Manfredonia

Pesca rossetto; Angelillis: vendita bloccata? Stiamo risolvendo

Di:

"Valorizzazione dei Rossetti di Camogli (archivio, mondodelgusto.it@)"

Roma/Manfredonia – “VENDITA del rossetto? Stiamo risolvendo. Ricordo che sono stati pescati 25-30 kg per 4/5 barche uscite in mare (sulle 30 con permesso, a fine maggio 2010: 160 le imbarcazioni che praticavano questo tipo di pesca a Manfredonia, ndr). Il pescato è stato messo nelle celle frigorifere del Mercato Ittico. L’O.P. provvederà ai pagamenti. Ma ripeto: si tratta di una sola uscita in mare e, soprattutto, la mancata delucidazione del Ministero sulla commercializzazione sarà presto risolta. Io e il sindaco Riccardi siamo andati personalmente a Roma per una risoluzione del problema e nonostante la mancanza di addetti ministeriali (per recenti vicissitudini giudiziarie,ndr) abbiamo fatti passi avanti. La senatrice Colomba Mongiello segue in tempo reale l’evolversi della vicenda”. Lo dice l’assessore alle attività produttive del Comune Antonio Angelillis, contattato da Stato dopo proteste da operatori del compartimento marittimo di Manfredonia, relative alla partenza della pesca sperimentale del rossetto.


La protesta.
Il pescato – dopo l’uscita di domenica sera, 20 gennaio – è infatti rimasto fermo nel mercato ittico perchè non vendibile in quanto frutto di una pesca sperimentale. Come segnalato da un lettore, “i pescatori hanno sostenuto di non essere stati correttamente informati”.


La proroga.
Come riferito, dopo numerosi appelli istituzionali, la
Direzione Generale della Pesca Marittima del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha concesso una ulteriore proroga fino alla fine di aprile prossimo, della campagna di pesca scientifica del rossetto nel compartimento marittimo di Manfredonia. Il provvedimento comporta anche la prosecuzione delle formazione del personale marittimo interessato. La pesca autorizzata è quella effettuata con i sistemi sciabica e circuizione senza chiusura.


Assessore Angelillis

L'assessore alle attività produttive del Comune di Manfredonia T.Angelillis (St)

“E’ un provvedimento che oltre a riattivare un settore penalizzato da una serie senza fine di difficoltà, restituisce la necessaria fiducia ad una categoria che ha recepito le nuove metodologie disposte dalla UE e le ha adottate nella convinzione di dare un valido contributo alla sostenibilità della pesca nel Golfo”, aveva rilevato il sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi che aveva sostenuto la richiesta di proroga assieme all’assessore alla Pesca Antonio Angelillis, agli operatori del settore guidati da Nunzio Stoppiello. Una richiesta che ha incontrato la disponibilità del Ministro Catania presso il quale è stata sostenuta dall’assessore regionale Stefano, dalla onorevole Mongiello, dal consigliere regionale Ognissanti.

La pesca del rossetto è ripresa dunque immediatamente.” A praticarla trenta barche a rotazione attinte da un elenco di centro barche autorizzate a tale tipo di pesca”. “La limitata partecipazione di pescherecci è conseguenza – come spiegato dal Ministero – alla definizione di pesca scientifica data alla pesca del rossetto, intesa come attività diretta a scopi di studio, ricerca, sperimentazione e raccolta dati. Tale pesca è svolta in linea di continuità e cura del Consorzio per il Centro Interuniversitario di Biologia Marina ed Ecologia applicata di Livorno”.

“Le risultanze raccolte nel corso della campagna di pesca scientifica, serviranno per le necessarie indicazioni circa lo stato della risorsa, e utili indicazioni per la definizione degli aspetti socio-economici riconducibili alle imprese di pesca interessate e ai lavoratori addetti. Dati e informazioni che unitamente a quelli già ricavati dalla precedenti campagne di pesca scientifica, saranno utilizzati a supporto del redigendo Piano di gestione della pesca”.


Qui pescatori.
Tutto bene, ma con un particolare, i pescatori insorgono con Stato: “ma senza reddito, senza vendita del pescato, cosa usciamo a fare in mare? Già abbiamo i nostri problemi, in qualche caso devono ancora provvedere al pagamento del fermo biologico del 2009, forse perderemo 3 mesi di Cigs, ora il blocco per la vendita”.

L’assessore Angelillis: stiamo risolvendo. “Il pescato di domenica, circa 120 kg da 4 barche, è stato deposto nelle celle frigorifere. L’Op provvederà ai pagamenti. Questo prodotto sarà comunque utile nell’ambito dei dati di raccolta per la ricerca scientifica. Per la commercializzazione si è trattato forse di una mancanza di chiarezza da parte del Ministero di competenza. Siamo costantemente in contatto con Roma, in primis la senatrice Colomba Mongiello. Bisogna soltanto aspettare. Siamo impegnati in prima linea. Chiediamo ai pescatori di avere fiducia e ancora un pò di pazienza”.


g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
35

Commenti


  • angelo

    se tu il problema ——


  • pescatore xxl

    Moriremo di fame,nunzio angelillis mongiello sindaco quante chiacchiere.


  • pescatore xxl

    Esorterei i miei compagni a fare noi qualcosa per noi stessi,perchè se aspettiamo il panarello dal cielo da questi personaggi avoglia.


  • mozzo

    Sono tutte chiacchiere…….fino ad oggi nessuno è autorizzato a fare questa pesca e anche se veramente arriverá questa proroga sará solo ai fini scientifici pertanto il pescato non potrá essere venduto……..allora è meglio continuare a fare la normale pesca a strascico senza illuderci di niente……andremmo a rischiare per niente


  • pescatore giovane

    oltre tutti si ringraziano vivamente,tutte le federazioni che in questi anni(2013 compreso),HANNO —-,mettendo tutti a tacere, i soldi stanziati dalla comunita europea di bruxelles, destinati ai pescherecci che in questi anni hanno subito questo disagio..


  • pescatore

    sono tutte falsita ci stanno solo a prendere per i——-


  • STANCO

    STANCO DELLE SOLITE CHIACCHIERE “POLITICHESI”…IN QUESTO PERIODO PROMETTONO MARI E MONTI… LA VERITA’ E’ CHE NON CI SARA’ NESSUNA DEROGA PERCHE’ LA PESCA E’ SOLO PER SCOPI SCENTIFICI COME GIA’ ATTUATO DA ALTRI COMPARTIMENTI TRE ANNI FA… QUINDI… SE TUTTO ANDRA’ BENE… FORSE TRA TRE O QUATTRO ANNI CI SARA’ L’AUTORIZZAZIONE ALLA VENDITA… DIFFIDATE DA TUTTI QUESTI CHE SI RIEMPIONO LA BOCCA…


  • GINO

    Io ringrazierei il Sindaco l’ass Angelillis , Nunzio Stoppiello e chi merita! Non e certo colpa loro e ne nostra se l’europa vuole eliminare la categoria . E vero si poteva fare “e si deve fare” qualcosa di piu forte se non ci vengono incontro. Me la prenderei piu con la guardia costiera che invece di mostrare attenzione e preoccupazione per i pescatori stanno facendo passare la categoria come bracconieri , siamo in un forte disagio economico a cause di leggi ingiuste e troppo restrittive per il nostro compartimento , e ci troviamo difronte a una capitaneria così indifferente e a volte spietata!! Vergognatevi !!!! E non nascondetevi dietro il “Facciamo il nostro dovere” O la colpa e di Bruxelles !! E pensare che molti di loro sono figli di pescatori!!!


  • GINO

    E poco per i nostri problemi , ma e un piccolo passo avanti speriamo che sia il primo, Manfredonia ha bisogno sopratutto della pesca del bianchetto!! Non dimentichiamolo!!! Perche caro comm della Cp. Quello una volta che cresce viene chiamato “immondizia”. Altrimenti noi ok lo facciamo crescere e poi vediamo chi lo compra!! Sono pesci non sigarette,alcool o droga!!!! E noi siamo lavoratori che non vogliono altro che lavorare e non disoccupazione !’! Abbiamo investito tutto e ce lo hanno tolto!! Per 50anni in bianchetto e stata una prelibatezza,e ora perche Ue …….. Mettevi la mano sulla coscienza se ce la vete ancora!!!!!!!!!!!!!!


  • Redazione

    Per tutti i pescatori, gli operatori del compartimento ittico di Manfredonia; a disposizione per vostre note, problematiche, esigenze, proteste: segreteria@statoquotidiano.it; grazie, Red.Stato


  • rosa

    ma si…che razza di comandante abbiamo! Non ci lascia strascicare in corso manfredi…e si che saremmo un’attrazione turistica! O con le maglie di 5 mm per pescare anche l’anima dell’ultimo merluzzo pescato ieri! E poi ci meravigliamo se bruxelles ci castiga…mi sorprende che non ci combatta con le armi chimiche! Sono stati emanati dei regolamenti europei sbagliati, pessimi per la pesca locale. E a quelli che bisogna opporsi non alle autorità che hanno l’ordine di far rispettare le leggi! E non con gli scioperi: sono superati, sortiscono l’unico effetto di peggiorare la nostra situazione finanziaria; ma con delle proposte concrete avanzate dai PESCATORI… se ancora ce ne sono. La colpa non è solo di bruxelles, al ministero europeo della pesca sono state inviate per anni delle informazioni che hanno portato a questi risultati e non potete immaginare chi c’era come referente per l’Italia! Leggete: “Monti arrivò a Bruxelles con Emma Bonino «“Les italiens”, li guardavano dall’alto in basso molti colleghi, anche per una mal celata invidia per i voti che continuamente la stampa anglosassone assegnava al duo italiano. Erano i preferiti dell’“Economist”: un bell’8 a lei, commissario per la pesca e gli aiuti umanitari dell’Unione europea, e 7 a lui che dirigeva la sezione “mercato unico”» (Il Foglio). “(fonte http://www3.varesenews.it/italia/articolo.php?id=218610)


  • pescatore giovane

    concordo pienamente con gino e rosa..manfredonia,per anni ha dominato nel campo nazionale sull’esportazione di pesce, ancor di piu su quella del bianchetto,e ne sn testimoni i grandi mercati ittici di milano bologna e firenze,in cui il sottoscritto ha avuto il piacere di lavorare.il bianchetto cresciuto, viene chiamato scarto, nessuno lo compra e cmq è un pesce di cui nessuno ne usurfruisce,mentre il bianchetto ha dato lavoro ai pescatori, ai commercianti,trasporti ecc…nn vi rendete conto del danno economico che state provocando all’intera popolazione..e anche questo a contribuire a bloccare l’intera economia,se un soggetto nn guadagna ovviamente nn spende…vorrei semplicemente dire a tutti i numerosi contropescatori, di essere solidali se nn per il bene della categoria dei pescatori,ma almeno per il bene della propria economia, che dovrebbe interesse tutti…vorrei inoltre ringraziare tutte le persone che si stanno interessando a “risolvere” la questione,e pregherei la capitaneria di porto ad essere piu flessibili,per il bene di questa citta,che ha avuto un grande nome nei mercati nazionali.grazie


  • GINO

    Vorrei che con dati e prove ci dicano Che danno fanno in tutto l’adriatico 50 barche per 30 o 40 giorni all anno ! Ripeto in tutto l Adriatico !!!!! Qualche sett fa che le piccole barche hanno lavorato fuori , i merluzzi grandi sono andati a meno di 2 euro al chilo!!! E le cicale idem!! Noi con questi due mesi di bianchetto avevamo un giusto equilibrio, Manfredonia ha tante barche e per questo abbiamo bisogno di fare pesche diverse!!!!!! Possibile che siamo governati da alcuni tizi che di pesca e dei problem dei singoli comparti non capiscono niente??? E pensare che ste leggi si fanno a Bruxelles dove non ce nemmeno il mare!!!!!!!!!!!


  • GINO

    Sig sindaco , Ass. Angelillis , Stoppiello e chi può darci una mano non abbandonateci , ricordate che dietro a queste problematiche ci sono famiglie che non possono piu pagare affitti , gasolio e mutui!!!!!!


  • anonimo

    Ma si può sapere quando vi andate a ribellare fisicamente? ma pensate davvero che il sindaco legga i vostri commenti? lui se vuole può fare qualcosa, ma siccome vede la vostra FIACCHEZZA se ne frega, perchè tanto sta bene a casa sua! Domani presentatevi davanti al comune, basta uno a fare il primo passo! Basta con questi lamenti, passate ai fatti!


  • tempesta

    cari pescatori fareste bene prima a chiedere a nunzio stoppiello e i —-politici quanti soldini anno avuto x fare questa pesca a titolo sperimentale e voi dovete pescare a titolo di beneficienza ricordatevi che mai nessuno che non sia un pescatore a fatto mai niente x i pescatori se non ce il ritorno di( EEEEEEEEUUUUUURRRRRRRRIIIIIIIIIIII


  • mozzo

    GINO vedi di rispettare chi come me pesca al largo oltre le sei miglia e il bianchetto non lo penso proprio. Impara a pescare onestamente e a rispettare mare e pesci. E non te la prendere con la Capitaneria perchè loro fanno bene a sequetrare il bianchetto e a verbalizzare altrimenti tra qualche anno il mare sarà vuoto…..


  • GINO

    Non voglio fare polemica ma tu impara a pescare con un solo sacco da 50mm !! E proprio questo disinteresse per gli altri a portarci a questo!! Quando tutte le barche verrano fuori vedrò cosa guadagnerai !!!


  • pescatore giovane

    per anonimo..vi chiedo gentilmente di documentarvi prima di parlare, nel 2011 ttt le barche hanno scioperato,hanno bloccato il porto,hanno bloccato le importazioni di pesce a manfredonia,sn stati a scioperare a roma e bruxelles,e cosa ci hanno guadagnato?una “promessa” di cassa integrazione x i 3 mesi in cui nn sn usciti una sl volta..beh i soldi saranno pure arrivati ma “chissa a chi” perche i pescatori nn hanno visto un centesimo..
    per mozzo,ma se gia tra di noi iniziamo ad invidiarci o a criticarci cm pensi di risolvere la situazione?sn diversi tipi di pesca,nn sn paragonabili….ritieniti fortunato del tuo pescato,e spera che si riuscita ad avere il permesso della pesca del bianchetto,altrimenti ne pagheresti anche tu le conseguenze,nn è una supposizione…ma un dato di fatto.


  • mozzo

    1kg di bianchetto sono circa 5 euro mentre lo stesso kg di bianchetto da adulto sarebbero almeno 30 kg di pesce che corrispondono almeno a 100 euro. Cosa conviene? È quello che non capite……


  • GINO

    Non sei uno della categoria , altrimenti sapresti che 30kg di bianchetto piu adulto vale 0 ! Se poi tu sai chi può comprarlo facci sapere te ne saremo grati!!!!


  • Franco

    Ma ancora appresso a Angelillis, Stoppiello &. C. andate? Povera Italia…


  • anonimo

    Pescatore giovane, io sono dalla vostra parte, se vai sul sito fi federcoopesca puoi leggere il decreto del permesso del rossetto che hanno dato solo alla liguria e alla toscana. E’ giusto??? per me no, ecco perchè dico ribellatevi, gli uomini che vi rappresentano non sono buoni o meglio vedono solo il loro interesse mentre in liguria e toscana no, visto che hanno il permesso dal 2011. altre barche vanno bene se voi non andate a lavorare, come quella con i baffi


  • anonimo

    Mozzo se sei quello che va a lavorare anche con la tempesta, allora prima di parlare rispetta anche tu le regole, visto che con il motore che hai devi andare oltre le 6 miglia. Se poi non sei quello, ritiro quello che ho detto.


  • peppe

    Ma vendiamole tutte queste barche e facciamo anche noi i caciocavalli…….male che va abbiamo da mangiare


  • mozzo

    ANONIMO visto che parli cosi sei anche tu della categoria. Quindi sai meglio di me che non solo le barche che vanno al largo non sono in regola con i motori ma soprattutto i topolini che da 100 hp di licenza ne montano 300. se vuoi posso fare un elenco delle barche….


  • daffa

    PEPPE VAI A LAVORARE


  • camilla

    PEPPE a quanto li vendi i caciocavalli? troppo forte sta battuta, almeno c’è qualcuno che dice scherzando cose serie


  • tempesta

    questa e l’ennesima presa in giro porteranno i pescatori fino ad aprile dopo di che ( cumper mio che taggia da )angelillis fai quello che sai fare stai a casa


  • tempesta

    ormai tutti sanno quello che e successo ieri mattina la GdF E LA CP di manfredonia anno setacciato il mercatino di monticchio multando la povera gente di 1000 euro solo x che non avevano il prezzo sul prodotto invece di guardare cose molto piu importanti (mi sorge un dubbio sara forse che x loro esiste il giorno27?


  • tempesta

    caro sig sindaco lei che di sinistra e come si puo capire ambite molto alla poltrona di montecitorio se non siete capaci questanno di dare quello che i pescatori anno bisogno (ELEZIONI) QUANDO LO FARETE?IN QUANTO A LEI SI PUO SCORDARE I VOTI DEI PESCATORI SEMPRE CHE ABBIANO LE PALLE


  • tempesta

    X MOZZO DICI DI ESSERE UN PESCATORE FINCHE CERA IL BIANCHETTO OLTRE 150 NATANTI NON ANDAVANO FUORI A PESCARE ORA CI ANDRANNO TOGLIENDO DI TUTTO X DI FARE LA GIORNATA ORA DIMMI CHI FARA LA COVA SE VIENE PESCATO PRIMA? NON APRIRE LA BOCCA SOLO X RESPIRARE TI SALUTO


  • anonimo

    tempesta hai detto la santa verità, al mozzo fa comodo se non danno il permesso, voleva la cassa integrazione anche quest’anno, solo per stare lui per mare e poi scrive lettere per avere chiarezza sul mercato. come se non sappiamo che poi vende i pesci alla mano.


  • GINO

    Fino ad ora tutto fermo!!! Niente commercializzazione!!! Boo!!!!!!!’. Abbiamo tutti contro, e ci raccontono un sacco di belle promesse ma il tempo passa e tutto tace se non il fatto che la CP a sequestrato ancora reti e fatto 4000 euro di multe a un ” povero lavoratore che e messo male come tutti!”. Grazie CP. Vergognatevi


  • matteo

    GINO a te forse piace vivere nell’illegalità. Noi dobbiamo ringraziare la CP e le altre forze armate che si impegnano per tutti noi affiche viviamo in una cittadina civile e onesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi