltre al canone(basso) annuale percepirà altri soldi. Sempre nello stesso intervento leggo che allo scadere della convenzione il Comune, se lo vorrà, potrà richiedere la proprietà delle strutture usufruendo quindi del flusso di denaro derivante dalla vendita dell’energia prodotta. Chi ha scritto l’intervento afferma che ci sarà ancora una produzione pari a circa il 70%. A me la cosa è sembrata interessante e mi sono documentato un po’ su internet. Mi sono stupito leggendo che prove di laboratorio hanno stimato la vita utile di un pannello in circa 80 anni. Ora, senza ambire a tanto, penso che ragionevolmente ci si possa attendere ancora 15/20 anni di produzione di energia pulita. Considerato un decadimento annuo della produzione dell’ 1 % dopo vent’anni il Comune avrà pannelli che produrranno all’ 80 % per altri venti anni, il che vuol dire un flusso soldi che non so quantificare ma che di sicuro sarà notevole, specialmente considerando sempre che sarà “aggratis”, una entrata in più costata nulla come investimento”.


“Queste mi sembrano cose molto importanti che però ho dovuto leggere per caso in un commento di un lettore. Direttore, la domanda nasce spontanea: come mai questi dati di fatto non sono mai stati riportati in alcuno degli articoli contro quei parcheggi coperti? Chi ha interesse a non raccontare le cose in modo completo ed oggettivo fornendo al lettore una visione distorta in quanto incompleta della vicenda? Come mai c’è chi con articoli a raffica tiene alta la tensione su di una questione che forse, raccontata in maniera completa ed obbiettiva, avrebbe una portata più modesta?
La mia impressione è che qualcuno possa avere a cuore non l’interesse della collettività ma il proprio, in quanto residente a pochi metri dalle strutture, e che a tal fine utilizzi in maniera troppo personale un mezzo giornalistico cui magari ha accesso. La domanda che mi pongo, Direttore, è, come dicevano i
latini: cui prodest? A chi giova?“.


Un cittadino


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Photogallery

Photogallery



Vota questo articolo:
49

Commenti


  • Indignata

    MI DISPIACE DISTRUGGERE I TUOI SOGNI DI PARCHEGGI LIBERI…MA L’EX ASSESSORE CHE HA PERMESSO C’HO HA AFFERMATA IL MESE SCORSO CHE I PARCHEGGI SARANNO DATI IN CONCESSIONE…OVVERO SARANNO A PAGAMENTO!!!!!


  • Urbans

    Per di più noi abbiamo il Pug che prevede per queste grandi opere una valutazione di impatto ambientale!!!


  • Ciro M.

    Non sono convinto che il parcheggio sarà gratuito. Nel contratto compare:

    ” OMISSIS
    Lo stesso comune fruirà della copertura dei parcheggi (che se realizzata in proprio comporterebbe un ammortamento di circa €100.000,00 annui) e che potrebbe riflettersi in un maggiore introito per l’Amministrazione qualora quest’ultima riterrà concedere a terzi
    l’uso degli stessi beni.
    ..
    OMISSIS “


  • pino

    che bel discorso degno di un politico
    perche’ non ti candidi .


  • Dino

    Caro “un cittadino”,la sua è una giusta opinione e va rispettata essendo per fortuna ancora in un paese democratico ed ognuno esprime le sue idee.Le dico subito che ieri sera ero uno dei pochi(per ora,spero) a testimoniare la contrarietà a questo SCEMPIO.Io come altri non siamo contro il fotovoltaico e le altre fonti di energie alternative,
    semmai il problema è un altro(e lo ammette pure lei)e cioè perchè un impianto del genere(brutto ed antiestetico sicuramente, in città?Lei abita da quelle parti e sicuramente in case nuove,credo.Ha i pannelli solari sul tetto?Le ultimissime costruzioni ne hanno?Le scuole,gli edifici pubblici? Sui parcheggi gratis ed al coperto non mi pronuncio.Vorrei solo invitarla a riflettere sulle ragioni di chi si oppone senza interessi nascosti ma per la bellezza dei territori,per la difesa e valorizzazione del paesaggio anche in questa disgraziata città. Grazie e saluti


  • Mah....

    Questa vicenda nn interessa solo i proprietari delle villette milionarie che sorgono nella zona,infatti nn mi può fregar di meno che si possano svalutare , secondo loro, ma invece PRETENDO ,premettendo di essere favorevole al fotovoltaico, di sapere con assoluta certezza che questi pannelli nn inquinano di tutto il resto sono solo chiacchiere grazie


  • giovanni

    Mi rivolgo ai gestori del sito Manfredonia news e chiedo(visto che il mio stesso commento su quel sito è sparito): “scusate ma potete spiegare ai lettori come mai mentre vi scagliate come portale di informazione contro i pannelli fotovoltaici realizzati dalla società Volta s.r.l. di Manfredonia, in alto a destra della vostra pagina pubblicizzate la società ————————-Alla medesima società dedicate anche un ampio spazio sul vostro giornale cartaceo…
    la Società guarda caso fa le stesse cose che poi sono state affidate alla Volta s.r.l.: (direttamente dal sito) “I rami sinora sviluppati sono quello del solare termico, energia fotovoltaica, cogenerazione e illuminazione stradale ad energia solare. Svariabili sono le applicazioni: tra quelle di maggior rilievo citiamo le strutture ricettive (produzione di acqua calda con solare termico, garanzia 15 anni Solahart) e aziende di vario genere (produzione di energia elettrica fotovoltaica con l’incentivazione del conto energia).”… insomma fanno pannelli fotovoltaici anche loro!!!!
    Qualcuno molto superficialmente direbbe : meglio che lavorano i manfredoniani … quanti dell’opposizione si sono accorti di questo?”


  • 1 che abita nei pressi

    Si i pargheggi per il nuovo centro commerciale che sarà costruito nel cimitero, centro commercaile “Il cimitero” ma fatemi il favore e togliete quell’offesa alla città!


  • angela

    Fai parte della società?


  • giovanni

    no sono Giovanni T. e sono un cittadino attento a non farsi pigliare per i fondelli.


  • Salvatore CLEMENTE

    Anch’io non sono contrario a quel campo fotovoltaico. In particolare:
    non condivido le preoccupazioni sulla variazione micro-climatica perché l’area è troppo poco estesa.
    Inverter e cabine sono lontani dalle abitazioni. Il campo elettromagnetico che generano, decade a pochissimi metri di distanza, dunque non interessa le abitazioni.
    Sulla perdita di sostanze dannose, è un evento che può verificarsi. Tuttavia sono perdite rare, accidentali e localizzate di un quantitativo pressoché trascurabile di metalli pesanti o di altri composti velenosi. E’ più elevata la possibilità che un auto in transito rilasci gli stessi materiali dalla sua batteria piuttosto che da altre parti meccaniche.
    Tuttavia concordo che, seppure minima, la possibilità esiste ed andrebbero effettuati accurati controlli periodici, con risultati da comunicare anche al comitato sorto spontaneamente.
    Sull’impatto estetico sono d’accordo ad una piccolissima percentuale con il comitato per diversi motivi.
    1) pur di avere energia pulita, è mia personale posizione quella di tollerare l’estetica non proprio accattivante del fotovoltaico
    2) siamo circondati da centri commericali e mostri di ogni sorta (pali luminosi, tralicci, cavi sospesi, insegne pubblicitarie). Sebbene quello che voglia dimostrare sia opinabile, ritengo che gran parte dell’impatto estetico derivi da nostre personali impressioni che, a loro volta, derivano dall’adeguamento al sentimento di massa. Mi spiego: i mulini a vento sono un impatto estetico che si potrebbe giudicare positivo o negativo. In un contesto, sono addirittura divenuti il simbolo di un paese. Da noi le pale eoliche sono viste come mostri.
    3) con il dovuto rispetto, la visuale rovinata dal parco fotovoltaico è quella del cimitero.

    A livello funzionale nulla è cambiato perchè l’illuminazione pubblica è stata adeguata, gli alberi piantati altrove.
    Ci sarà un mega parcheggio coperto i cui effetti virtuosi si percepiranno in estate.
    Il viale sarà ombreggiato da metà mattina a tutto il pomeriggio.
    Ci sarà la possibilità di parcheggiare in zona videosorvegliata h24.

    Concordo però con il comitato sulla verifica del rispetto cimiteriale, lì non entrano giudizi estetici e di merito ma mere questioni amministrative.
    Concordo anche con il comitato che il Comune poteva negoziare una royalty più elevata oppure, meglio ancora, spingere per una sorta di indennizzo indiretto, come la costruzione di un campo da gioco per i bambini od altro.

    Concludo ribadendo che apprezzo lo spirito del comitato. Spero davvero di percepire sempre meno lo spirito tipicamente sipontino che consiste nel porsi con laconici lamenti senza tuttavia mai attivarsi.
    In effetti il comitato sta portando avanti un ideale che, sebbene io condivida solo in minima parte, merita comunque di essere ascoltato. E gli “attivisti” del comitato meritano rispetto per l’impegno che ci mettono.


  • Anonimo

    Bravo DINO,al tuo discorso aggiungerei solo la parte economica ke spetterebbe al comune: POSSIBILE CHE TUTTO QUELLO SPAZIO,COSTERÁ ALLA DITTA VOLTA,SOLAMENTE DALLE 600 ALLE 1000 EURO ANNUALI??? Ma scherziamo??? Parliamo si uno SCEMPIO BRUTTO E SENZA MARGINI DI GUADAGNO X LA CITTADINANZA…a guadagnarci solamente la DITTA VOLTA e kissà……..


  • matteo

    Caro pino credo che sarà il direttore dell’altra testata a candidarsi. Per prendere poi i voti delle 15 persone presenti ieri sera con i lumini del cimitero accesi. compresi figli fratelli e cognati. Certamente non è il massimo della bellezza. Nessuno si rende davvero conto che il comune per il solo fatto di aver dato in uso la colonna d’aria e non la superficie come ha fatto per lavaggi auto, chioschi giornali e bar percepirà somme ulteriori : canone, IMU (ovviamente tassa calcolata su un valore molto alto come quello dei moduli e non di una baracca di ferro qualsiasi). Altro che fessi. Questi, i conti li sanno fare benissimo. se è vero come dice indignata che incasseranno con una concessione , con una operazione a saldo zero il comune introiterà diversi bei soldini, grazie ai fessi che hanno investito a manfredonia. Ho letto anche io del parco che si deve realizzare accanto ai parcheggi di via cesarano, penso che molti genitori e cittadini saranno ben contenti di parcheggiare le loro auto al coperto e non al sole come ha previsto il comune nell’area a sud vicino alla rotatoria. comunque per quelli che abitano in quella zona gli si deve ricordare che più infrastrutture ci sono e più si rivaluta l’area. Certo poi molti di quelli che hanno comprato gli appartamenti nel palazzo sopra l’eurospin, lo hanno fatto proprio per la vista cimitero eccezionale.


  • Redazione

    Grazie Salvatore per l’intervento articolato e democraticamente aperto a tutti; con stima; G.de Filippo; Red.Stato


  • Redazione

    Moderazione nei riferimenti diretti; grazie; Red.Stato


  • Katy

    Sono d’accordo con quanto riportato nell’articolo. Certo non sono belli ma servono, certo il comune non prende grosse somme ma li ha risparmiate.
    Aggiungo di essere transitata per verificare l’affluenza alla “fiaccolata” organizzata dal comitato e pubblicizzata da una testata giornalistica locale (gestita da un giornalista che casualmente abita proprio là).
    Mi sembra che potesse svolgersi anche in una multipla visto che era composta da 10 persone compresi i bambini


  • giovanni

    redazione non dovevo citare i soggetti che ho citato?


  • Redazione

    Giovanni potete citare chi volete, come sempre, da sempre, ma moderazione nelle affermazioni; il messaggio è diretto a tutti verso tutti; spazio aperto con moderazione; un abbraccio; Red.Stato


  • Avvocato di strada

    X giovanni è davvero scocchiante la critica mossa al giornale, ovvero che il giornale sponsorizza la ditta che ha posato i pannelli incriminati. La ditta non centra niente, i responsabili sono i committenti dei lavori e del materiale e non la ditta. Quindi la tua osservazione è davvero fuori luogo.


  • giovanni

    pensate che ho fatto affermazioni offensive? se si allora vi autorizzo a cancellarle…


  • Redazione

    Giovanni ha riportato un dato di fatto, documentabile; in questo caso è diritto di cronaca; i colleghi di Manfredonianews.it, nel rispetto della direzione della stessa testata, già contattati con mail ufficiale, potranno replicare nell’ottica del dibattito democratico e basato sui fatti; non si preoccupi; per tutti, moderazione, come sempre chiediamo a tutti i nostri lettori; grazie a voi; Red.Stato


  • giovanni

    caro coordinatore del comitato sono un operaio che lavora presso una delle ditte private sugli impianti in questione. beato te che sei un dipendente pubblico di lusso visto che anche tu vivi nella zona dei nuovi ricchi di manfredonia. Va fatije!!!!!!


  • luca

    ma che plutonio o radiazioni a me sembrano dei moduli in normalissimo silicio policristallino da quattro soldi, non sono mica al film sottile al cadmio o simili, ma chi dice ste fesserie se ne rende conto?


  • matteo

    Chi sono questi nuovi ricchi??? dopo il quartiere Dallas a Manfredonia abbiamo la Gozzini legge urbanistica per recuperare volumetria da destinare agli alloggi dei militari e utilizzata come cavallo di troia dai palazzinari locali per realizzare anche edilizia privata ( ove volumetria non c’era) come le ditte che hanno venduto immobili a botte di migliaia di euro solo a chi ricco e se lo poteva permettere. villette a schiera su tre piani. addiritura si vocifera qual —— —che ha speculato su quei terreni a fichi d’india. poveri fessi i cittadini manfredoniani


  • Vito Moscarda

    Vi invito a riflettere che il silicio utilizzato nelle lavorazioni del vetro vedi Manfredonia-Vetro o quello usato per i pannelli fotovoltaici a la stesso —– —- (IL DATO VA SUPPORTATO CON ELEMENTI COMPROVATI, INVIARE NOTA A : segreteria@statoquotidiano.it) meditate amici…medidate.


  • Vito Moscarda


  • zeppola

    x Avvocato di strada: scusami ma secondo me non ha capito bene… giovanni non ha detto che manfredonianews sponsorizza la ditta che ha messo i pannelli, anzi il contrario…


  • Redazione

    Grazie sig. Vito, gentilissimo; Red.Stato


  • matteo

    riscontro proprio adesso da alcune foto messe su un’altra testata internet diretta da uno dei sodali del comitato gozzini e residente delle villette VIP che c’erano 20 ceri accesi. quattro gatti. avevano ragione gli altri lettori che sono stati offesi da un partecipante al sit – in, per aver segnalato questa intrapresa familiare con il motto di totò: armiamoci e combattete.


  • Dino

    Per tutti/e quelli che sono d’accordo su questo bel impianto MODERNO e che ci garantisce parcheggio gratis e all’ombra.Bene facciamoli in tutti i quartieri,magari iniziando dall’Acqua di Cristo,sul lungomare verso Siponto,etc.”Quattro gatti e 20 ceri”servono a dire NO anche per gli”amanti del nuovo” ma Brutto e far aumentare il PIL della miseria.


  • dario

    Caro Dino il problema in questione è stato impostato male da voi fin dall’inizio. Premesso che poteva essere pensato forse un po meglio, anche con l’aggiunta di un po di verde in più, il sito in questione non è oggetto di nessun vincolo posto a tutale di un bene paesaggistico, naturalistico, storico archeologico o altro. E’ sono in prossimità delle casette a schiera dei giornalisti e dei VIP ricchi manfredoniani e basta !!!!!. Utilizzate il termine impatto paesaggistico e ambientale senza saperne neanche il significato , l’importante è fare chiasso perche per voi è giusto così. I fessi vi devono venire dietro. Bha!!! non credo sia corretto da parte vostra. Oltre che alcuni dei vostri hanno dimostrato di essere molto maleducati nel rispondere al lettori su altro sito.


  • giovanni

    prendo atto che la redazione manfredonianews non ha risposto alla mia domanda; avevo chiesto come mai loro attaccano il fotovoltaico in zona eurospin, realizzato da una ditta di manfredonia e poi pubblicizzano sul proprio sito e sul proprio giornale cartaceo una ditta di san giovanni rotondo che fa la stessa cosa… siete o no contro il fotovoltaico? oppure siete contro la società Volta srl che ha realizzato quel fotovoltaico?? ora si sono inventati che vogliono incontrare la società, ma queste domande vi pesano comunque, perchè avete posto dei dubbi anche sulla procedura di affidamento del suolo alla medesima srl


  • Dino

    Carissimo Dario,io parlo e scrivo a titolo personale.Sono per un’altra Italia e quindi anche di un’altra Manfredonia.A me non piacciono quei pannelli in quel luogo ,etc.Abitano i vip in quella zona?Poveri Vip sono ridotti proprio male.Ciao


  • Predicone

    Il problema non e’ se e’ giusto o meno ma se il tutto sia legale. Io penso che ci potrebbero essere sviluppi importanti se si attivasse la procura! Mi chiedo e se formiamo una società e chiedessimo l’autorizzazione a installare pannelli sul lungomare pagando mille euro all’anno al comune?! Sai quanti bei parcheggi all’ombra, specie in estate quando il sole brucia!? Ma per favore!!


  • Renzo

    Siete in grado di dire cavolate per un mancia di euro. Si evince come questo articolo sia stato fatto pubblicare da qualcuno che ha interesse nei la pannelli…. È così palese!!! Vergognatevi soltanto. Siete il cancro di questa maledetta città


  • matteo

    strano Renzo ha risposto con lo stesso tono “vergognatevi…. cancro” e parole del sig Luca che ha insultato la sig.ra Lucia oggi sull’altro sito


  • Lettore attento

    Forse a qualcuno non è chiaro che ci troviamo di fronte ad un PARCO FOTOVOLTAICO ,(installato per lo più in un area di rispetto cimiteriale -è stato verificato ?) come asserisce lo stesso Sindaco e non a pensiline ombreggianti , come furbescamente sono state chiamate dalla Società e da qualcuno che non ha visto o non ha voluto vedere.
    Poi si può discutere di tutto, nel rispetto delle regole e della buona educazione.


  • giacomo

    Comunque tutta questa vicenda sta prendendo dei toni assurdi se sei contro i pannelli viene elogiato e innalzato a tutore del mondo buono , se poco poco sei a favore vieni denigrato offeso e preso per decelebrato dal manipolo di piccoli fans della gozzini. Altro che toni pacati per un “confronto civile”.


  • luca

    a lettore attento, forse in realtà non sai che ormai nel centro delle citta Roma, Napoli, sono stati realizzati grandi impianti sui tetti dei palazzi per svariati mw (cioè veri parchi)vedi cecchignola Roma 2 mw, oltre ai tanti impianti privati (vedete i dati del gse). La normativa italiana nel tempo ha escluso il collocamento di detti impianti dalle aree agricole , e ti ricordo considerati dalla legge “di pubblico interesse” (forse questo sfugge a tutti) e favorito la collocazione di questi in aree già antropizzate, o meglio ancora se inserite nei cosidette strutture integrate. Ovvio impianti fotovoltaici sempre sono ma aventi anche finalità diversa rispetto al campo in area agricola, oltre che a generare redditi per la pubblica amministrazione e non ad un singolo privato che affitta i terreni. Ma tutto ciò non serve a niente . vero???? tutto è sbaglato vale solo quello che dite voi ………..


  • Urbans

    a luca giustissimo quello fatto alla cecchignola a roma SUI TETTI!!! e non in zone che sono riservate a verde pubblico…il problema vero e che è stata fatta una cosa assai ——- amministrazione…dietro c’e molto —-e ormai si capisce..


  • Lettore attento

    Egr. Luca
    Non credo che qualcuno abbia sollevato obiezzioni ai pannelli che la stessa società ha realizzato nella zona industriale – stesse strutture.( Lasciamo stare la royalty per il comune che è un’altra questione )
    Il problema vero è che ci troviamo di fronte ad un parco fotovoltaico che riteniamo non poteva essere realizzato nella fascia cimiteriale . (Aspettiamo sempre le virifiche e la loro compatibilità con il sito )-
    Poi sfugge , forse , senza andare a Roma o Milano che sui lastici solari degli immobili di manfredonia sono installazti impoianti fotofoltaici di privati e che sulle scuole di manfredonia sono installati impianti fotovoltaici con unico beneficiario il comune , ergo , i cittadini di manfredonia .
    Saluti


  • Colombina

    Io, residente e proprietaria di una villetta sita in zona Gozzini, quartiere invidiato da numerosissimi concittadini ,vi assicuro che avrei lottato alla stessa maniera anche se questo mostruoso scempio, chiamato parco fotovoltaico, lo avessero fatto nel quartiere Croce, Monticchio, Acqua di Cristo, stazione, Siponto e via dicendo….
    Questo l’avrei fatto io, io che amo la mia città e che per essa lotto e mi ribello.
    Mi chiedo dove sia il vostro senso civico!
    Ma cosa insegnate ai vostri figli? Quali valori trasmettete loro?……..l’invidia non ha mai fatto crescere nessuno e i vostri figli, poverini, avranno un cervello ancora più piccolo e inutile del vostro!!!!
    Evviva la mia città!
    Evviva la Manfredonia libera dai mostri sia umani come voi sia da impianti di questa mole nel pieno centro.
    Evviva la mia città e tutti i miei concittadini lottatori che seppur pochi….non si fermeranno!!!!!
    Ciao popolino


  • luca

    Vedo che i vostri intenti VI accecano gli occhi dai fatti obbiettivi, gli ombreggianti risultano essere stati realizzati (come da vs foto) sulle aree dei parcheggi esistenti E NON SUL VERDE PUBBLICO, come cercate sempre di far passare la cosa; questo vale per via cesarano, via azzarone e per il parcheggio interno, ripeto su aree asfaltate esistenti, lo si rileva anche da una piantina pubblicata dell’area parco accanto a via cesarano di prossima costruzione. MENTIRE NON E’ CORRETTO. Ancora su questa distanza cimiteriale, ragazzi ma veramente i tecnici comunali non hanno fatto un cavolo, e va bene l’aspetto estetico E NON PAESAGGISTICO o AMBIENTALE come volete fare SEMPRE PASSARE (AVETE STUFATO !!!!!), ma neanche le distanze ?????. su altro sito questa questione è stata apertamente dibattuta e il tecnici iternauti come noi , hanno già sentenziato che (legge alla mano, anzi linkata) non viene violata nessuna NORMA. Orbene rimane l’unica questione a voi a cuore, l’aspetto estetico che però NON tiene in considerazione l’aspetto della utilità per cui è stata realizzata a COSTO ZERO PER LA COMUNITA’ che ne usufruirà (NON SOLO VOI).


  • GLauriola

    Per l’autore dell’articolo
    Caro cittadino compratore di casa in zona eurospin
    Bhe é chiaro che hai detto bugie sulla tua presentazione.
    Infatti l’articolo é molto tecnico e dettagliato, ma è sono inserite informazioni precise da parte di una persona che conosce il progetto quindi io penso che o fai parte della società o sei qualche tecnico che ha predisposto il progetto.
    Peggio ancora se fossi qualcuno vicino a qualche politico.
    E non c’è da meravigliarsi se così fosse.
    Chi lo sa
    Sta di vero che se come tanti auspicano ci fosse un intervento della magistratura chissà cosa potrebbe venire fuori.
    Magari si potrebbe scoprire il famoso vaso di pandora e far emergere magari allacci strani tra alcuni politici e alcuni imprenditori.
    Non lo sappiamo.
    Per il momento ci limitiamo ad osservare una situazione dove i cittadini e l’amministrazione hanno ricevuto poco in relazione ad aree pubbliche concesse ad imprese private.
    E sempre le stesse, ma guarda caso


  • dario

    Cara sig.ra colombina, solo chiacchiere e distintivo, se fosse vero quello che le dice io non vivrei in un posto orribile come questo. lei è una ricca VIP oltre che snob, che vuole fare fessi gli altri. vada a diro a quelli che abitano nelle prossimità dei varchi del muro di cinta storico della citta, vere latrine con siringhe usate dai tossici. vada a diro ai disoccupati presi per i fondelli dai vari contratti d’area, vada a dirlo quelli di siponto con l’ecomostro chiamato porto turistico, vada a dirlo alle strade di manfredonia completamente sbondate, va dirlo agli agricoltori accanto all’inceneritore (altro che rinnovabili), ecc. Ciao popolino


  • roberto

    CHIEDO A CHI DI COMPETENZA , CHE CI LEGGE , DI VERIFICARE SE E’ STATO CONCESSO L’OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO AL ————— GOZZINI SUL MARCIAPIEDE DI VIA CESARAN, CON CERI E TELI.


  • Colombina

    Caro sig. Dario, mi scusi tanto ma non ho capito chi io vorrei fare fesso!!! Non sono né ricca, né snob e neanche vip. Sono una comune cittadina, che lavora e paga le tasse e che non vuole altri scempi e brutture nella propria città. Mi pare che sia quello il punto: no al parco fotovoltaico nel centro cittadino. Poi so bene che Manfredonia é piena di problemi. Io faccio la mia parte, insignificante che sia, ma certo non me ne sto zitta zitta a guardare e giudicare male come fa lei è quelli come lei.
    Si all’energia alternativa ma no ad uno scempio come questo !!!!


  • Grazie Stato Quotidiano

    Il paesaggio della zona dell’Eurospin
    di colpo è divenuto inguardabile, una muraglia grigiastra, uno spettacolo algido e anonimo. Togliete que pannelli e spostateli nella zona del mercato della Scalora. Poichè non c’è copertura metteteli li, addebitando le spese a chi ha firmato quel progetto.


  • Urbans

    Purtroppo le verità non possono essere dette in dei commenti moderati..ed è giusto così perchè senno scoppierebbe una rivolta cittadina, ma voglio far capire alle amministrazioni passate presenti e future, che i manfredoniani non vogliono più farsi prendere in giro…ci avete stufato!!!!per Grazie stato quotidiano..la sua è una gran bella idea..li si che servirebbero delle coperture!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi