ManfredoniaStato news
Finora sono state completate 3 zone, complessivamente più di 5mila le utenze domestiche già raggiunte pari al 40% del totale di tutto il territorio cittadino

Manfredonia, materiale raccolta differenziata porta a porta: zone e primo bilancio

Ogni cittadino diventerà responsabile dei propri rifiuti

Di:

Manfredonia. SERVIZIO di raccolta differenziata ‘porta a porta’: continua la consegna del kit a Manfredonia.

Le vie della zona 6 (servite a partire da domani mattina, 22 marzo 2016) sono:
Via degli angioini
Viale miramare fino hotel gargano
Viale Dante alighieri
Via Togliatti
Parco Sicilia
Parco Calabria
Parco Lucania
Parco Campania
Parco Puglia
Via Santa restituta
Via Gargano
Via Petrarca

Da raccolta dati, finora sono state completate 3 zone, complessivamente più di 5mila le utenze domestiche già raggiunte pari al 40% del totale di tutto il territorio cittadino.

FOCUS: focus raccolta differenziata a Manfredonia

FOCUS FINANZIAMENTO COMIECO

Il personale autorizzato alla consegna del kit è identificabile attraverso la pettorina indossata (color blu royal con loghi Comune di Manfredonia – in alto a destra – e “A.S.E. SpA” – in alto a sinistra – con la scritta “#DIFFERENZIAMOCI” sul fronte e sul retro). Gli operatori consegnano (secondo un preciso cronoprogramma tecnico che quotidianamente viene comunicato alla cittadinanza) i kit in comodato d’uso gratuito sull’uscio della porta (non sono autorizzati ad introdursi nelle abitazioni, si invita a segnalare immediatamente qualsiasi situazione dubbia).

In caso di mancata presenza dell’utente, sarà lasciato nella cassetta della posta un tagliando personalizzato da presentare all’ “Ufficio Raccolta Differenziata”, sito in Via Tratturo del Carmine, a disposizione per informazioni e ritiro kit dalle ore 8.30-12 dal lunedì al sabato. Altresì, da lunedì 22 febbraio sono a disposizione i seguenti recapiti: 800.724590; 0884.542896; 345.6558565; www.asemanfredonia.it (mail: raccoltadifferenziata@asemanfredonia.it) ed i canali social Facebook e Twitter (dai quali sarà possibile consultare e scaricare tutti i materiali informativi).

Il materiale da consegnare è così composto:
– N. 5 MASTELLI (marrone per l’organico; giallo per carta, cartone e tetrapak; blu per plastica e metalli; verde per il vetro; grigio per l’indifferenziato);
– N.1 BROCHURE ESPLICATIVA SU MODALITA’ CONFERIMENTO (anche per le utenze commerciali);
– N.1 CALENDARIO ADESIVO (per le utenze domestiche);
– N.1 GLOSSARIO (con spiegazione sulle modalità di conferimento dei singoli rifiuti);

Ecco i dettagli del nuovo servizio: quotidianamente, dal lunedì al sabato, secondo un calendario prestabilito e consultabile all’interno dei materiali informativi, i cittadini dovranno esporre all’esterno delle proprie abitazioni, condomini o esercizi commerciali le diverse attrezzature dedicate alla raccolta dei singoli materiali. Ogni cittadino diventerà responsabile dei propri rifiuti. Il nuovo servizio interesserà tutto il territorio cittadino (diviso in una decina di zone, ivi comprese Siponto, Frazione Montagna, Riviera Sud e Borgo Mezzanone) e la sua attivazione consentirà alla città di Manfredonia di compiere un salto di qualità culturale, di decoro urbano e, non di seconda importanza, il contenimento dei costi per lo smaltimento rifiuti. ‘A.S.E. SpA’ risponde con mirate misure ed interventi alla richiesta di adeguamento regionale e nazionale del settore dell’ecologia ed alle esigenze quotidiane della comunità, in fatto di miglioramento ed efficienza del servizio. Informarsi è importante ed aiuta anche a smentire false leggende metropolitane che inutilmente diffondono “terrore psicologico” tra i cittadini. Fare la raccolta differenziata è semplice ed è un gesto di civiltà e di crescita culturale che Manfredonia aspetta e merita da tempo ed il cambiamento non deve destare alcun timore (a questo link video ufficiale raccolta differenziata porta a porta Manfredonia).

Trattasi di un nuovo sistema di raccolta differenziata “porta a porta” esteso a tutta la città. Le utenze domestiche e commerciali separeranno i propri rifiuti urbani, in casa o presso il proprio esercizio commerciale. L’esposizione dovrà avvenire nei giorni e negli orari stabiliti. A breve saranno rimossi i cassonetti stradali ed ognuno sarà responsabile della gestione dei propri rifiuti. Il nuovo sistema di raccolta differenziata “porta a porta” può finalmente partire e progressivamente sarà esteso a tutto il territorio comunale (in allegato tutti i materiali informativi da consultare e scaricare).

Calendario di Conferimento – UTENZE DOMESTICHE

ORGANICO Sacco biodegradabile e secchiello e/o carrellato marrone Esporre le attrezzature all’esterno della propria abitazione o condominio entro le ore 4:00 a partire dalle ore 21:00 del giorno precedente Lunedì, Mercoledì, Venerdì
CARTA E CARTONE Secchiello e/o carrellato giallo Esporre le attrezzature all’esterno della propria abitazione o condominio entro le ore 4:00 a partire dalle ore 21:00 del giorno precedente Sabato
PLASTICA E METALLI Secchiello e/o carrellato blu Esporre le attrezzature all’esterno della propria abitazione o condominio entro le ore 4:00 a partire dalle ore 21:00 del giorno precedente Giovedì

VETRO Secchiello e/o carrellato verde Esporre le attrezzature all’esterno della propria abitazione o condominio entro le ore 13:00 del giorno indicato Giovedì
INDIFFERENZIATO Secchiello e/o carrellato grigio Esporre le attrezzature all’esterno della propria abitazione o condominio entro le ore 4:00 a partire dalle ore 21:00 del giorno precedente.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA

Manfredonia, materiale raccolta differenziata porta a porta: zone e primo bilancio ultima modifica: 2016-03-22T00:49:47+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
18

Commenti


  • Giulio

    Come se dovessimo fare chi sa cosa. Vergognoso!!! In tutta l’Italia oramai si fa questa raccolta e noi qui a commentare . La mamma degl’imbecilli è sempre incinta.


  • Giulio

    Dimenticavo. Complimenti alla redazione per il supporto !


  • Redazione

    Dovere, buona giornata; Stato Quotidiano.it


  • Andrea L.

    ”Gent.le Direttore,

    Alcuni “PERCHÉ”.

    Ci riferiamo all’interrogazione avanzata dal Consigliere Ritucci nella seduta del Consiglio Comunale del 9 u.s. a proposito delle 35 presunte assunzioni (facilitatori) fatte dall’ASE per la raccolta differenziata ed ai commenti dei lettori sull’articolo apparso sul giornale l’11 u.s., per fare alcune considerazioni.

    Non siamo interessati a conoscere i nomi dei 35 facilitatori ma alle modalità con cui ASE gestisce il servizio pubblico ed i soldi dei cittadini.

    Pur prendendo per vero, per adesso, quanto affermato dal Sindaco sul non essere stato informato dell’assunzione dei 35 facilitatori, la risposta non convince. Va detto che comunque il Sindaco è tenuto a sapere attraverso i propri uffici.

    Allora la domanda che ci poniamo è: Quali sono gli uffici e i dirigenti preposti a vigilare sull’ASE? Gli uffici e i dirigenti erano a conoscenza? Perché gli uffici non hanno informato il Sindaco?

    Perché un consigliere deve fare un’interrogazione per venire a conoscenza di atti che dovrebbero essere pubblici?
    Sul sito del comune c’è una sezione ad “hoc” – amministrazione trasparente – dove dovrebbero essere pubblicati tutti gli atti prodotti sia dagli uffici comunali che dalle società partecipate dal comune.

    Dando una lettura, seppur veloce, si scopre che il comune con la delibera di giunta n. 400 del 27/12/2013, aggiornata con delibera di giunta n. 146 del 9/7/2014 e da ultimo con la delibera n. 18 del 30/1/2015 ha approvato il programma della trasparenza e dell’integrità ai sensi della legge n. 190 del 2012.

    Nella stessa sezione viene pubblicato anche il documento del nucleo di valutazione che attesta l’avvenuta verifica e completezza delle informazioni pubblicate.

    Dopo aver letto, la delibera ed il piano, ci chiediamo:

    Perché sul sito del comune non vengono pubblicati gli atti prodotti dall’ASE e dalle altre partecipate?

    Forse perché l’ASE è esonerata dal fornire le informazioni sulla gestione dei fondi assegnatigli per lo svolgimento del servizio?

    Il responsabile della trasparenza, come riportato nel piano approvato, quale iniziativa ha adottato in merito? E quali iniziative intende intraprendere?

    PERCHÉ il nucleo di valutazione, visto che ha attestato la completezza delle informazioni pubblicate, ritiene che tali atti non debbano essere pubblicati?

    É sufficiente che sul sito del comune o della stessa ASE vengano pubblicati gli atti prodotti per consentire sia ai consiglieri comunali che a tutti i cittadini di venire a conoscenza di come vengono spesi i soldi dell’ASE, che poi, sono i soldi che tutti i cittadini pagano con la TARI.

    E allora PERCHÉ i cittadini non devono essere messi a conoscenza di come vengono gestiti i propri soldi? L’attuale amministrazione che ha fatto della trasparenza (sic) uno dei capisaldi del proprio programma di governo per la nostra città, perché non dispone agli uffici e dirigenti competenti di provvedere a colmare tale lacuna, o meglio a far rispettare le leggi vigenti o ancora a dare esecuzione al piano sulla trasparenza, come esplicitamente riportato nella delibera prima richiamata?

    PERCHÉ non vengono pubblicati i compensi del Presidente e del direttore dell’ASE come avviene per gli amministratori e dirigenti del comune? Qual è l’ultimo atto approvato dall’ASE con cui sono stati stabiliti i compensi per tali soggetti?

    PERCHÉ non viene pubblicato l’atto con il quale è stato affidato alla società esterna la campagna informativa sulla raccolta differenziata o altre iniziative similari?

    PERCHÉ i cittadini non devono sapere a quale società è stata affidata la compagna informativa e quale compenso gli verrà corrisposto? Come è stato determinato il compenso?

    É forse necessaria una nuova interrogazione in consiglio comunale da parte di un altro consigliere comunale e forse ancora una risposta del tipo: non sono stato informato?

    Non può sfuggire all’attenzione di un lettore più attento che da quando è iniziato il rapporto di collaborazione con la società incaricata della campagna informativa, giornalmente, diremmo minuto per minuto, i cittadini vengono informati sugli interventi che vengono effettuati dall’ASE, e solo questi. Sulle informazioni che dovrebbero essere date, il silenzio più assoluto…

    PERCHÉ, dopo tutte le conferenze stampa, le notizie fornite dagli amministratori comunali, le notizie fornite dai facilitatori sulla raccolta differenziata, non è stata data alcuna informazione sul costo del servizio? L’attivazione della raccolta differenziata avrà un costo maggiore o minore rispetto al costo complessivo del servizio previsto per il 2015? Per il 2016 la TARI sarà aumentata?

    Anche qui nessuna informazione. Tanto poi si arriva alla fine dell’anno e BUONANOTTE AI SUONATORI. Quello che è stato speso è stato speso, se ne parlerà l’anno prossimo a fatti compiuti.

    Le risposte ad alcuni perché potrebbero essere una buona base per fornire ai cittadini quella trasparenza che tanto viene decantata ma che poi rimane solo sulla carta, in barba alle disposizioni vigenti, dando nel contempo una risposta ai dubbi avanzati dai vari lettori.

    Grazie e buon lavoro”

    (Mail ricevuta su segreteria@statoquotidiano.it il 21.03.2016 – Andrea L.)


  • Zuzzurellone Sipontino

    Nessuno è responsabile dei propi rifiuti se devono essere lasciati fuori dalla propietà. Non potrà essere emessa nessuna sanzione. Vai a dimostrare che sono stato io.


  • quante chiacchiere

    I’Ase commette una serie di errori::n1 il cittadino che deve uscire di casa come fa a essere responsabile dei propri rifiuti? A meno che non mettiamo la cosa sotto chiave .2allora forniteci bidoni con chiave perssonale


  • Antonello Scarlatella

    @Zuzzerellone.
    I fustini dei rifiuti debbono essere personalizzati con nome e cognome. Sbagliato se il comune ase non applicano pesantissime sanzioni per chi non rispetta orari e differenziazione.
    Siamo un popolo altamente incivile, e lo vediamo dalle cacate dai cani per strada, dalle carte e bottiglie gettate dappertutto.
    L’unica modo per farci diventare civili e’ mettere la mano al portafoglio con pesanti sanzioni agli indisciplinati.

  • Nell’incontro pubblico tenuto a palz.dei Celestini ci è stato detto che nei condomini oltre 6,verranno uliz.i “carrellati”.A portarli fuori ci dovrà pensare il condominio.Siamo tornati al volontariato o a pagare qualcuno ,se disponibile,per l’incombenza.Alla domanda specifica i relatori presenti ne sono usciti dicendo che faranno incontri con amministratori per la risoluzione del problema e chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato:hanno finito di parlare e sono scappati via.


  • deluso

    x Giulio l’imbecilli e chi lo dice no chi lo e
    dai tempo ne vedremo delle belle.
    il disagio che avranno molti cittadini
    di questa cosa forzata. la maggior parte non la desidera


  • Nessuno

    Su Stato Quotidiano un lettore ha pubblicato dieci domade. Nei commenti sembrava che tutti conoscevano le risposte. Anche la redazione di Stato Quotidiano prometteva un articolo con le risposte. Nel successivo incontro a palazzo Celestini non ancora sanno come gestire le utenze condominiali e dicono che faranno fututi incontri con gli amministratori.
    Come ha detto Giandolfi? Io speriamo che me la cavo!


  • Redazione


  • Il domestico

    Quando verrete da me vi manderò a fare nel XXXX e spero sia vera la voce di popolo che tutto è stato bloccato!!


  • IL GRANDISSIMO FLOP DELLA DIFFERENZIATA A MANFREDONIA

    Le prime avvisaglie sono molto incoraggianti.


  • Rosa

    Madonna quanto è bravo Giulio.Ti assumo a venire a selezionare la monnezza.Io non ho tempo e voglia.


  • Il flagello della differenziata sui cittadini.

    Fermatela prima che sia troppo tardi!


  • convinto

    Siamo convinti come ci hanno filato l’euro.
    Tutti entusiasmi, ci siamo complicati la vita e il futuro.
    Ci vogliono ancora complicare la vita, già è complicata
    X le Caldaie. Tare. Imu. e quante ne te…..


  • Manfredonia è letteralmente insozzata da deiezioni canine


  • Manfredonia: la capitale dei bidoni.

    I profilattici usati dove vanno messi? Esigo un altro bidoncino!! Altrimenti lancio i palloncini per strada!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi