Foggia
"Poche idee e ben confuse per dei lavori che dovevano durare pochi giorni"

“Lavori su Piazza Cavour, paradigma indeterminazione Landella”

"Resta da capire perché se si è pensato a rendere più duratura e visibile la segnaletica orizzontale per dare maggior sicurezza a pedoni non si sia programmata la messa a norma dei passaggi pedonali posti sui viali laterali della piazza"


Di:

Foggia. ”I lavori per la “risistemazione” della segnaletica orizzontale presente in piazza Cavour è il paradigma di come l’Amministrazione Comunale esercita il governo della città.

Poche idee e ben confuse per dei lavori che dovevano durare pochi giorni. Prima dei cordoli in cemento posati e rimossi. Poi un piano di interventi di cui nessuno rivendica la paternità finalizzato, forse, anche alla rimozione dei semafori. Ora la sospensione dei lavori in attesa di una loro ridefinizione. Peccato che il Consiglio Comunale abbia approvato il 22 giugno del 2016 una mozione, primi firmatari Sciagura e Rizzi, che accoglie le proposte formulate dal WWF per la ridefinizione della viabilità sulla piazza. Perché gli ideatori dell’intervento non ne hanno tenuto conto?

Se si prende per buona l’ultima dichiarazione con cui si afferma che i lavori di risistemazione della segnaletica servono per tutelare meglio la viabilità e la sicurezza dei pedoni, sono tante le perplessità che sorgono guardando come sono fatti i lavori.

Prima ancora di una qualsiasi considerazione facciamo notare che avvicinandosi alla piazza non è presente una segnaletica che preannuncia i “lavori in corso” e i restringimenti delle corsie di marcia causati dalle “reti arancione” fissate a paletti di ferro che delimitano le zone dei lavori. Da una lettura molto superficiale delle norme del Codice della Strada relative ai “lavori stradali” (art 20,21 e 22) si evince che, per i lavori che superano i sette giorni di durata, dovrebbe essere presente una adeguata segnaletica e le “recinzioni” che delimitano le zone dei lavori dovrebbero essere ben visibili anche di notte con adeguati segnali rifrangenti e luminosi. Probabilmente, per ridurre i rischi alla circolazione, oltre ai normali segnali che preannunciano i lavori stradali, potrebbe essere utile limitare la velocità riducendola a massimo 30Km orari.

Entrano più nel merito dei lavori salta subito all’occhio che, mancando la segnaletica prescritta, non si riesce a capire chi abbia disposto i lavori, chi li stia eseguendo, in quanto tempo devono essere finiti e chi è il direttore dei lavori. Per questi motivi non si riesce a capire se si sia in presenza di una semplice dimenticanza o se tutto sia ancora da definire. Fornire le dovute informazioni servirebbe anche a spegnere polemiche sempreché queste informazioni siano disponibili.

Sull’opportunità dei lavori, se questi servono per rendere più duratura la segnaletica orizzontale, probabilmente si sarebbe fatto prima obbligando chi si è aggiudicato la manutenzione della segnaletica all’uso di vernici rispondenti alle norme fissate con le circolari ministeriali e rispondenti alla normativa europea. Prima o poi qualcuno dovrà spiegare perché a Foggia la segnaletica stradale, quando rifatta, non dura a lungo.

Resta da capire perché se si è pensato a rendere più duratura e visibile la segnaletica orizzontale per dare maggior sicurezza a pedoni non si sia programmata la messa a norma dei passaggi pedonali posti sui viali laterali della piazza perché, con i semafori sempre spenti e la volontà dichiarata di rimuoverli, i passaggi pedonali devono essere posti almeno cinque metri prima della linea d’arresto in presenza di segnali di precedenza o arresto.

Ora, nell’indeterminazione dei lavori da eseguire e nell’attesa che ci sia un piano per la ridefinizione della viabilità su piazza Cavour, non ci resta che chiedere all’amministrazione il ripristino del manto stradale e della segnaletica orizzontale nell’attesa che ci sia un progetto chiaro di risistemazione di piazza Cavour. Chiediamo che sino a quando non siano messi a norma i passaggi pedonali gli impianti semaforici siano rimessi in funzione a luce gialla lampeggiante. Questo piccolo accorgimento non comporta alcun aumento di spesa perché la manutenzione di questi semafori è compresa nel costo dell’appalto assegnato e può stimolare a una maggior attenzione alla guida in presenza di attraversamenti pedonali.

(Foggia 22 febbraio 2017, Giorgio Cislaghi per il circolo Che Guevara – Foggia)

“Lavori su Piazza Cavour, paradigma indeterminazione Landella” ultima modifica: 2017-02-22T15:29:15+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • tommaso

    -esistono Vernici permanenti per segnaletica orizzontale
    Vernici per segnaletica orizzontale a base di resina acrilica non ingiallente, con microsfere di vetro premiscelate. Nei colori bianco, giallo, blu.
    Le microsfere con visibilità notturna
    Campo di impiego: superfici in asfalto per attraversamenti pedonali, strisce da 12/15/25 cm, posti auto, bande ottiche, ecc…
    Se unite all’utilizzo dei semafori …
    Perchè non verificare queste possibilità ?
    Ci sono tante zone in città con asfalto sollevato da radici e cordoli mancanti e, ancora, carenze di scivoli per il passaggio di carrozzine.
    Ci sono carenze che andrebbero affrontate con maggior vigore, ma invece si è scelto diversamente.
    Perchè ?
    Tommaso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi