Scuola e Giovani

Rete studenti, ‘Contro il femminicidio: mettici la faccia!’

Di:

Rete studenti: ‘Contro il femminicidio: mettici la faccia!’ (st@)

La CGIL da tempo in prima linea contro la violenza sulle donne aderisce e sostiene l’iniziativa degli studenti. Tanti i dirigenti sindacali che si sono fatti fotografare per la campagna. (Nella foto in alto, da sinistra: Vera Lamonica, Segretario Confederale CGIL, Susanna Camusso, Segretario Generale della CGIL, Elena Lattuada e Serena Sorrentino, Segretarie Confederali CGIL).

Si tratta di una campagna che, come spiegano gli studenti in una nota “si pone l’obiettivo di continuare all’interno delle scuole per sensibilizzare sul dramma della violenza sulle donne”. Secondo l’ISTAT, infatti, una donna su tre, tra i 16 e i 70 anni è stata colpita, nell’arco della propria vita, dall’aggressività di un uomo, e nel 63% dei casi alla violenza hanno assistito i figli. Le donne più colpite sono quelle comprese nella fascia 16-24 anni. “Vogliamo lanciare un messaggio politico molto forte – spiegano -. Chiediamo e vogliamo vivere in una società che tuteli i diritti di tutti e non permetta più di lesionare la dignità altrui. Siamo convinti che la nostra iniziativa possa essere un segnale importante”.

Sono già migliaia le adesioni, tra cui tantissimi nomi del mondo dello spettacolo e della politica: don Gallo, don Ciotti, Gherardo Colombo, Lorella Zanardo, Maso Notarianni, Mao Valpiana, Giuliano Giuliani, Marina Terragni, Attilio Bolzoni, Laura Puppato, Pierpaolo Capovilla, Flavio Lotti, Luca Bassanese, Claudio Bisio e altri ancora.

Per aderire alla campagna, e metterci la faccia. L’indirizzo facebook della campagna: http://www.facebook.com/pages/Femminicidio-mettici-la-faccia/461124243952543?ref=ts&fref=ts


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi