CronacaFoggiaManfredonia

Petrolio sversato al largo di Termoli: “Tremiti a rischio?”

Di:

Una piattaforma petrolifera (AP Photo/Dave Martin)

Bari – “UNA chiazza nera di petrolio minaccia le coste abruzzesi, il litorale molisano e le nostre Tremiti. In casi come questo, non avremmo mai voluto dire ‘l’avevamo previsto’, ma quello che sta accadendo in Adriatico era uno dei rischi che ci hanno sempre fatto ripetere: petrolio in mare, no grazie”. Il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, segue con apprensione lo sversamento dal campo petrolifero Rospo Mare, al largo tra Abruzzo e Molise, a 12 miglia da Termoli. Mille litri di idrocarburi sono stati liberati in superficie e le correnti li spingono verso le isole pugliesi.

“La Direzione Marittima competente della Guardia Costiera informa che le unità sono già al lavoro e che non dovrebbero verificarsi danni all’ambiente litoraneo, ma il fatto stesso che un incidente si sia verificato e che stia impegnando uomini e mezzi della Marina – continua Introna – conferma che coltivare petrolio scadente in un mare così piccolo non è un rischio calcolato: è un azzardo gravissimo. Il vantaggio non vale il pericolo di un disastro ambientale”.

“È questo che segnaliamo al Governo centrale, in particolare al ministro Clini, che se non ha mai respinto un canale di confronto con la Puglia, con le Regioni e con il nostro “No”, ha sempre puntato su una valutazione dei costi benefici della ricerca e sfruttamento di idrocarburi marini. Ritengo che la valutazione sia stata fatta proprio da questo incidente e che il risultato sia di tutta evidenza: coi nostri mari non si gioca, non si barattano con nessuna macchia nera le risorse del turismo, della pesca, dell’ambiente”. È auspicabile – conclude il presidente del Consiglio regionale pugliese – che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo nazionale vorranno farsi carico di queste legittime preoccupazioni dei cittadini che si affacciano sull’Adriatico, rivedendo tutta la normativa che oggi consente con procedure alquanto discutibili il rilascio di autorizzazioni a violentare il nostro mare”.

«Non sembrano esserci ad ora danni apparenti nello specchio di mare al largo delle coste fra l’Abruzzo e il Molise, verso le Tremiti». Lo ha detto il capitano di vascello, Luciano Pozzolano, direttore marittimo dell’Abruzzo e del Molise della Direzione Marittima Guardia Costiera, in merito ai risultati del monitoraggio aereo a seguito dello sversamento in mare di idrocarburi al campo petrolifero Rospo Mare, a 12 miglia a largo di Termoli. Secondo Pozzolano si tratta di greggio. Le unità della Guardia Costiera sono al lavoro sul posto. Lo riporta la Gazzetta del Mezzogiorno.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • pino


  • renesmee

    mi dispiace tanto per le isole tremiti.li l’acqua e bellissima e splende come un diamante pero’ a vedere questa macchia nera cioe’ il petrolio dispiace tantissimo.che peccato.


  • EDWARD CULLEN

    e una vergogna,ma dai si deve rovinare un mare cosi’ bello e splendende come un cristallo.comunque i pescatori sono incivili e non ci tengono proprio al mare perche buttano scatole di polistirolo,bottiglie in cui era contenuta benzina e poi l’olio delle navi o barche.tutte queste cose vanno a influire nel mare e poi ci credo che c’e petrolio.a me dispiace moltissimo delle tremiti perche quello e l’unico mare che si salva dall’inquinamento.e una schifoooooo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi