Manfredonia
Nota stampa

Delegati del referendum: odg approvato dal Consiglio

Ai sensi dell'art. 46 comma 5 del "Regolamento interno del Consiglio regionale”, sulla proposta di legge n. 122/A "autorizzazione di spesa per le attività di campagna referendaria 2016"

Di:

Bari. Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato a voto nominale e a maggioranza il seguente:

ORDINE DEL GIORNO
Ai sensi dell’art. 46 comma 5 del “Regolamento interno del Consiglio regionale”, sulla proposta di legge n. 122/A “autorizzazione di spesa per le attività di campagna referendaria 2016.

IL CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA
Premesso
– che spetta al Consiglio regionale del Puglia, in quanto promotore, produrre materiali informativi per propagandare la campagna referendaria per l’abrogazione del comma 17 dell’articolo 6 del Decreto legislativo n. 152 del 2 aprile 2006, limitatamente alle parole “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale” ;
– che tali iniziative di promozione dell’istanza abrogatrice ben potrebbero essere finanziate a carico del bilancio del Consiglio regionale in virtù dell’articolo 97 della Costituzione, che conferisce al Consiglio regionale la qualifica prevalente di soggetto promotore anche con riferimento alla normativa vigente in materia di propaganda elettorale;
– che non sfuggono però dalla riflessione gli effetti squisitamente politici derivanti dal confronto elettorale referendario, pur consapevoli della natura giuridica dell’atto di promozione dell’iniziativa referendaria: deliberazione impegnativa a carico della Istituzione regionale in quanto tale e per questo da eseguirsi con tutte le modalità legittimamente esperibili anche con riferimento alle spese occorrenti;
– che nel contemperamento tra esigenze giuridico-formali e politiche, non pare che la mancata incidenza a carico del bilancio del Consiglio regionale per finanziare le spese necessarie alla propaganda referendaria sia in grado di sacrificare l’intento abrogativo auspicato, alla condizione che sia indicata altra iniziativa di finanziamento comunque in grado di raggiungere lo scopo prefissato;
– che in questo senso appare plausibile il finanziamento personale dei Consiglieri regionali, in grado di generare – contemporaneamente – risparmi a carico delle casse pubbliche e salvaguardia della promozione dell’intento referendario;
– che ai sensi dell’art. 46 comma 5 del “Regolamento interno del Consiglio regionale” l’approvazione del seguente ordine del giorno comporta la preclusione della votazione sulla proposta di legge n. 122/A “Autorizzazione di spesa per le attività di campagna referendaria 2016”, iscritta all’ordine del giorno del Consiglio regionale odierno.
Tutto ciò premesso,
il Consiglio regionale della Puglia approva quanto in premessa, anche per gli effetti previsti dall’art. 46 comma 5° del “Regolamento interno del Consiglio regionale”, e ordina ai servizi finanziari del Consiglio regionale – previa necessaria sottoscrizione individuale del presente da parte dei Consiglieri regionale della Puglia e degli assessori esterni – di apportare un prelievo di almeno 1.000 euro sulle indennità del mese di aprile, da assegnare ai delegati regionali della Puglia (art. 52 della L. 352/1970), per finanziare – con le modalità ritenute più opportune – le “Spese per la campagna informativa sul referendum popolare del 17 aprile 2016 (DPR del 15 febbraio 2015)”.

I delegati del Consiglio regionale della Puglia per il referendum – Giandiego Gatta e Giuseppe Longo.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This