Regione-TerritorioStato news

Omicidio Yara: fratello e commercialista smentiscono alibi Bossetti

Di:

SECONDO i verbali, Massimo Bossetti, presunto assassino di Yara Gambirasio, ha dichiarato al pm di essere passato spesso a Brembate per andare dal fratello e dal commercialista. L’alibi, però, non regge. Il fratello ammette, infatti, di averlo visto di rado e il commercialista ricorda di averlo incontrato una volta al mese per le fatture.

Inoltre, il muratore si definisce metodico e abitudinario al punto di ricordarsi, appunto, cosa ha fatto “la sera del 26 o forse era il 27 novembre” perché “passando di fronte al centro sportivo vidi furgoni con grosse parabole e ne fui attratto”. Circostanza che non corrisponderebbe al vero in quando Yara fu rapita venerdì 26, il padre ne denunciò la scomparsa sabato mattina 27 e il circo mediatico arrivò solo domenica 28″.

E’ mistero anche sull’ultimo sms inviato da Yara. Sembrerebbe, infatti, essere stato inviato dall’auto del killer.

Redazione Stato

 

 



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi