CronacaStato news
Ulteriori indagini sono tutt’ora in corso per procedere all’identificazione delle altre persone coinvolte nell’evento che saranno deferite all’Autorità Giudiziaria

Violenza e resistenza a P.u.; arrestati 5 tifosi del Barletta

L’immediato intervento dei poliziotti del Commissariato di PS di Canosa di Puglia ha consentito di evitare lo scontro fisico tra le due fazioni e trarre in arresto due facinorosi tifosi locali

Di:

Bari. La Polizia di Stato, a Canosa di Puglia e Barletta, ha tratto in arresto cinque tifosi della squadra di calcio del Barletta, di età compresa tra i 31 ed i 41 anni, ritenuti responsabili dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e violazione della legge 401/89 in materia di ordine pubblico. Domenica pomeriggio, al termine della gara Barletta – Altamura, disputata presso lo stadio San Sabino di Canosa di Puglia e valida per il campionato di Eccellenza Pugliese, si è verificato uno scambio di insulti tra le due tifoserie culminato con un tentativo di aggressione che ha visto come protagonisti alcuni supporters del Barletta. Questi, raggiunto il parcheggio del settore ospiti, hanno cercato di aggredire la tifoseria dell’Altamura ed hanno lanciato sassi e bottiglie contro i mezzi parcheggiati infrangendo il lunotto di una vettura. L’immediato intervento dei poliziotti del Commissariato di PS di Canosa di Puglia ha consentito di evitare lo scontro fisico tra le due fazioni e trarre in arresto due facinorosi tifosi locali. Le indagini sono proseguite e, durante la giornata di ieri, con la fattiva collaborazione degli agenti della Polizia Scientifica che hanno fornito dettagliate riprese video, i poliziotti del Commissariato di PS di Barletta hanno individuato altri tifosi della squadra del Barletta che hanno partecipato agli scontri; tre di questi sono stati tratti in arresto avvalendosi della norma che, per i reati in materia di ordine pubblico, consente l’arresto nella flagranza di reato, in differita, entro le 48 ore. Per i cinque tifosi arrestati, associati presso la Casa Circondariale di Trani, è stata richiesta la misura del DASPO.

Ulteriori indagini sono tutt’ora in corso per procedere all’identificazione delle altre persone coinvolte nell’evento che saranno deferite all’Autorità Giudiziaria e per cui sarà richiesta la misura del DASPO.

Sempre nella giornata di ieri il Questore di Bari ha emesso 16 provvedimenti di DASPO a carico di altrettanti tifosi della squadra di calcio del Casarano, identificati grazie alla collaborazione tra gli agenti del Commissariato di PS di Barletta ed i Carabinieri della Compagnia di Casarano, che si erano resi protagonisti di scontri occorsi in data 21.2.2016, sempre presso lo stadio San Sabino di Canosa di Puglia, in occasione della partita Barletta – Casarano.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This