Foggia

Consiglio comunale, passa mozione ‘Modello Foggia’

Di:

Foggia. La maggioranza di centrodestra ha approvato nel corso della seduta di questa mattina del Consiglio comunale la mozione ‘Modello Foggia’, in cui vengono definite le azioni da porre in essere sul fronte della sicurezza, ed in particolare a tutela dei commercianti e degli imprenditori vittime di reati di natura estorsiva. La mozione, nello specifico, prevede una tutela legale, che sarà assicurata dal servizio Avvocatura del Comune di Foggia per facilitare la iniziale denuncia, nonché consentire al cittadino vessato la sua difesa nelle consequenziali fasi giudiziali; il supporto psicologico che sarà prestato dagli assistenti sociali in servizio presso il settore delle Politiche Sociali alle vittime ed ai rispetti familiari, al fine di sostenere moralmente quanti cadono nella morsa del racket e dell’usura; controlli stringenti e quotidiani da parte degli Agenti di Polizia Municipale al fine di garantire maggiore sicurezza al cittadino vessato, alla sua attività commerciale o imprenditoriale ed alla sua famiglia; l’adozione di supporti tecnologici (come l’installazione delle telecamere di sicurezza) per favorire il controllo, di concerto con le altre autorità di pubblica sicurezza, delle attività commerciali; l’istituzione di un apposito capitolo di spesa in bilancio a copertura della proposta in parola, demandando a ciò l’assessorato ai Servizi finanziari; l’istituzione di un apposito regolamento, da pubblicizzare adeguatamente in favore della cittadinanza, da predisporre di concerto con le associazioni antiracket e antiusura maggiormente rappresentative che operano sul territorio, con le quali sottoscrivere un protocollo d’intesa per i servizi da rendere in favore dei cittadini colpiti da questi reati.

Si tratta di interventi importanti in materia di legalità, che abbiamo immaginato e costruito come segnale di sostegno e vicinanza ai commercianti vittime dell’odiosa piaga estorsiva e come naturale prosecuzione dell’Ordine del Giorno approvato dal Consiglio comunale all’unanimità circa un anno e mezzo fa, all’esito della seduta monotematica dedicata all’emergenza sicurezza. Un segnale di discontinuità rispetto al passato, che si unisce alla decisione politica dell’attuale Amministrazione comunale, attraverso la quale il Comune di Foggia, come già avvenuto recentemente, si costituisce parte civile nei processi penali per i reati di natura estorsiva – commentano i consiglieri di maggioranza –. La nostra proposta, quindi, è finalizzata a definire con maggiore puntualità il perimetro di intervento del Comune, ad offrire assistenza legale alle vittime di reati estorsivi, a migliorare le azioni nel campo della sicurezza, ad assicurare un sostegno economico non in modo indiscriminato, ma all’esito di un procedimento penale ed in presenza di una sentenza passata in giudicato che accerti la pratica estorsiva. Si tratta di misure concrete, che auspicavamo potessero essere condivise dall’intera Assemblea consiliare”.

“La minoranza consiliare, invece, ha trasformato il tema della legalità in una bandierina politica, contraddicendo lo spirito di unità che ci aspettavamo animasse il dibattito di oggi in Consiglio comunale – rilevano i consiglieri della maggioranza di centrodestra –. La mozione depositata dalla maggioranza, infatti, integrava e migliorava il cosiddetto ‘Modello Ercolano’ presentato dalla minoranza, senza contraddirne né lo spirito né le finalità. Peraltro nelle scorse settimane sulla nostra proposta c’era stata una serena e proficua interlocuzione con la minoranza, che sembrava far da preludio ad una condivisione unanime del ‘Modello Foggia’ – sottolineano i consiglieri di maggioranza –. Questa mattina, purtroppo, la minoranza ha scelto di fare le barricate, rifiutando addirittura la proposta del ritiro delle due mozioni e la costruzione all’unanimità di un terzo documento, dunque respingendo una soluzione condivisa e mandando in scena la consueta strumentalizzazione operata da chi, evidentemente, aveva come unico e solo obiettivo quello di piantare una bandierina politico-partitica”.

“La legalità non è un vessillo di parte né può essere derubricata ad argomento di propaganda – concludono i consiglieri di maggioranza –. Il centrodestra preferisce i fatti alle strumentalizzazioni, le risposte concrete alla sterile polemica”.

fotogallery vincenzo maizzi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati