Manfredonia
Erano gli anni Novanta in fondo e c'erano a disposizione i miliardi di lire del Contratto D'Area

Manfredonia in Movimento “Il curioso caso di Benjamin ‘Energas’ Button”

E' molto facile far sembrare oro una proposta vecchia di vent'anni e che già nacque vecchia per i tempi quando non si è mai pensato a sviluppare il territorio

Di:

Manfredonia. Benjamin Button è un personaggio letterario e cinematografico creato da Francis Scott Fitzgerald. Benjamin ha la particolarità di nascere novantenne e poi di ringiovanire man mano nel corso della vita mentre gli altri, come natura vuole, invecchiano. Energas si affaccia nel Golfo di Manfredonia nei lontani anni 1996/1998: si chiamava ancora Isosar, c’era Gaetano Prencipe sindaco, Manfredonia sperava di far decollare il porto industriale anche senza nastri d’oro e i pc funzionavano con i floppy disk. Il progetto del megadeposito era il medesimo, tecnicamente, di quello che ora si vuol far passare come il futuro lavorativo di tanti sipontini. Tuttavia Il progetto del megadeposito era un dinosauro nel concept già nel 1998, solo che gli studi internazionali prevedevano in Italia un ampio sviluppo nell’uso del gpl e il business di questa energia fossile sembrava molto appetibile. La prima autorizzazione ministeriale è un fax di una paginetta scritto con caratteri che ora sono scomparsi forse dalle librerie dei font tipografici: erano gli anni Novanta in fondo e c’erano a disposizione i miliardi di lire del Contratto D’Area. Serviva un luogo e dopo diverse ipotesi la soluzione venne dal Parco del Gargano che lo ritagliò dai suoi confini, riducendoli quel tanto basta per non dare dell’occhio agli ignari manfredoniani, ma non all’Europa, che infatti multò la Regione Puglia di circa 500.000 euro perché Santo Spiriticchio era stata già definita zona SIC e ZPS nell’ambito di Natura2000: importante per la flora e per fauna tipiche delle nostre zone.

E’ tutto passato: l’amministrazione Prencipe ha lasciato spazio al decennio di Campo e al primo mandato Riccardi (tutti figli del centrosinistra); la buona congiuntura economica del gpl è un grafico in rapida discesa; gli italiani non comprano molte auto a gpl anzi non comprano e basta; il porto industriale è bisognoso di un controllo e di una nuova protezione catodica (il gpl è molto “sensibile” alla energia statica, dicono i Vigili del Fuoco).

Sono rimaste due cose di quei tempi ormai remoti: dei permessi datati Isosar (con i quali Energas ha fatto leva nei ministeri e in regione Puglia e cercò di zittire l’intero consiglio comunale monotematico del 17 settembre 2015) e l’infrazione europea: secondo l’assessorato alla Pianificazione Territoriale della Regione Puglia istallare il megadeposito potrebbe aprire un nuovo procedimento disciplinare europeo perchè interferirebbe “con quanto attuato per risolvere la condanna inflitta allo Stato italiano dalla Corte di Giustizia Europea con Sentenza della Corte 20 settembre 2007”. La sanzione non è un condono di fatto. Non si può cioè essere condannati e continuare a fare quello che si era progettato. E’ uno stop categorico.

Il megadeposito sembra diventare sempre più “giovane” come progetto e “moderno” anche se ha quasi vent’anni. In termini di tecnologia e progettazione è come se oggi progettassimo le strade per carrozze e cavalli anziché per le automobili. Perché allora il lifting sta funzionando? La risposta è nelle parole di Karl Popper o di Karol Wojtyla sulla responsabilità sociale dei mezzi di comunicazione di massa, dal momento che spesso e volentieri la comunicazione delle informazioni da parte dei media (e aggiungiamo delle istituzioni) non è NEUTRALE. Quando occorre creare opinione e fidelizzare chi sta dall’altra parte purtroppo si sorvola sugli aspetti etici costitutivi del medium medesimo. L’informazione da parte di alcune istituzioni territoriali e di alcuni giornali a grande diffusione sul megadeposito sono a oggi ANCORA carenti e fuorvianti. Eppure un intero consiglio comunale è stato “vessato” legalmente affinché non discutesse la questione. Quale valore ha l’informazione senza par condicio? Intere colonne con il miraggio di un nuovo sviluppo economico senza contraddittorio. Inoltre ancor oggi molti rappresentanti delle istituzioni non si sono espressi anche se chiamati in causa personalmente. Diversi non avrebbero firmato la petizione ostativa Seveso III che da un anno è stata promossa da diverse realtà associative oltre che da alcune forze politiche.

Senza la trasparenza e la responsabilità sociale di chi dovrebbe informare e tutelare Manfredonia come si fa allora a dichiarare che il referendum sull’ Isosar/Energas-Q8 è un maturo frutto democratico? Il referendum è un mezzo potentissimo per scegliere e sarebbe anche vincolante stando alle normative Seveso II e Seveso III. Ma si può scegliere fra alternative che sono differenti ma ugualmente vantaggiose. Ancor oggi il vantaggio di installare un megadeposito, forse il più grande d’Europa, in una zona sismica e a rischio idrogeologico, con una base NATO vicinissima…sfugge. A parte dei dolci natalizi e la promessa velata di una Longobardia in serie A ai CITTADINI DI MANFREDONIA sfugge il vero motivo per cui questo deposito s’avrebbe da fare. Non può esserci un referendum se la scelta è fra lo diventare una bandierina sullo scacchiere internazionale della multinazionale del petrolio Q8 (con tutti i rischi che il gpl porta) oppure difendere il diritto alla salute e allo sviluppo sostenibile che una mala politica ha fin ora NEGATO al Gargano.

E’ molto facile far sembrare oro una proposta vecchia di vent’anni e che già nacque vecchia per i tempi quando non si è mai pensato a sviluppare il territorio. Energas sarebbe la quinta stella nera industriale dopo Anic, Porto Alti Fondali, Contratto D’Area e Manfredonia Vetro. A noi attivisti di Manfredonia in Movimento le stelle piacciono lucenti come il sole, non picee e obscure come la notte in cui tutte le vacche possono sembrare buone.

(Manfredonia in Movimento 21 giugno 2016)



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • Michele

    Fateci capire chi siete!
    I consiglieri che siedono in comune a quale partito rispondono? Quanti siete? Tra gruppi e gruppetti vari non si capisce più niente! Alle comunali c’era una lista unica MOVIMENTO 5 STELLE, ora non é più possibile sapere chi siamo! Ma é possibile che Manfredonia debba fare eccezione nel M5S?? Questa cosa dovrebbe essere segnalata a Grillo!


  • Stefano

    Un articolo stupendo..meraviglioso. Grazie!


  • Riccardo

    Trovo veramente assurdo che dopo il parere favorevole di due ministeri e del CTR ( massimo organo istituzionale preposto al controllo di progetti a rischio di incidente rilevante ) ancora si continua a battere sugli stessi argomenti. Perfino La base NATO di Amendola ( ministero della difesa ) chiamata in ballo ha ribadito la totale assenza di pericolo che il deposito secondo qulcuno potrebbe costituire. Si parla in maniera strumentale di salute pubblica messa in pericolo dalla Energas , ma non si capisce di cosa si ammalerebbe la gente considerando che la Energas non produce ne raffina un bel nulla , né tantomeno immette in atmosfera il gpl che come risaputo anche dai bimbi delle elementari iene a contatto con l’atmosfera solo quando viene utilizzato dagli utenti finali ( prodotto a ciclo chiuso ). Non si comprende il motivo per cui se Energas realizza il deposito , ogni altra ambizione , sogno o altro progetto turistico o industriale verrebbe annullato. In compenso abbiamo capito però che i nostri politici hanno sbagliato tutto nella loro vita ! Avevano un avvenire brillantissimo da tecnici del GPL , da esperti in sicurezza , da archeologi internazionali , da esperti in animali in via di estinzione. Tutto questo genio , tutta questa esperienza , tutta questa competenza sprecata in cambio di una poltrona in comune !! Tutti comprendono che il ripetere ossessivamente le stesse strumentali e prive di fondamento tecnico e scientifico ragioni del ” No Energas ” non possono trovare alleati tra coloro che sanno usare la testa e ragionare liberi da becere strumentalizzazioni.


  • Gaetano

    Davvero spaventoso quello che stiamo subendo giocano sulla nostra pelle
    sulla nostra ignoranza.


  • Manfredonia in Movimento

    Semplicemente ci sono da molti mesi due meetup a Manfredonia. Foggia ne ha 7, San Severo 4, Cerignola 2. Importante è che si facciano le battaglie per la città, ognuno secondo la propria sensibilità e il proprio stile nel fare le cose. Saluti


  • Franco

    Che strana idea di democrazia…


  • ippit

    Chiunque voi siate, aggregatevi a quanti stanno da tempo combattendo con tutta la determinazione possibile (Caons, Movimento 5 Stelle, Manfredonia Nuova, ecc.) affinché l’Energas se ne torni a Napoli e la Q8 vada a rompere le scatole altrove. Abbiamo bisogno sì di lavoro, ma anche di salute. E la salute non deve essere barattata con bugie e prevaricazioni infamanti.


  • Francesco

    Bugie ripetute sempre diventano verità per cittadini comuni. A Livorno ci sono due depositi di GPL costruiti qualche decennio fa, senza parchi, seveso 2 e 3, e il M5S li amministra e non sono giudicati pericolosi dal sindaco M5S rosso o neri.Ora REFERENDUM a Manfredonia.


  • poli

    Francesco, Riccardo, fatevene una ragione…. chiunque vuole bene a Manfredonia non può accettare tale insensato insediamento, non utile al territorio e tanto meno ai suoi cittadini di buona…… volontà e veduta !!!!
    Ottimo articolo…. e forza “NON ENERGAS” da parte di tutti……. o dei più lungimiranti cittadini.


  • Zuzzurellone Sipontino

    Tutti esempi di “colonia Interna”. La nostra provincia subisce tale doppio regime. Primo, perchè la Puglia finisce a Barletta, vedi il caso della università di Foggia. Dove con lo stabilimento dell’ ALENIA , più grande di quello di Grottaglie, e a differenza di loro, non vi è la facoltà di Ingegneria Aereospaziale. Manco poi a pensare di istituire le facoltà di Ingegneria Chimica e Chimica Industriale, come complemento. Secondo, inoltre colonia interna del resto dell’ Italia inquanto meridione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati